Azioni delle forze dell'ordine

Un'ondata di perquisizioni nelle case dei credenti di Yalta. È stato avviato un nuovo procedimento penale

Crimea

L'11 marzo 2021 a Yalta è stata effettuata un'altra serie di perquisizioni in almeno 9 case di testimoni di Geova. Quattro persone sono state arrestate per essere interrogate, una di loro è stata portata dalle forze di sicurezza a Simferopoli.

Aggiornamento. Almeno cinque persone sono state interrogate a Yalta l'11 marzo. Taras Kuzio è stato trasferito nel centro di detenzione temporanea della città di Bakhchysarai. Il tribunale dovrebbe presto scegliere una misura di restrizione per il credente.

Durante la perquisizione, tutte le apparecchiature elettroniche e una grande quantità di denaro sono state sequestrate al 42enne Taras Kuzio. I funzionari della sicurezza non hanno aspettato che il credente aprisse la porta e l'hanno sfondata. In precedenza, era già stato perquisito due volte. Poi le forze di sicurezza hanno cercato di mettersi in contatto con Artyom Gerasimov, un testimone di Geova, che in seguito è stato condannato a 6 anni di carcere per la sua fede.

Secondo i dati preliminari, il motivo del raid era un nuovo procedimento penale "sul finanziamento di un'organizzazione estremista". Le perquisizioni sono state autorizzate da Viktor Krapko, giudice del tribunale distrettuale Kievskiy di Simferopol. I dettagli sono in fase di chiarimento.

Come si evince dal materiale di centinaia di procedimenti penali avviati contro i testimoni di Geova in Russia, le forze di sicurezza considerano un crimine i raduni pacifici di credenti quando studiano insieme la Bibbia, ascoltano discorsi biblici e partecipano a canti e preghiere comuni. Gli investigatori interpretano automaticamente questa religione come una continuazione delle attività delle organizzazioni liquidate. Il procedimento penale continua, nonostante le ripetute assicurazioni delle autorità russe che la religione dei testimoni di Geova non è proibita.

Il caso Kuzo e a. a Yalta

Casi di successo
Nel marzo 2021, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro Taras Kuzio di Yalta, padre di due figli minorenni, sospettandolo di finanziare le attività di un’organizzazione estremista. Dopo una serie di perquisizioni nelle case dei credenti, Kuzo è finito in un centro di detenzione temporanea. Nel luglio dello stesso anno, è stato aperto un procedimento penale contro sua moglie, Daria, così come Pyotr Zhiltsov, Sergey Lyulin e Tadevos Manukyan. In seguito, il caso di Manukyan è stato separato in procedimenti separati. Lyulin ha trascorso più di sei mesi in un centro di detenzione preventiva e poi più di 4 mesi agli arresti domiciliari. Petro Zhiltsov e Taras Kuzio sono stati agli arresti domiciliari rispettivamente per 11 e 16 mesi. Nel marzo 2022, il caso dei credenti è andato in tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto una punizione severa per loro: da 3,5 a 7,5 anni di reclusione in una colonia a regime generale. Nel febbraio 2023, il tribunale ha condannato Taras Kuzio a 6,5 anni di carcere, Petr Zhiltsov a 6 anni e 1 mese in una colonia penale, Sergey Lyulin a 6 anni di carcere e Darya Kuzo a 3 anni di sospensione condizionale della pena.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Crimea
Insediamento:
Yalta
Caso giudiziario nr.:
121023500130000044
Inizio caso:
4 marzo 2021
Stato attuale del caso:
processo dinanzi al Tribunale di primo grado
Inquirente:
Filiale del Servizio di sicurezza federale della Russia nella Repubblica di Crimea
Articolo del Codice Penale Russo:
282.3 (1), 282.2 (1)
Numero del procedimento giudiziario:
1-17/2023 (1-181/2022)
Tribunale:
Ялтинский городской суд
Giudice:
Владимир Романенко
Casi di successo