Foto illustrativa

Azioni delle forze dell'ordine

Al culmine della pandemia di COVID-19, le forze dell'ordine hanno lanciato raid nella regione di Mosca. Un credente di 33 anni è stato arrestato per il secondo giorno

Regione di Mosca

La mattina del 2 giugno 2020, almeno cinque case di fedeli locali sono state perquisite nel villaggio di Vlasikha, vicino a Mosca. Due donne e un uomo sono stati portati via per essere interrogati dai servizi di sicurezza. Sergey Oganyan, padre di un figlio minorenne, è stato arrestato.

Alle 6:20 del mattino, circa 10 agenti delle forze dell'ordine hanno fatto irruzione nell'appartamento di Sergey Oganyan, che vive con la moglie e la figlia minorenne. Le forze dell'ordine hanno emesso un decreto per avviare un procedimento penale contro Sergey con l'accusa di aver organizzato e partecipato alle attività di un'organizzazione estremista, dopo di che hanno iniziato una perquisizione. È stato supervisionato dagli investigatori della Direzione investigativa principale del Comitato investigativo della Russia nella regione di Mosca Yevgeny Dymchenko e Denis Popov.

I coniugi hanno ricordato agli inquirenti che un'incursione in condizioni di pandemia potrebbe rappresentare una minaccia particolare per la salute. Le forze dell'ordine hanno ignorato l'avvertimento, nonostante il fatto che, secondo il Ministero della Salute della regione di Mosca il 3 giugno, il distretto di Odintsovo, dove vive la famiglia Oganyan, sia uno dei leader nel numero di casi rilevati di coronavirus nella regione di Mosca.

Telefoni cellulari, altri dispositivi elettronici, carte bancarie, documenti personali e biglietti di auguri sono stati sequestrati a Oganyan. Sergey è stato portato alla filiale di Mytishchinskoye del dipartimento del ministero dell'Interno russo e precedentemente detenuto per 48 ore.

Lo stesso giorno due donne credenti sono state perquisite a Vlasikha. Sono stati portati per essere interrogati in una filiale di una delle forze dell'ordine e rilasciati poche ore dopo l'inizio degli eventi. I dettagli sono in fase di chiarimento.

Aggiornamento. Secondo le informazioni aggiornate, la detenzione amministrativa di Sergey Ohanyan è stata estesa a 72 ore. Le perquisizioni sono state condotte nelle case di cinque famiglie di credenti. Le forze di sicurezza hanno sequestrato apparecchiature informatiche e altri dispositivi elettronici, documenti personali e album fotografici, oltre a Bibbie e atlanti biblici. Ai credenti, tra cui la figlia minorenne di una delle donne, sono state poste domande provocatorie durante le ricerche sulla loro fede in Dio. Dopo le perquisizioni, cinque persone, tra cui un minore, sono state portate come testimoni per essere interrogate presso la Direzione principale del Comitato investigativo per la regione di Mosca, situata nel centro di Mosca.

Questa è la seconda ondata di persecuzione dei credenti nella regione di Mosca dopo la liquidazione e la messa al bando di tutte le organizzazioni religiose dei Testimoni di Geova in Russia nel 2017. Nel settembre 2019 è stato avviato un procedimento penale per la fede contro sei residenti di Cechov. In particolare, nel 2016 e nel 2017, i tribunali locali hanno assolto due residenti della regione di Mosca accusati di un "crimine" simile: riunioni religiose e conversazioni sulla Bibbia con altri

Caso di Ohanyan a Vlasikha

Casi di successo
Nel giugno 2020 sono state effettuate perquisizioni in 5 case di testimoni di Geova locali nel villaggio di Vlasikha. Uno dei credenti, l’artista e scrittore Sergey Ohanyan, è stato arrestato. A maggio, l’investigatore Yevgeny Dymchenko ha aperto un procedimento penale contro il credente ai sensi degli articoli 3 del Codice penale della Federazione Russa: organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista, coinvolgimento di altre persone in questa attività e partecipazione ad essa. Sergey ha trascorso 3 giorni dietro le sbarre, dopo di che è stato messo agli arresti domiciliari, e 10 mesi dopo, per sua stessa ammissione. Inoltre, Sergey ha dovuto sottoporsi a un esame psichiatrico, durante il quale è stato sottoposto a pressioni per essere ricoverato involontariamente in ospedale per essersi rifiutato di rispondere alle domande sul suo atteggiamento nei confronti dei rappresentanti di altre religioni. Nell’ottobre 2021, l’indagine ha escluso dalle accuse la parte 1.1 dell’articolo 282.2 del codice penale della Federazione russa.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Regione di Mosca
Insediamento:
Vlasikha
Caso giudiziario nr.:
12002460042000047
Inizio caso:
28 maggio 2020
Stato attuale del caso:
Caso archiviato
Inquirente:
Direzione investigativa principale del Comitato investigativo della Russia nella regione di Mosca
Articolo del Codice Penale Russo:
282.2 (2), 282.2 (1)
Casi di successo