Il caso Sokolov e altri a Voronezh

Casi di successo

In un solo giorno, il 13 luglio 2020, sono state effettuate 110 perquisizioni in 7 insediamenti della regione di Voronezh, un’operazione da record contro i Testimoni di Geova in Russia. Cinque credenti hanno denunciato torture da parte delle forze di sicurezza. Dieci uomini di età compresa tra i 24 e i 56 anni sono stati accusati dal Comitato investigativo di aver organizzato attività estremiste e li hanno mandati in prigione, dove la maggior parte di loro è stata trattenuta per quasi 5 mesi. Gli eventi di Voronezh hanno suscitato un’ampia protesta pubblica: i paesi dell’UE, così come il Regno Unito e gli Stati Uniti, hanno espresso rammarico e sconcerto in relazione all’incidente. Gli stessi credenti non ammettono colpe nell’estremismo e sottolineano che, in quanto cristiani, rispettano le autorità e praticano pacificamente la loro religione in conformità con il diritto costituzionale. L’esame del caso in tribunale è iniziato nel dicembre 2021. I credenti rischiano fino a 10 anni di carcere.

  • #
    3 luglio 2020

    Il 1° Dipartimento per le indagini sui casi particolarmente importanti del Dipartimento investigativo del Comitato investigativo della Federazione Russa per la regione di Voronezh avvia 2 procedimenti penali ai sensi della parte 1 dell'articolo 282.2 del codice penale della Federazione Russa contro 11 credenti: Antyukhin Aleksey (44 anni), Sergey Baev (47 anni), Mikhail Veselov (51 anni), Galka Yuriy (44 anni), Gursky Valery (56 anni), King Alexander (29 anni), Nerush Vitaliy (41 anni), Stepan Pankratov (24 anni), Igor Popov (54 anni), Evgeny Sokolov (44 anni) e Anatoly Yagupov (51 anni).

    Secondo gli inquirenti, da giugno 2018 a febbraio 2020, i sospetti e altre persone non identificate erano membri attivi dell'organizzazione religiosa locale dei Testimoni di Geova "Central, Voronezh". Si presume che abbiano intrapreso azioni organizzative volte a continuare le attività dell'organizzazione religiosa bandita nella città di Voronezh e nella regione di Voronezh.

    Il caso è oggetto di indagine da parte dell'investigatore per casi particolarmente importanti Ilya Bichev e altri, con la partecipazione attiva del capo del dipartimento Andrey Shevelev. L'indagine sul caso è sotto il controllo del capo del dipartimento investigativo regionale.

  • #
    13 luglio 2020

    La più grande operazione speciale è in corso contro i testimoni di Geova: perquisizioni sono in corso in più di 100 indirizzi, tra cui appartamenti di credenti, luoghi di lavoro, garage, ecc. Incursioni nelle città di Voronezh, Borisoglebsk, Liski, Novovoronezh, Pavlovsk, Ramon, Semiluki, nei villaggi di Nikolskoye e Babyakovo. All'operazione partecipano gli investigatori del Comitato investigativo insieme ai dipendenti della Direzione principale del Ministero degli Affari Interni della Russia per la regione di Voronezh, con il supporto energetico dei dipendenti della Guardia Nazionale.

    Alcuni credenti hanno riferito di essere stati picchiati. Aleksandr Bokov e Dmitriy Katyrov vengono picchiati e maltrattati perché si rifiutano di fornire le password per i loro dispositivi mobili. Le forze dell'ordine gli infliggono diversi colpi al viso, alla testa e alle costole, dopodiché lo costringono a fare flessioni da terra e accovacciarsi fino a quando non è esausto. Le forze dell'ordine portano Katyrov nell'appartamento di Bokov, chiedono la password dal suo dispositivo e, dopo il rifiuto, lo buttano a terra e lo prendono a calci sulla schiena e sul collo, gli rompono le mani e le dita per sbloccare il telefono con la sua impronta digitale. A causa di ciò che sta accadendo, la moglie di Bokov ha bisogno dell'aiuto dell'equipaggio di un'ambulanza. (Dopo l'interrogatorio, entrambi i credenti sono stati rilasciati, registrano le loro ferite per protestare contro le azioni delle forze dell'ordine).

    Alexander Korol, 29 anni, viene portato via per essere interrogato. Dopo essersi rifiutato di autoincriminarsi e di estradare i suoi compagni di fede, uno degli interrogatori lo tortura: mettono un sacchetto di plastica sulla testa di Aleksandr e glielo stringono intorno al collo, bloccando l'accesso all'aria. La tortura viene ripetuta ripetutamente. Allo stesso tempo, Alexander viene picchiato più volte in faccia e minacciato di usare aghi per torturarli.

    Durante l'assalto all'appartamento di Yuriy Galka, dopo aver sfondato la sua porta d'ingresso, le forze dell'ordine lo hanno buttato a terra e lo hanno spinto a faccia in giù.

    L'appartamento in cui Aleksey Shtylenko vive con la moglie e la madre malata è irrotto nelle forze di sicurezza armate: un investigatore accompagnato da 2 agenti e 2 poliziotti antisommossa. Ai coniugi viene ordinato di sdraiarsi a faccia in giù sul pavimento. Il credente viene trascinato lungo il corridoio e preso a calci. Le forze dell'ordine chiedono di nominare le password dai telefoni. Gli viene tolto il passaporto, non gli è permesso di alzarsi, vestirsi, andare in bagno per un po' di tempo. Dopo 4 ore, Aleksey viene portato in cortile per perquisire la sua auto, senza avere l'ordine appropriato e in assenza di testimoni.

    La maggior parte dei credenti, almeno 40, comprese le donne, vengono portati per essere interrogati al Centro per il contrasto all'estremismo, in via Sredne-Moskovskaya a Voronezh. Lì sono tenuti nella sala delle assemblee sotto la supervisione di mitraglieri armati e interrogati uno per uno. Durante gli interrogatori, alcuni subiscono pressioni e usano un linguaggio volgare. Almeno un credente viene colpito alla nuca con il palmo della mano.

    I credenti Antyukhin, Baev, Veselov, Galka, Gursky, Nerush, Pankratov, Popov, Sokolov e Yagupov vengono portati nell'edificio del Comitato Investigativo della Federazione Russa in via Ordzhonikidze a Voronezh. Si siedono in un carro di risaia e vengono portati uno ad uno all'edificio, ammanettati alla scorta. Di notte, vengono mandati in un reparto di isolamento nel villaggio di Nizhnedevitsk.

  • #
    14 — 15 luglio 2020 Ricerca

    Il tribunale distrettuale Leninsky di Voronezh manda dieci credenti in custodia cautelare per 1 mese e 22 giorni (fino al 3 settembre 2020). Sergey Baev, Yuriy Galka, Stepan Pankratov, Igor Popov e Anatoly Yagupov sono rinchiusi nel centro di detenzione preventiva n. 3 in via Antokolsky a Voronezh. Aleksey Antyukhin, Mikhail Veselov, Valery Gursky, Vitaliy Nerush, Yevgeniy Sokolov – nel centro di detenzione preventiva n. 1 in via Zhelyabov.

  • #
    16 luglio 2020 Ricerca
  • #
    23 luglio 2020

    La Missione del Regno Unito presso l'OSCE ha rilasciato una dichiarazione ufficiale in cui afferma, tra le altre cose: "È con profondo rammarico che abbiamo appreso che il 13 luglio le autorità russe hanno perquisito simultaneamente 110 case di testimoni di Geova nelle città di Voronezh e Stary Oskol. 13 I testimoni di Geova sono stati arrestati e, secondo quanto riferito, due persone sono state picchiate durante una perquisizione domiciliare. [...] Da tre anni la delegazione della Federazione Russa ha assicurato all'OSCE che i singoli Testimoni di Geova possono praticare la loro religione a casa, poiché non è richiesto alcun permesso per pregare in Russia. Tuttavia, abbiamo visto più volte che nel caso dei testimoni di Geova qualsiasi manifestazione della loro fede può comportare la perquisizione delle loro case, una lunga detenzione, procedimenti penali e la reclusione".

    Anatoly Yagupov, Yuriy Galka e Igor Popov vengono trasferiti alla FKU "SIZO No. 1 del Servizio Penitenziario Federale per la Regione di Voronezh" in via Zhelyabova 56, Voronezh.

  • #
    29 — 30 luglio 2020 Ricerca

    Durante una visita ai detenuti nel centro di detenzione preventiva n. 1, gli avvocati apprendono che altri due credenti – Yuriy Galka e Anatoly Yagupov – sono stati torturati e picchiati. Durante gli interrogatori, si sono messi una borsa in testa, chiedendo l'autoincriminazione. Allo stesso tempo, Yuriy Galka è stato picchiato dalle forze di sicurezza in modo tale da rompersi una costola.

  • #
    4 agosto 2020

    Il tribunale distrettuale Leninsky di Voronezh modifica la misura di contenzione per Sergey Baev agli arresti domiciliari.

  • #
    6 agosto 2020
  • #
    10 agosto 2020

    Il tribunale di Voronezh decide di rilasciare Anatoly Yagupov dal centro di detenzione preventiva agli arresti domiciliari.

  • #
    28 agosto 2020
  • #
    1 settembre 2020

    Il tribunale distrettuale Leninsky di Voronezh sta tenendo le udienze nel caso di Yevgeny Sokolov, Vitaliy Nerush, Yuri Galka e Mikhail Veselov. A causa della situazione epidemiologica, solo i parenti dell'imputato sono autorizzati a partecipare all'udienza.

    Il giudice Aleksandr Kuryanov, che alla fine del 2016 ha emesso una decisione per sospendere le attività dell'LRO dei Testimoni di Geova a Voronezh, inizia l'esame del caso di Sokolov.

    Il tribunale soddisfa le richieste della difesa di familiarizzare l'imputato con i materiali del caso, di allegare il parere del Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria e di allegare altri documenti che confermino la possibilità di applicare una misura di restrizione sotto forma di arresti domiciliari, ma rifiuta di rilasciare l'imputato dalla gabbia per la durata del processo.

    Yevgeny Sokolov non riconosce il legame con l'estremismo e sottolinea che, in quanto cristiano, rispetta le autorità.

    Anche l'udienza nel caso di Nerush è condotta dal giudice Kuryanov con la partecipazione del procuratore Parshikov. Esprimendo il suo atteggiamento nei confronti dell'accusa, Vitaliy sottolinea di aver condotto attività pacifiche, esercitando il diritto sancito dalla Costituzione di pregare Dio sia individualmente che con gli amici.

    L'udienza nel caso di Galka è condotta dal giudice Dmitry Mayorov con la partecipazione del procuratore Kalchenko. L'imputato è in gabbia. Durante il dibattito, la corte ascolta attentamente le argomentazioni della difesa e dell'imputato. Il tribunale allega al fascicolo la dichiarazione di tortura e la risposta alla richiesta dell'avvocato di una visita medica. Yuri testimonia su come è stato torturato e dice anche di essere stato processato per essersi rifiutato di smettere di credere in Dio e pregare dopo la decisione della Corte Suprema nell'aprile 2017.

    L'investigatore Kolesnikov parla all'udienza nel caso di Mikhail Veselov. All'inizio del processo, il credente afferma di non aver ricevuto cibo e acqua per un giorno intero nel centro di detenzione preventiva. Mikhail organizza la consegna di cibo e acqua, riesce a comunicare con la moglie e la figlia. Dopo la pausa, il tribunale soddisfa parzialmente la richiesta di rilascio dell'imputato dalla gabbia e trasferisce Veselov dietro il vetro blindato in un'altra stanza. L'investigatore evita di rispondere a tutte le domande del credente, riferendosi ai materiali del caso. Allo stesso tempo, si rifiuta di specificare la pagina in cui si trova questa o quella spiegazione.

    Veselov fa un esempio: dopo la liquidazione della società di pesca, i pescatori non smettono di andare al fiume e pescare e lo fanno da soli o insieme ad altri pescatori. Così è nel caso dei credenti: con la liquidazione dell'entità giuridica dei Testimoni di Geova, una persona non cessa di essere cristiana e adempie ciò che è scritto nella Bibbia.

    Veselov viene interrogato sul fatto di essere stato picchiato. La corte allega al fascicolo il suo appello sulla tortura, le obiezioni al parere del gruppo di lavoro delle Nazioni Unite e altri documenti.

  • #
    16 settembre 2020

    Il tribunale regionale di Voronezh sta tenendo un'udienza d'appello sulla misura restrittiva. Igor Popov viene trasferito agli arresti domiciliari dopo 66 giorni in un centro di detenzione preventiva. Un altro credente, Aleksey Antyukhin, viene lasciato dietro le sbarre dal tribunale.

  • #
    18 settembre 2020

    A seguito dell'udienza d'appello, il tribunale regionale di Voronezh ammorbidisce la misura restrittiva per Stepan Pankratov. È stato rilasciato dal centro di detenzione preventiva agli arresti domiciliari. Dopo la più grande incursione contro i Testimoni di Geova a Voronezh il 13 luglio 2020, il credente ha trascorso 68 giorni dietro le sbarre.

  • #
    1 dicembre 2020

    Il tribunale distrettuale Leninsky di Voronezh modifica la misura di contenzione per 3 credenti che sono stati in carcere per 4,5 mesi a partire dal 13 luglio 2020. Yuriy Galka, Vitaliy Nerush, Yevgeniy Sokolov sono stati rilasciati con il divieto di alcune azioni. Si sa che Nerush e Sokolov sono stati rilasciati immediatamente. Il luogo in cui si trova Jackdaw è in fase di chiarimento. Anche la misura di moderazione per Stepan Pankratov è stata allentata: gli arresti domiciliari sono stati cambiati in un divieto di determinate azioni. Tre credenti rimangono nel centro di detenzione preventiva n. 1 nella città di Voronezh: Alexey Antyukhin, Mikhail Veselov e Valery Gursky.

  • #
    3 dicembre 2020

    Il tribunale rilascia i credenti Aleksey Antyukhin, Mikhail Veselov e Valery Gursky dal centro di detenzione preventiva. Hanno trascorso poco meno di 5 mesi dietro le sbarre. A loro è stata assegnata una misura restrittiva sotto forma di divieto di determinate azioni. Inoltre, il tribunale attenua la misura restrittiva per Sergey Baev, Igor Popov e Anatoly Yagupov. A partire da luglio 2020, hanno trascorso da 3 a 9 settimane in un centro di detenzione preventiva e il resto del tempo agli arresti domiciliari. Ora viene loro assegnato un divieto su determinate azioni.

  • #
    12 maggio 2021

    L'investigatore Ilya Bichev incrimina Anatoly Yagupov e Mikhail Veselov.

  • #
    13 maggio 2021

    L'investigatore sta incriminando Igor Popov e Yevgeny Sokolov.

  • #
    14 maggio 2021

    L'investigatore incrimina Vitaliy Nerush.

  • #
    19 maggio 2021

    L'investigatore sta incriminando Sergey Baev.

  • #
    24 maggio 2021

    Gli accusati cominciano a familiarizzare con i materiali del caso.

  • #
    6 dicembre 2021

    Il caso è sottoposto al tribunale distrettuale della Rive Gauche di Voronezh.

  • #
    23 dicembre 2021 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Nonostante il clima gelido, 40 persone vengono a sostenere i credenti.

    Gli avvocati presentano mozioni per restituire il caso al pubblico ministero, che indicano errori e falsificazioni nelle accuse. Inoltre, la difesa chiede di escludere le prove e fermare il procedimento penale.

    L'avvocato di Yuriy Galka, dopo aver elencato le accuse contro il suo cliente, osserva che la conclusione non specifica dove, quando e in che modo Yuriy le ha commesse. Il difensore aggiunge:

    "L'accusa stessa è contraddittoria: si parla di attività di un gruppo religioso, quindi semplicemente dei testimoni di Geova. Su quali basi l'inchiesta abbia deciso che le attività dell'organizzazione religiosa locale dei Testimoni di Geova "Central, Voronezh" continuassero non è chiaro dall'atto d'accusa.

    L'avvocato richiama l'attenzione sul fatto che, secondo l'accusa, l'inchiesta considera qualsiasi servizio di culto come una continuazione delle attività dell'entità giuridica liquidata dei Testimoni di Geova. "Tuttavia, questo non dovrebbe accadere, in quanto significherebbe un divieto di religione, che contraddice le spiegazioni del Plenum della Corte Suprema della Federazione Russa", ha detto l'avvocato.

    Il tribunale respinge tutte le petizioni.

  • #
    16 marzo 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il pubblico ministero legge l'atto d'accusa.

    I credenti non ammettono la colpa. Dichiarano di non comprendere le accuse: non è chiaro cosa costituisca un reato, né viene indicato il momento né il luogo di commissione degli atti illeciti. Inoltre, alcuni degli imputati non si conoscevano nemmeno prima dell'avvio del procedimento penale, mentre l'indagine li accusava di precedente cospirazione.

  • #
    30 marzo 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il tribunale sta interrogando due testimoni dell'accusa.

    Il primo testimone non conosce tre degli imputati, risponde a molte domande con "non lo so", "non ricordo". Si scopre che alcune delle sue testimonianze scritte sono attribuite all'investigatore: la donna dice di non "conoscere nemmeno tali parole e di non usarle".

    Un altro testimone è un collega della moglie di Yuriy Galka. Anche se la donna esprime il suo pregiudizio contro la religione dei testimoni di Geova, dice di non aver sentito da parte loro appelli al genocidio o dichiarazioni estremiste. La testimone ammette di non conoscere personalmente nessuno degli imputati e basa parte della sua testimonianza sui resoconti dei media.

  • #
    20 aprile 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Ancora una volta, i testimoni dell'accusa non si presentano all'udienza, due dei quali sono classificati e il resto sono agenti delle forze dell'ordine.

    La difesa ha presentato una mozione per declassificare i testimoni segreti, per portare i testimoni che non si sono presentati per l'interrogatorio e per riconoscere inammissibili le deposizioni di alcuni testimoni.

    In risposta a ciò, il pubblico ministero chiede di modificare la procedura per l'esame dei materiali del caso, passando alle prove scritte e di tornare agli interrogatori in un secondo momento.

    Il giudice respinge parzialmente le istanze degli avvocati. E la questione della declassificazione è rimandata al giorno dell'interrogatorio.

  • #
    24 agosto 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il pubblico ministero continua a leggere i materiali del 4° volume del caso. Legge la trascrizione di un servizio di culto che parla di uno stile di vita sano: l'importanza di una dieta equilibrata e dell'esercizio fisico.

    Viene anche letta la trascrizione di un discorso biblico sull'amore per le persone. Nell'atto d'accusa, viene presentato come prova di incitamento all'odio.

  • #
    19 settembre 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Conversazioni sulle attività ricreative all'aperto con gli amici, il lavoro, la casa e le preoccupazioni familiari: il pubblico ministero legge le prove scritte dell'accusa.

    Vengono lette le e-mail di Yuriy Galka con altri credenti e le trascrizioni delle sue conversazioni telefoniche. Le conversazioni telefoniche di Yuriy riguardano prevalentemente la casa e le questioni familiari.

    La difesa sostiene alla corte che le prove dell'accusa non confermano la colpevolezza di Galka, ma dimostrano solo l'appartenenza del credente alla denominazione dei Testimoni di Geova.

    L'accusa legge alla corte estratti dell'esame religioso completo dell'Università statale di Voronezh. La difesa richiama l'attenzione della corte sul fatto che la conclusione dei periti non contiene prove della colpevolezza degli imputati.

    Alla fine dell'udienza, durante la lettura delle prove dell'accusa, il pubblico ministero, il giudice, i difensori e gli ascoltatori non possono fare a meno di ridere, poiché la trascrizione delle trascrizioni telefoniche contiene un gran numero di barzellette, dichiarazioni umoristiche e detti spiritosi.

  • #
    30 novembre 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il pubblico ministero legge il 5° volume del materiale del caso, in particolare le conversazioni telefoniche e domestiche di Yuriy Galka. Il giudice Yevgenia Laskavaya dà quindi all'avvocato l'opportunità di commentare quanto sopra.

  • #
    22 dicembre 2022 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Sono 14 le persone che vengono a sostenere i fedeli, ma a causa della situazione epidemiologica, solo cinque possono entrare in aula. La Corte prosegue l'esame del 5° volume della causa.

  • #
    11 gennaio 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il tribunale offre l'aula più grande, in modo che possano partecipare circa 20 ascoltatori.

    Il pubblico ministero legge la trascrizione della registrazione del servizio di culto, che tratta della manifestazione di simpatia per le persone. L'avvocato richiama l'attenzione sul fatto che una persona giuridica (un'organizzazione religiosa locale) non viene mai menzionata nelle riunioni dei credenti.

  • #
    19 gennaio 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    L'avvocato suggerisce di ascoltare le registrazioni audio del servizio di culto invece di leggere la trascrizione, in quanto illeggibile. Anche Mikhail Veselov richiama l'attenzione sulle distorsioni: il servizio ha detto "evoluzione" e la trascrizione dice "rivoluzione".

  • #
    26 gennaio 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Lo studio del 6° volume continua. L'imputato Stepan Pankratov richiama l'attenzione sul fatto che non ci sono segni di estremismo nei materiali del caso, ma, al contrario, contengono incentivi per il bene: dice come essere un buon amico e venire in aiuto degli altri. Dice: "Dato che si può essere accusati in base a un articolo estremista solo se c'è un motivo di odio o inimicizia, non è del tutto chiaro come questi documenti possano servire come prova della nostra colpevolezza".

  • #
    1 marzo 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    L'avvocato richiama l'attenzione sulla scarsa qualità della trascrizione successiva: "Non è chiaro che tipo di frasi siano state dette, tutto è sfocato, il significato non è chiaro. Tutti possono solo indovinare ciò che è stato detto lì. È come suonare un telefono rotto".

  • #
    2 marzo 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    L'avvocato osserva che la trascrizione del servizio di 4 ore si adatta solo a 10 fogli. Dice: "Le prime 1,5 ore della registrazione audio sono completamente assenti dalla trascrizione, e il rapporto di un'ora è ridotto a tre piccoli paragrafi. La trascrizione è composta da un insieme di parole incomprensibili: non è chiaro quali parole dica l'oratore e quali appartengano agli altri partecipanti. E conclude: "Non possiamo fidarci di questo documento, non riflette il quadro reale. Ritengo che tali prove siano inammissibili".

    La difesa osserva che durante l'arresto i fedeli si sono comportati in modo rispettabile e pacifico, ma per qualche motivo Yuriy Galka è stato ammanettato, gli è stato messo un sacchetto in testa e picchiato, come risulta dai documenti medici. L'avvocato si chiede perché non siano stati aperti procedimenti penali contro quei dipendenti.

  • #
    13 — 14 marzo 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Esaminano i protocolli delle perquisizioni condotte nelle case degli imputati e dei testimoni. Gli avvocati richiamano l'attenzione sul fatto che, sebbene lo scopo delle perquisizioni fosse quello di trovare materiale estremista, non è stato trovato nulla.

    Alcuni protocolli dicono che è stata sequestrata letteratura estremista, ma i nomi non sono forniti. Inoltre, si scopre che la letteratura estremista intendeva la Bibbia in una traduzione non proibita.

  • #
    11 aprile 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    I presenti notano che il giudice ascolta attentamente la trascrizione della lezione biblica sulla carriera professionale e sulle priorità della vita.

  • #
    14 luglio 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    L'avvocato difensore e gli imputati sottolineano le violazioni nei materiali del caso e commentano le trascrizioni dei servizi. Mikhail Veselov dice: "Nei materiali del procedimento penale, la trascrizione differisce da ciò che è realmente accaduto. Ci sono un sacco di parole che non ho detto". L'avvocato osserva che nei documenti a Veselov vengono anche accreditate dichiarazioni in uno dei servizi, ma quel giorno non era nemmeno a Voronezh.

    "Non si parla di appelli alla violenza. Secondo il protocollo, tutto ruota intorno all'amore, all'amore per il prossimo", osserva l'avvocato. Cita dal fascicolo del caso: "Si dice che tutti dovrebbero essere trattati con amicizia e amore. C'è persino un'espressione di un cartone animato sovietico sull'amicizia: "Che i sorrisi si accendano ovunque sulla terra, come lampadine".

    A sua volta, Stepan Pankratov dice: "Come essere un buon genitore e come trattare le persone di altre razze e nazionalità - questo è stato discusso durante i servizi. E non una parola sull'inimicizia e sull'odio".

  • #
    29 agosto 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    L'udienza è stata rinviata a causa della malattia di Anatoly Yagupov.

  • #
    3 ottobre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    La corte continua a esaminare i materiali del caso ed esamina il 47° volume. La difesa osserva che le prove in questione, sequestrate ad alcune persone nel corso di 80 perquisizioni, non sono collegate alle accuse mosse contro gli imputati.

    L'avvocato richiama anche l'attenzione sulla mancanza di prove che Yuriy Galka, durante il periodo indicato dall'investigatore, abbia incontrato persone la cui identità non è stata stabilita, presumibilmente per il trasferimento di letteratura estremista.

  • #
    4 ottobre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il tribunale esamina le competenze linguistico-religiose e politico-religiose.

    L'avvocato richiama l'attenzione sulla violazione della procedura per lo svolgimento dell'esame e sulla mancanza di un'adeguata formazione dell'esperto, nonché sul fatto che l'esame contiene parole che l'imputato Sokolov non ha pronunciato.

    La difesa sottolinea che la trascrizione del servizio divino letta durante l'udienza contiene un invito a non mostrare odio, ma, al contrario, ad amare il prossimo, comprese le forze dell'ordine.

  • #
    7 novembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Studi di esperti con violazioni

    Il tribunale continua a esaminare i materiali del caso. L'avvocato degli imputati richiama ancora una volta l'attenzione sul fatto che entrambi i periti che hanno condotto gli esami non hanno la formazione adeguata, come si evince dalla terminologia che utilizzano.

  • #
    8 novembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il tribunale esamina il 48° volume del procedimento penale, in particolare le registrazioni video con gli imputati.

  • #
    29 novembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Il tribunale esamina i volumi da 49 a 51 del caso. La difesa sostiene che il memorandum del volume 51 non soddisfa i requisiti del codice di procedura penale. Afferma inoltre erroneamente che gli imputati sono membri dell'LRO e non intrattengono rapporti con i parenti - entrambe queste dichiarazioni non sono supportate da alcun fatto.

  • #
    12 dicembre 2023 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado

    Durante l'esame dei materiali che caratterizzano gli imputati, l'avvocato afferma che il coinvolgimento del credente Galka in attività estremiste non è stato provato. Al contrario, un uomo ha caratteristiche positive, ha un figlio minorenne a suo carico, ha forti legami sociali. Durante l'arresto, Galka non ha opposto resistenza, ma quando è stato collocato in una struttura di detenzione temporanea, sono state registrate lesioni personali.

  • #
    18 gennaio 2024 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    Il tribunale procede all'esame dei testimoni dell'accusa. Il testimone Sarantsev, che dal 2015 lavora come vice capo del dipartimento per la lotta alle organizzazioni estremiste, non può informare la corte di nulla sul merito del caso. Egli descrive le attività dei testimoni di Geova come segue: "La gente si riuniva per pregare, pregava e si disperdeva".

  • #
    Gennaio 19, 22, 23, 2024 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    Il testimone Denis Drozdov, detective senior per casi particolarmente importanti del Centro per il contrasto all'estremismo della Direzione principale del Ministero degli Affari Interni della Russia nella regione di Voronezh, è stato interrogato. Non è stato in grado di rispondere alle domande se ci fossero appelli all'incitamento all'odio e all'inimicizia durante le funzioni e se fossero stati utilizzati materiali estremisti.

  • #
    6 febbraio 2024 Udienza dinanzi a un tribunale di primo grado Interrogatorio

    Yuriy Menyailov, uno specialista tecnico dell'FSB che ha preso parte all'ORM, è stato interrogato. Quando gli viene chiesto cosa è successo nelle registrazioni, risponde: "Una specie di preghiera, persone nella stanza".