Caso di Piskarev e altri a Orël

Casi di successo

Dal 2009, Vladimir Melnik, padre di molti bambini di Orël, registra i fatti di pressioni, minacce e provocazioni da parte dell’FSB. Nel dicembre 2020 è stato invaso dalle forze di sicurezza armate. Anche Vladimir Piskarev e Artur Putintsev sono stati arrestati. I credenti sono stati collocati in un centro di detenzione preventiva e i loro nomi sono stati aggiunti alla lista di monitoraggio di Rosfin. Nel gennaio 2022, il caso è andato in tribunale. Durante le udienze, è emerso chiaramente che nell’appartamento di Piskarev era stata installata un’intercettazione telefonica nascosta, le cui registrazioni audio costituivano la base delle accuse. Nel centro di detenzione preventiva, la sua salute ha iniziato a peggiorare: ha avuto un ictus e più di una crisi ipertensiva. Ciononostante, la misura di moderazione non è stata mitigata né per lui, né per Melnik, né per Putintsev. Nell’ottobre 2023, il tribunale ha condannato tre credenti a 6 anni in una colonia penale. Un appello nel marzo 2024 ha confermato il verdetto.

  • #
    8 dicembre 2020

    È stato aperto un procedimento penale contro Vladimir Piskaryov, 64 anni, Artur Putintsev, 50 anni, e Vladimir Melnik, 54 anni.

  • #
    9 dicembre 2020 Ricerca

    A Oryol, le perquisizioni sono in corso a 8 indirizzi. Sono stati sequestrati dispositivi elettronici, libri, documenti personali. In uno degli appartamenti, le forze dell'ordine prendono una raccolta di poesie, suggerendo che potrebbe contenere il nome "Geova".

    Vladimir Melnik e Vladimir Piskarev vengono arrestati e portati al dipartimento investigativo locale. Melnik è accompagnato da un ufficiale dell'FSB e da almeno 10 agenti di polizia, mentre Piskareva è accompagnata da un dipendente del Centro per il contrasto all'estremismo insieme alle forze di sicurezza SOBR. I credenti vengono mandati in un centro di detenzione temporanea. Le forze di sicurezza hanno portato via un'altra coppia di coniugi per interrogarla, ma in seguito li hanno rilasciati.

  • #
    11 dicembre 2020

    Il tribunale distrettuale Sovetsky di Orel manda Vladimir Melnik e Vladimir Piskarev in un centro di detenzione preventiva per 2 mesi. Il tribunale lascia Artur Putintsev nella struttura di detenzione temporanea.

  • #
    14 dicembre 2020

    Andrey Tretyakov, giudice del tribunale distrettuale Sovetsky di Orel, manda Artur Putintsev in un centro di detenzione preventiva per 2 mesi. Tutti e tre i credenti sono detenuti nel centro di detenzione n. 1 nella regione di Orël, un edificio noto come Orël Central. Si tratta di una delle più grandi prigioni della Russia zarista, in seguito prigione dell'URSS.

  • #
    28 dicembre 2020
  • #
    19 gennaio 2021

    Si è saputo che l'amministrazione del centro di detenzione preventiva n. 1 nella regione di Orël non consente a Vladimir Piskarev, 64 anni, di ricevere le medicine di cui ha bisogno, che gli sono state date dalla sua famiglia. I suoi compagni di cella gli hanno ripetutamente salvato la vita durante gravi attacchi di ipertensione. I dipendenti del centro di detenzione preventiva non fanno nulla. La famiglia invia denunce a varie autorità.

  • #
    21 gennaio 2021

    Dopo le denunce, comprese quelle indirizzate al capo del centro di detenzione preventiva n. 1 nella regione di Orël, il colonnello del servizio interno Yuri Afanasyev, i rappresentanti dell'amministrazione dell'istituto hanno riferito di aver consegnato al credente le medicine portate dalla moglie. Tuttavia, ha bisogno dell'aiuto qualificato di un cardiologo. Non c'è uno specialista corrispondente nell'unità medica.

  • #
    3 febbraio 2021

    Le mogli degli imputati sono autorizzate a partecipare all'udienza.

    L'investigatore I. A. Simonova chiede una proroga della detenzione per i credenti per un altro mese, fino all'8 marzo 2021. Afferma che l'imputato interferirà con le indagini, facendo pressione sui testimoni e nascondendo le prove. Allo stesso tempo, l'investigatore non nomina i motivi di questa affermazione. Il procuratore appoggia la proposta di Simonova.

    Il giudice pone domande chiarificatrici all'investigatore, ad esempio, perché richiede una proroga della custodia per 1 mese, anche se tutti gli esami, gli interrogatori, ecc. richiederanno (secondo l'investigatore) almeno 2-3 mesi e alcuni esami non sono ancora stati nominati a causa della quarantena.

    Parlano imputati e avvocati. I credenti nei loro discorsi menzionano i comandamenti biblici sull'obbedienza all'autorità e sulla manifestazione dell'amore, che sono incompatibili con l'estremismo. La difesa sottolinea anche che c'è una persona che è pronta a pagare la cauzione per gli imputati.

    Vladimir Melnik racconta che per più di 10 anni, dal 2009, le autorità hanno agito contro i testimoni di Geova nella regione di Orël. Ricorda alla corte che le attività di un'organizzazione religiosa locale non vengono svolte dal 2016, quindi non capisce le accuse contro di lui. Chiarisce la differenza tra LRO e gruppi religiosi.

    Vladimir Piskarev è il prossimo: "Sono un cittadino rispettoso della legge, siamo guidati dalle Sacre Scritture, obbediamo alle più alte autorità, e quindi non ho intenzione di nascondermi dalle indagini o dal processo". Il credente afferma inoltre che non gli è stata fornita alcuna assistenza medica in SIZO-1, nonostante l'ipertensione, una condizione pericolosa per la sua vita e la sua salute. Il credente richiama l'attenzione della corte sul fatto che alla sua età e nel suo stato di salute, essere in un centro di detenzione preventiva può portare alla morte. Durante i 2 mesi trascorsi nel centro di detenzione preventiva, ha già avuto 2 crisi, con quest'ultima la pressione è salita a 237/140. Osserva che, insieme ad altri prigionieri, ha presentato una denuncia contro l'unità medica del centro di detenzione preventiva, che è stata negligente riguardo alla salute degli arrestati. Sarà costretto a scrivere un'altra denuncia se la sua detenzione verrà prolungata, nonostante la sua malattia sia inclusa nell'elenco delle malattie gravi che impediscono la detenzione in un centro di detenzione preventiva.

    Poi parla Artur Putintsev: "Ho 51 anni, ho passato tutta la mia vita a fare del bene alle persone. Lavoravo come responsabile di un'azienda privata, avevo 100 persone, mi prendevo sempre cura di loro. Il Comitato d'Inchiesta non ha nulla a che fare con il caso, che io abbia avuto problemi con la legge. [...] Quando sono stato arrestato, ho chiesto: quale atto specifico ho commesso per essere mandato in cuccetta? Stanno ancora zitti, e nel caso non vedo nemmeno un solo atto contro le fondamenta del sistema statale... L'avvocato legge caratteristiche positive ed estratti di giornali degli anni passati, confermando le buone azioni di Putintsev.

    Gli imputati richiamano l'attenzione sulla sentenza della Corte Suprema del 2017, che afferma che i Testimoni di Geova come religione non sono proibiti in Russia e hanno il diritto di praticare la loro fede.

    L'avvocato insiste sul fatto che la mancanza di prove dirette di colpevolezza nell'indagine è un'altra ragione per cambiare la misura di contenzione in una più mite.

    La difesa intende presentare ricorso contro la decisione del tribunale di prolungare la detenzione di Melnik, Putintsev e Piskarev.

  • #
    24 giugno 2021

    Dopo l'esame di Vladimir Piskarev nell'ospedale regionale, si scopre che ha subito un ictus. Secondo testimoni oculari, Vladimir sta provando tremori ed è così debole che durante una pausa di una delle udienze in tribunale non riusciva nemmeno a tenere in mano un bicchiere d'acqua. Nonostante l'ictus rilevato e i problemi di ipertensione, la visita medica nel centro di detenzione preventiva non può essere completata prima di 4 mesi. Dato lo stato di salute di Vladimir Piskaryov, la permanenza nel centro di detenzione preventiva rappresenta una vera minaccia per la vita del credente.

  • #
    27 luglio 2021

    L'avvocato visita i credenti nel centro di detenzione preventiva. Vladimir Melnyk riferisce di aver ricevuto la Bibbia nella Traduzione Moderna e più di 3.200 lettere, molte delle quali non ha il tempo di rispondere.

    Nel caso penale dei credenti sono stati nominati 43 esami. Artur Putintsev è l'unico a cui l'investigatore è venuto a conoscenza degli 8 esami effettuati. Artur è in una cella con fumatori e chiede all'amministrazione del centro di detenzione preventiva di cambiare questa situazione.

    A Vladimir Piskarev è stata diagnosticata una malattia coronarica. Tuttavia, secondo il referto dell'esame medico, ciò non impedisce al credente di essere trattenuto in un centro di detenzione preventiva. Il prigioniero fa esercizi, che in una certa misura lo aiutano a controllare la pressione sanguigna. A luglio ricorreva il 45° anniversario della vita familiare dei Piskarev.

    Tutti i credenti possono chiamare i loro parenti 2 volte al mese.

  • #
    Ottobre 28, 29, 2021

    Il Comitato investigativo della Russia per la regione di Orël accusa Melnik, Piskarev e Putintsev di aver organizzato le attività di un'organizzazione estremista ai sensi della parte 1 dell'articolo 282.2 del codice penale della Federazione russa.

    Si sa inoltre che durante le indagini su questo procedimento penale, l'indagine separa i procedimenti penali contro altre 4 persone sospettate di attività estremiste in procedimenti separati.

  • #
    31 gennaio 2022

    Il caso dei tre credenti è stato sottoposto al tribunale distrettuale Sovetsky della città di Oryol.

  • #
    17 febbraio 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    È in corso un'udienza preliminare. La difesa chiede la squalifica di tutti i giudici del tribunale distrettuale Sovetsky di Orël "in considerazione della pratica punitiva di lunga data contro i testimoni di Geova". Il motivo dei dubbi sull'imparzialità dei giudici è un articolo pubblicato sul sito web del tribunale regionale di Orël nel giugno 2017, che dà una valutazione negativa dei Testimoni di Geova in generale. A questo proposito, il difensore chiede di trasferire la causa per l'esame al tribunale di un'altra regione, ma il giudice rifiuta.

    Il giudice respinge anche la richiesta della difesa di restituire il caso al pubblico ministero.

  • #
    29 marzo 2022

    L'avvocato fa visita a Vladimir Melnik, Artur Putintsev e Vladimir Piskarev nel centro di detenzione preventiva. Tutti e tre riferiscono di essere in condizioni soddisfacenti. I credenti ricevono lettere di sostegno e hanno l'opportunità di leggere la Bibbia.

  • #
    30 marzo 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Da quando sono state revocate le restrizioni anti-Covid sull'ammissione degli ascoltatori in aula, all'incontro sono presenti 15 persone.

    La difesa chiede nuovamente che il caso sia trasferito a un tribunale di un'altra regione a causa di seri dubbi sull'obiettività sia del tribunale regionale di Orël che del tribunale distrettuale di Sovetskij inferiore di Orël nell'esame dei casi dei testimoni di Geova.

    La difesa chiede di trasferire l'esame di questa petizione a un tribunale superiore - la Prima Corte di Cassazione di Giurisdizione Generale, con sede a Saratov, e l'esame del caso - al di fuori della regione di Orël - al Tribunale distrettuale della Rive Gauche di Voronezh. Come argomentazione, la difesa cita il fatto che le circostanze personali e le gravi malattie degli imputati sono state ignorate più e più volte, e lo scopo della corte era "preservare il favore delle forze dell'ordine e, soprattutto, dell'FSB, e non amministrare la giustizia".

    Tra i fatti di restrizione dei diritti dei Testimoni di Geova da parte del sistema giudiziario della regione di Orël, l'avvocato cita le violazioni dei tribunali distrettuali sovietici e di Zheleznodorozhny della regione di Orël in cause contro l'entità giuridica dei Testimoni di Geova e specifici credenti.

    Il giudice rinvia la decisione sulla petizione all'11 aprile.

  • #
    11 aprile 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il giudice Natalia Tishkova decide di trasferire il caso alla Prima Corte di Cassazione di Giurisdizione Generale per l'esame della petizione della difesa per modificare la giurisdizione territoriale.

  • #
    5 maggio 2022

    Si sta svolgendo un'udienza presso la Prima Corte di Cassazione di Giurisdizione Generale.

    L'avvocato dei credenti ha presentato una petizione per interrogare un linguista in merito alle informazioni pubblicate sul sito web del tribunale regionale di Orël contenenti una valutazione negativa della religione dei testimoni di Geova. Il giudice Natalia Klimenko non accoglie questa richiesta e si rifiuta di trasferire il caso di tre testimoni di Geova da Orël a un tribunale di un'altra regione.

  • #
    2 giugno 2022

    Viene presentato ricorso al Collegio giudiziario per le cause penali della Corte suprema della Federazione Russa contro la decisione della Prima Corte di cassazione del 5 maggio 2022 di rifiutare di modificare la competenza territoriale della causa penale. Nella denuncia, gli avvocati fanno riferimento all'opinione linguistica del candidato di scienze filologiche (linguista), che indica la soggettività e la colorazione emotiva del testo dell'articolo sul sito web del Tribunale regionale di Orël, che ha definito la religione dei Testimoni di Geova "non così innocua", che non soddisfa gli standard dell'etica giudiziaria.

    La difesa continua a presentare una petizione per il trasferimento del materiale processuale dei credenti al tribunale distrettuale della Rive Gauche della città di Voronezh, sottolineando la parzialità del sistema giudiziario di Orël nei confronti dei testimoni di Geova. Tra le prove, la difesa cita anche una pubblicazione sui media, dove si riferisce che il tribunale regionale di Orël ha lasciato uno dei credenti in custodia 11 giorni prima dell'udienza ufficiale del tribunale su questo tema.

  • #
    18 agosto 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il procedimento è ripreso presso il Tribunale distrettuale Sovetsky della città di Orel, poiché la Camera giudiziaria della Corte suprema della Federazione Russa si rifiuta di modificare la giurisdizione territoriale del caso penale dei credenti.

  • #
    7 settembre 2022

    Si sa che Vladimir Piskarev si trova nell'ospedale regionale a causa di un attacco acuto di pancreatite.

  • #
    7 dicembre 2022

    L'avvocato visita tre imputati che sono stati imprigionati nel centro di detenzione preventiva di Orël per due anni.

    Artur Putintsev dice di aver subito un grave shock: suo fratello minore di 32 anni è morto. Inoltre, Artur teme che l'unità medica non gli fornisca le medicine necessarie e non fornisca nemmeno le cure dentistiche necessarie.

    Ci sono tre giovani nella cella con Vladimir Melnik. Tutti lo trattano con grande rispetto. Prima della sua partenza, il compagno di cella presentò a Vladimir un ritratto di sua moglie, Irina, fatto da uno dei prigionieri da una fotografia su ordinazione.

    Durante questo periodo, Vladimir Piskarev ha già cambiato diverse telecamere. L'amministrazione del centro di detenzione preventiva fornisce regolarmente al credente le visite di sua moglie. Vladimir mantiene un atteggiamento positivo. Egli dice: "Con Dio, tutte le cose possono essere superate".

  • #
    30 marzo 2023 Centro di detenzione

    Artur Putintsev, Vladimir Melnik e Vladimir Piskarev si trovano ancora nel centro di detenzione preventiva della città di Orel. Dicono che durante i loro viaggi per le udienze in tribunale, non ricevevano più razioni secche.

    I credenti cercano di trattare tutti con gentilezza. Vladimir Piskarev mantiene un atteggiamento positivo, si sforza sempre di occuparsi di qualcosa, per il quale i suoi compagni di cella lo lodano. Altri prigionieri dicono di Vladimir Melnik: "Comunicando con lui, vuoi diventare una persona migliore".

  • #
    10 maggio 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Ci sono 11 ascoltatori nella sala riunioni. Il pubblico ministero continua a presentare prove materiali: 8 file audio di registrazioni segrete effettuate nell'appartamento di Vladimir Piskaryov.

  • #
    17 maggio 2023 Centro di detenzione

    Vladimir Melnik è stato trasferito in un altro edificio, dove le condizioni di detenzione sono molto peggiori. La richiesta di ritrasferimento al credente è stata respinta.

    Secondo i detenuti, l'amministrazione del centro di detenzione preventiva ha praticamente cessato di fornire biancheria da letto pulita.

    Artur Putintsev si sente bene, non ci sono lamentele sulla sua salute. I rapporti con i compagni di cella sono normali. Il credente riceve regolarmente pacchi e lettere, che, secondo lui, gli danno forza.

  • #
    18 maggio 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il pubblico ministero continua a presentare prove materiali: file audio registrati segretamente nell'appartamento di Vladimir Piskaryov. Nella registrazione, il credente, provando il suo discorso, pronuncia 7 volte ad alta voce una conferenza pubblica sul tema "Perché Dio permette la sofferenza e come finirà". Il tribunale lo ascolta fino alla fine.

  • #
    30 giugno 2023 Centro di detenzione

    Artur Putintsev si sente bene. Ci sono altre 3 persone nella cella con lui. I rapporti del credente con loro e con l'amministrazione sono benevoli.

    Putintsev ha una Bibbia. Riceve regolarmente lettere da diversi paesi. I prigionieri sono sorpresi dal fatto che Arthur sia scritto da persone che non conosce personalmente.

    Le condizioni di detenzione nel centro di detenzione preventiva non sono facili, ma il credente mantiene la sua presenza di spirito e cerca di sostenere gli altri con le parole e con le azioni.

  • #
    2 ottobre 2023 In aula Dichiarazione finale

    Vladimir Piskarev, Artur Putintsev e Vladimir Melnik pronunciano le loro osservazioni conclusive.

  • #
    13 ottobre 2023 Art. 282.2 (2) Art. 282.2 (1) Sentenza di primo grado Rischio per la salute
  • #
    8 aprile 2024 Corte d'Appello Art. 282.2 (1) Art. 282.2 (2) Privazione della libertà di Rosfindi monitoraggio Anziano Intercettazioni e sorveglianza nascosta Rischio per la salute
  • #
    14 maggio 2024 L'ergastolo Trasferimento di un prigioniero

    Si sa che Vladimir Piskaryov, Artur Putintsev e Vladimir Melnik hanno lasciato il SIZO-1 nella regione di Orël. Vengono trasferiti in una colonia.

  • #
    17 maggio 2024 L'ergastolo Trasferimento di un prigioniero

    Vladimir Melnik arriva in una colonia penale nella regione di Tambov per scontare il resto della pena per la sua fede.

  • #
    21 maggio 2024 Trasferimento di un prigioniero L'ergastolo

    Si sa che Artur Putintsev è arrivato alla colonia correzionale n. 5 nella regione di Orël, dove sconterà la sua pena.

  • #
    14 giugno 2024 L'ergastolo

    Vladimir Piskarev è arrivato alla colonia penale n. 5 nella regione di Kaluga. È in quarantena, si sente soddisfatto.