Il caso di Makhnev e Kuzin a Kaluga

Casi di successo

Nel giugno 2019 a Kaluga sono state perquisite diverse case di testimoni di Geova, tra cui le famiglie di Roman Makhnev e Dmitry Kuzin. Gli uomini sono stati arrestati e presto inviati in un centro di detenzione preventiva. Entrambi hanno trascorso sei mesi dietro le sbarre, e poi altri due mesi agli arresti domiciliari. L’FSB ha aperto un procedimento penale contro di loro, così come contro un altro credente, per estremismo. Nel novembre 2020 l’indagine è stata sospesa a causa della pandemia di coronavirus.

  • #
    26 giugno 2019

    Un gruppo di militanti armati e mascherati invade l'appartamento di Olga Verevkina, una credente di 87 anni. A Kaluga, l'FSB fa irruzione in almeno 6 appartamenti fino a tarda notte. Dispositivi elettronici, Bibbie, libri scientifici di studi religiosi vengono sequestrati ai residenti di Kaluga.

    Roman Makhnev, 43 anni, sostiene che in casa sua sono state piantate pubblicazioni proibite, sua figlia di 15 anni viene portata fuori e costretta a stare a piedi nudi sotto la pioggia mentre la casa viene perquisita. Roman Makhnev è stato portato all'edificio dell'FSB, dove è stato ammanettato a un tubo e lasciato in questa posizione fino al mattino successivo.

    Si è saputo che il Dipartimento Investigativo dell'FSB della Russia per la regione di Kaluga sta avviando un procedimento penale per fede ai sensi dell'articolo 282.2 (1) contro i Testimoni di Geova locali.

  • #
    27 giugno 2019
  • #
    28 giugno 2019

    Il tribunale distrettuale di Kaluga elegge Roman Makhnev e Dmitry Kuzin una misura restrittiva sotto forma di detenzione per un periodo di 2 mesi. La corte ignora ostinatamente le atrocità commesse dall'FSB ed elude di valutare le circostanze della detenzione dei credenti. Si sa che il 53enne Eduard Petrushin è diventato un altro imputato nel procedimento penale per la sua fede; Nessuna misura preventiva è stata scelta nei suoi confronti.

  • #
    30 giugno 2019 Ricerca
  • #
    3 luglio 2019

    Dmitry Kuzin e Roman Makhnev sono accusati di aver commesso un reato ai sensi della Parte 1 dell'articolo 282.2 del Codice penale della Federazione Russa.

  • #
    5 luglio 2019
  • #
    26 agosto 2019

    Galina Gobrusenko, giudice del tribunale distrettuale di Kaluga, proroga l'arresto dei fedeli per altri 2 mesi. Allo stesso tempo, il giudice commette gravi violazioni e rivela un atteggiamento prevenuto nei confronti dei credenti. La decisione è impugnata presso il tribunale regionale di Kaluga.

  • #
    28 agosto 2019

    I credenti che sono detenuti in custodia cautelare stanno scrivendo una lettera aperta al governatore della regione di Kaluga, Anatoly Artamonov. Dmitry Kuzin nella sua lettera riferisce di abusi da parte dell'ufficiale dell'FSB E. Beijing, che ha condotto la perquisizione nel suo appartamento.

    Roman Makhnev informa il governatore che in casa sua sono state impiantate pubblicazioni stampate, che ha chiesto di condurre uno studio approfondito di queste pubblicazioni (per identificare le impronte digitali) al fine di dimostrare che lui o i suoi parenti non erano coinvolti in esse, ma questo non è stato fatto dall'indagine. Inoltre, Roman Makhnev riferisce che durante la perquisizione, che è durata fino alle tre e mezza di sera, è stato costantemente ammanettato, e nell'edificio dell'FSB è stato ammanettato a un termosifone fino al mattino e non è stato nutrito per due giorni.

  • #
    9 settembre 2019

    Il tribunale regionale di Kaluga riconosce che durante l'udienza del 26.08.2019, il tribunale di grado inferiore non ha permesso ai credenti di difendersi e li ha addirittura derisi. Ad esempio, secondo la registrazione audio dell'udienza, il giudice Galina Gobrusenko ha detto a Kuzin: "Lei non è prigioniero di coscienza e non ha nulla a che fare con i primi cristiani, non è chiamato ai combattimenti dei gladiatori. E come seguace di Geova, sollevi anche molte domande". La Corte d'Appello osserva: "Con tali dati, è impossibile parlare dell'obiettività del giudice che presiede". Il tribunale ha deciso di rinviare il caso allo stesso tribunale per un nuovo processo, ma con una composizione diversa. I credenti rimangono in carcere.

  • #
    19 settembre 2019
  • #
    24 settembre 2019
  • #
    11 ottobre 2019
  • #
    26 ottobre 2019

    Il tribunale proroga la detenzione dei credenti fino al 26.12.2019.

  • #
    6 dicembre 2019 Ricerca
  • #
    15 dicembre 2019

    Circa 30 fedeli stanno aiutando la famiglia di Roman Makhnev, eliminando le conseguenze di un incendio nella casa di sua madre.

  • #
    24 dicembre 2019
    Il giudice del tribunale distrettuale di Kaluga, nella regione di Kaluga, Olga Alabugina, ha rilasciato Dmitry Kuzin dal centro di detenzione preventiva a porte chiuse, mandandolo agli arresti domiciliari per 2 mesi. Il credente ha trascorso 182 giorni in prigione.
  • #
    25 dicembre 2019
    Il tribunale distrettuale di Kaluga rilascia Roman Makhnev dal centro di detenzione preventiva, mandandolo agli arresti domiciliari per 2 mesi.
  • #
    31 dicembre 2019
  • #
    14 febbraio 2020

    Il capo del dipartimento investigativo dell'FSB proroga il termine dell'indagine preliminare del caso fino al 26/04/2020.

  • #
    20 febbraio 2020

    Con la decisione del giudice del tribunale distrettuale di Kaluga della regione di Kaluga, Viktor Potapeiko, gli arresti domiciliari per Dmitry Kuzin sono sostituiti dal divieto di determinate azioni. L'iniziativa di cambiare la misura di moderazione di Kuzin è stata presa dall'investigatore senior E. Pavshenko. La ragione di ciò è il deterioramento della salute dell'imputato, nonché l'età avanzata dei genitori che hanno bisogno di cure. L'investigatore afferma inoltre che Kuzin non viola le restrizioni che gli sono state imposte ed è "caratterizzato in modo soddisfacente".

    Ora gli è vietato uscire di casa di notte, comunicare con gli altri imputati nel procedimento penale (ad eccezione della moglie e della madre di Dmitrij), utilizzare le comunicazioni e Internet, nonché inviare e ricevere invii postali e telegrafici.

  • #
    20 aprile 2020

    Per quanto riguarda Dmitry Kuzin, cessa il divieto di uscire di casa di notte (dalle 22:00 alle 6:00). Le restanti restrizioni rimangono in vigore.

  • #
    13 novembre 2020

    L'investigatore senior del dipartimento investigativo dell'FSB della Russia nella regione di Kaluga, il maggiore della giustizia E. G. Pavshenko decide di sospendere le indagini preliminari del procedimento penale a causa della diffusione dell'infezione da coronavirus (COVID-19) nella regione.

  • #
    11 — 12 marzo 2024 Art. 282.2 (1)

    Si sa che l'inchiesta sul caso di Makhnev e Kuzin è stata ripresa.