Il caso di Polosenko e altri a Samara

Casi di successo

Nel dicembre 2021 a Samara sono state perquisite almeno 10 case di testimoni di Geova. In uno degli appartamenti, le forze di sicurezza hanno torturato e picchiato i fedeli. Tre uomini sono stati arrestati e presi in custodia. Un investigatore dell’FSB russo ha aperto un procedimento penale contro Sergey Polosenko, Denis Kuzyanin, Nikolay Vasiliyev e Aram Danielyan, che tre settimane dopo è stato arrestato e mandato in un centro di detenzione preventiva, con l’accusa di continuare le attività del “Centro amministrativo dei testimoni di Geova in Russia” nella regione di Samara. Dopo circa 300 giorni di prigionia, i credenti sono stati rilasciati in base al divieto di compiere determinate azioni. Nell’aprile 2023, il caso è andato in tribunale. Nel gennaio 2024, il pubblico ministero ha chiesto che i fedeli fossero condannati a 9 anni di carcere. Nella stessa udienza, il tribunale li ha mandati in prigione per 7 anni. A maggio, la corte d’appello ha lasciato in vigore la sentenza.

  • #
    14 dicembre 2021

    Investigatore senior della prima sezione del dipartimento investigativo dell'FSB della Russia nella regione di Samara, il capitano di giustizia I. A. Ivensky avvia un procedimento penale contro Sergey Polosenko, Denis Kuzyanin e Nikolai Vasiliev. I fedeli sono sospettati di aver organizzato le attività di un'organizzazione estremista (Parte 1 dell'articolo 282.2 del Codice penale della Federazione Russa).

  • #
    15 dicembre 2021

    A Samara sono in corso perquisizioni di massa dei credenti. Un uomo di 23 anni denuncia minacce e torture con un bollitore riscaldato per essersi rifiutato di fornire alle forze di sicurezza la password di un computer portatile.

    Polosenko, Kuzyanin e Vasilyev sono detenuti e collocati in una struttura di detenzione temporanea.

  • #
    16 dicembre 2021

    Il tribunale distrettuale di Samara ha scelto una misura restrittiva per i credenti sotto forma di detenzione per un periodo di 2 mesi.

  • #
    18 dicembre 2021

    Denis Kuzyanin e Sergey Polosenko vengono trasferiti nel centro di detenzione preventiva n. 1 nella regione di Samara.

  • #
    20 dicembre 2021

    L'avvocato fa visita a Nikolay Vasilyev nel centro di detenzione temporanea. Il credente racconta i dettagli del suo arresto: per entrare nell'appartamento, le forze di sicurezza hanno sfondato la porta e, quando sono entrate, hanno minacciato con armi da fuoco e picchiato Nikolai.

    L'indagato ha una malattia cronica e sta assumendo farmaci su base continuativa. Il credente ha presentato una domanda al centro di detenzione temporanea con la richiesta di condurre una visita medica al fine di registrare le percosse.

  • #
    21 dicembre 2021 Ricerca

    L'avvocato fa visita a Denis Kuzyanin e Sergey Polosenko nel centro di detenzione preventiva n. 1 nella regione di Samara. Entrambi i credenti sono in quarantena. Denis riferisce di aver notato segni di raffreddore, poiché fa freddo nella cella, e deve dormire senza materasso. Non ha ancora una Bibbia e il credente non ha ancora ricevuto una lettera di sostegno.

    Sergei Polosenko è tenuto in una cella a tre letti, dove ci sono quattro prigionieri, quindi dorme sul tavolo. Ha le medicine necessarie e una Bibbia.

    Sergey Polosenko è accusato di aver commesso un reato ai sensi della parte 1 dell'articolo 282.2 del codice penale della Federazione Russa.

  • #
    6 gennaio 2022

    L'investigatore Ivensky avvia un procedimento penale contro Aram Danielyan, padre di un bambino di sei mesi. Il credente è sospettato di aver commesso un reato ai sensi della Parte 1 dell'articolo 282.2 del Codice penale della Federazione Russa. Il procedimento penale viene fuso in un unico procedimento con il caso di Polosenko et al.

    Secondo gli inquirenti, i fedeli hanno ripreso le attività del "Centro amministrativo dei Testimoni di Geova in Russia" nella regione di Samara da dicembre 2020 a dicembre 2021.

    Intorno a mezzanotte, le forze dell'ordine hanno arrestato Danielyan all'aeroporto di Samara. Durante una perquisizione personale, gli sono stati sequestrati il passaporto, il cellulare e il biglietto aereo (il credente aveva in programma di visitare la sua terra d'origine, l'Armenia).

  • #
    7 gennaio 2022

    Nonostante il fatto che Danielyan abbia un luogo di residenza permanente, una famiglia e un bambino piccolo, l'investigatore Ivensky insiste sulla detenzione del credente. Crede che Aram Danielyan possa nascondersi dalle indagini o distruggere le prove materiali se viene scelta una misura più mite di moderazione.

    Il tribunale distrettuale di Samara sceglie una misura restrittiva per Danielyan sotto forma di detenzione fino al 14 febbraio 2022. È collocato in un centro di detenzione temporanea.

  • #
    10 gennaio 2022

    Si sa che Nikolay Vasilyev è stato trasferito al centro di detenzione preventiva n. 1 nella regione di Samara.

  • #
    24 novembre 2022 Cure mediche all'interno del Servizio penitenziario federale

    Si sa che Nikolai Vasiliev è stato ricoverato in ospedale per una grave malattia. Presto dovrebbe essere trasportato di nuovo al centro di detenzione preventiva, dove sarà collocato in infermeria.

  • #
    12 — 14 dicembre 2022 Divieto di determinate azioni

    Dopo circa 300 giorni di reclusione, i quattro fedeli vengono rilasciati con il divieto di alcune attività fino al 14 febbraio 2023. Per tracciare i loro movimenti, ai loro piedi vengono messi dei braccialetti elettronici.

    All'uscita dal tribunale, Aram, Denis, Sergey e Nikolay vengono accolti con un applauso da un gruppo di sostegno di 30 persone. I credenti non si lamentano del loro stato di salute.

  • #
    20 aprile 2023 Il caso è andato in tribunale

    Il caso contro 4 credenti è stato presentato al tribunale distrettuale di Samara di Samara. Sarà preso in considerazione dal giudice Dmitry Derunov.

  • #
    14 luglio 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il pubblico ministero legge l'atto d'accusa. Gli imputati esprimono il loro disaccordo.

    Aram Danielyan dice che è importante per lui come cristiano adorare Dio con gli altri, anche pregando e cantando canzoni, e che questo è un suo diritto costituzionale.

    Sergei Polosenko afferma che l'inchiesta non ha portato nessuna delle sue dichiarazioni specifiche che testimoniano la manifestazione dell'estremismo. Egli afferma che la menzione del nome Geova non indica di per sé che una persona o un gruppo di persone appartenga a qualche entità giuridica.

  • #
    28 luglio 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    Un testimone dell'accusa, l'agente dell'FSB N. A. Kulik, che ha partecipato alla perquisizione della famiglia Polosenko, è stato interrogato.

    Il teste afferma che, a suo avviso, gli imputati hanno impiegato troppo tempo per familiarizzare con il fascicolo del caso. Ad alcune domande degli avvocati, Kulik risponde "Non lo so", "Non ricordo", o dice che le informazioni sono disponibili nel fascicolo del caso.

    Aram Danielyan, Denis Kuzyanin e Nikolay Vasilyev rifiutano i servizi degli avvocati. Danielyan presenta una petizione per la partecipazione di sua moglie alla difesa.

  • #
    11 agosto 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il tribunale soddisfa la richiesta di Sergey Polosenko di rifiutare un avvocato ai sensi dell'accordo.

    Denis Kuzyanin chiede al tribunale di modificare la misura di restrizione in modo da avere l'opportunità di andare a lavorare in una città vicina. Il tribunale rifiuta.

  • #
    1 settembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    Il tribunale sta interrogando il testimone Kharitonov, che ha partecipato alle funzioni dei Testimoni di Geova fino al 2017. Egli risponde che le sue conversazioni con gli imputati riguardavano solo lo studio della Bibbia e "non erano di natura propagandistica". Il pubblico ministero chiede alla corte di leggere la testimonianza iniziale di Kharitonov.

    Un altro testimone, Yeganyan, che ha ripetutamente parlato in modo aggressivo dei testimoni di Geova, dice di conoscere solo Denis Kuzyanin. Dopo l'interrogatorio, Yeganyan, rivolgendosi agli imputati, minaccia di "imprigionare altri credenti nel prossimo futuro".

    Allo stesso tempo, entrambi i testimoni confermano di non aver sentito appelli da parte degli imputati a rovesciare l'ordine costituzionale della Federazione Russa e di non aver visto manifestazioni di estremismo nei confronti di altri.

  • #
    8 settembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il tribunale esamina il materiale del caso. Il pubblico ministero legge i documenti del 2014 relativi alla persona giuridica dei Testimoni di Geova e l'esame della loro letteratura, fatto nel 2009. Quest'ultimo riconosce che i testimoni di Geova sono sempre leali e ubbidienti alle autorità e tollerano i rappresentanti di altre religioni.

  • #
    15 settembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    I testimoni vengono interrogati. Uno di loro studiava la Bibbia con Aram Danielyan in collegamento video e registrava segretamente le loro conversazioni. Il testimone lo descrive come un buon oratore e un insegnante di talento. Conosce Aram e gli altri imputati solo online, e non ha sentito alcun appello ad azioni illegali.

  • #
    11 ottobre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    Una ragazza che era un'ex Testimone di Geova viene interrogata. Non ha sentito alcuna chiamata da parte degli imputati per attività illegali, rifiuto di svolgere funzioni civili, nonché incitamento alla violenza e al rovesciamento del sistema statale. Il testimone assisteva alle funzioni volontariamente, erano di natura educativa, si parlava della Bibbia. La ragazza è sorpresa che le persone giuridiche dei testimoni di Geova siano riconosciute come estremiste, perché "si tratta di persone pacifiche che vivono secondo la Bibbia e non fanno nulla di male".

    Il giudice proroga la misura di prevenzione degli imputati fino al 20 gennaio 2024.

  • #
    12 ottobre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il procuratore dà voce ai documenti religiosi della comunità locale dei testimoni di Geova, così come agli elenchi dei credenti e alla loro corrispondenza in messaggeri.

  • #
    19 ottobre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    Secondo la videoconferenza, i compilatori dell'esame religioso Galiulin R. R. e Galiev L. M. Si scopre che l'esame è stato pagato dall'FSB. Il giudice rimuove la domanda sulla religione degli esperti.

  • #
    26 ottobre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il pubblico ministero termina l'annuncio degli ultimi volumi del caso (28-35). Il tribunale esamina le prove materiali, comprese le Bibbie, sequestrate durante la perquisizione. Nikolay Vasilyev osserva che l'indagine non ha fornito prove che la letteratura sequestrata sia inclusa nell'elenco federale dei materiali estremisti.

  • #
    2 novembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    Da parte della difesa, sono stati interrogati due dipendenti di Aram Danielyan e di un suo parente. Conoscono l'imputato come un cittadino onesto, comprensivo e rispettoso della legge, senza cattive abitudini. Non ha mai partecipato alla discussione di questioni politiche, non ha incitato nessuno all'odio e all'inimicizia, non hanno ascoltato da lui dichiarazioni estremiste.

    Gli imputati richiamano l'attenzione della corte sulla conclusione di un esame psicologico e religioso completo. Sottolinea che i credenti sono un gruppo religioso e che le loro riunioni sono informali. La forma di rivolgersi l'uno all'altro per nome, così come l'uso delle parole "fratello" e "sorella" indica che sono uguali l'uno all'altro, non ci sono divisioni per posizione.

    Secondo la conclusione dell'esame, le parole dei credenti non contengono propaganda dell'inferiorità dei cittadini su base nazionale o sociale, motivi per rompere le relazioni familiari o per svolgere attività estremiste.

    Sergei Polosenko afferma che le carte bancarie e i documenti personali presentati nel fascicolo del caso non provano in alcun modo che fosse coinvolto in attività estremiste: "Piuttosto, la loro presenza suggerisce che vivo in società, ho una reputazione commerciale".

  • #
    23 e 30 novembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    È stata presentata una mozione per attribuire caratteristiche positive agli imputati.

    Vengono interrogati i testimoni della difesa: conoscenti e parenti dell'imputato. Cinque di loro, che non sono testimoni di Geova, affermano che la differenza di religione non ha mai causato disaccordo o controversia tra loro e gli imputati.

    Denis Kuzyanin ha detto alla corte che durante la perquisizione, nella memoria del laptop gli è stato sequestrato due nuove cartelle, che contengono informazioni incluse nell'atto d'accusa del fascicolo del caso.

    Il giudice Dmitry Derunov ordina al segretario di convocare per interrogare le persone che erano presenti durante la perquisizione della casa di Kuzyanin.

  • #
    7 dicembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    La task force dell'FSB che ha perquisito la casa di Denis Kuzyanin è sotto interrogatorio. Come si è scoperto, l'istruzione al tecnico di creare nuove cartelle sul desktop del laptop del credente e di aggiungere documenti durante la perquisizione è stata data dal detective. Lo sperimentatore non ha rispecchiato queste azioni nel protocollo.

  • #
    14 dicembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    Gli imputati commentano il materiale del caso con la decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo riguardante i Testimoni di Geova in Russia e concludono: "L'affermazione, con la conseguenza che la proclamazione della propria religione come l'unica vera è considerata un incitamento all'odio religioso, che comporta conseguenze socialmente pericolose, è una sorta di speculazione dell'investigatore ... Né l'esame delle prove da parte dell'accusa, né la deposizione di testimoni, né l'esame hanno dimostrato il fatto confermando che gli imputati hanno incitato all'odio religioso o proclamato la violenza per qualsiasi motivo.

    Per un'ora la corte guarda un video in cui Aram Danielyan parla degli insegnamenti biblici con un uomo.

  • #
    18 dicembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Vengono ascoltate le registrazioni audio del servizio di culto a cui hanno partecipato gli imputati.

  • #
    28 dicembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    La Corte continua ad ascoltare le registrazioni audio dei servizi di culto, in particolare un rapporto su "Put on Love", che parla dell'importanza del perdono e della risoluzione dei conflitti.

  • #
    25 gennaio 2024 Sentenza di primo grado Art. 282.2 (1) Privazione della libertà Il pubblico ministero ha chiesto la punizione Argomenti conclusivi per la difesa Dichiarazione finale
  • #
    5 febbraio 2024 Centro di detenzione

    Aram Danielyan, Denis Kuzyanin, Sergey Polosenko e Nikolay Vasilyev sono in SIZO-1 a Samara. Possono scrivere lettere.

  • #
    2 aprile 2024 Trasferimento di un prigioniero Centro di detenzione

    Sergey Polosenko e Nikolay Vasilyev vengono trasferiti nel centro di detenzione preventiva n. 4 di Togliatti. Possono scrivere lettere.

  • #
    22 aprile 2024 Centro di detenzione Lettere

    Nikolay Vasilyev e Sergey Polosenko sono ancora nel centro di detenzione preventiva di Togliatti in attesa di appello. Vasil'ev è detenuto in una cella a due letti e Polosenko è detenuto in una cella a quattro letti. I credenti ricevono regolarmente pacchi dai propri cari, ma per qualche ragione sconosciuta non hanno ancora ricevuto lettere. I rapporti con l'amministrazione del centro di detenzione preventiva e con i compagni di cella sono normali.

    Dopo il verdetto, Polosenko ha avuto diverse visite con sua moglie e altri parenti. Vasiliev ha l'opportunità di assumere regolarmente i farmaci necessari per la sua malattia cronica.

  • #
    20 maggio 2024 Corte d'Appello Art. 282.2 (1) Privazione della libertà
  • #
    19 giugno 2024 Centro di detenzione Trasferimento di un prigioniero L'ergastolo

    Si sa che Sergey Polosenko e Nikolai Vasilyev hanno lasciato il centro di detenzione preventiva e sono in procinto di trasferirsi in un luogo dove scontare la loro pena.

  • #
    8 luglio 2024 L'ergastolo

    Denis Kuzyanin e Aram Danielyan furono portati in una colonia mordoviana per scontare la loro condanna per la loro fede.

  • #
    11 luglio 2024 L'ergastolo Trasferimento di un prigioniero

    Si seppe che Nikolaj Vasil'ev e Sergej Polōsenko furono portati nella colonia correzionale n. 12 in Mordovia per scontare la loro pena per la loro fede.