Gli imputati con le loro famiglie e amici poco prima dell’annuncio del verdetto (Saransk, agosto 2022)

Verdetti ingiusti

Un tribunale della Mordovia ha condannato sei testimoni di Geova di Saransk, tra cui una donna, a due o sei anni di carcere per aver praticato la loro fede

Mordovia

Il 25 agosto 2022 Yelena Simonova, giudice del tribunale distrettuale Leninskiy di Saransk, ha condannato sei testimoni di Geova, tra cui una donna e un padre di due bambini piccoli, a pene detentive grossolane in una colonia penale solo a causa della loro religione.

Il pubblico ministero ha chiesto 2,5 anni di carcere in una colonia penale per Shevchuk, Antonov e Korolev, 4 anni e 2 mesi per i Nikulin e 6,5 anni per Atryakhin. Nonostante l'assenza di vittime nel caso, la corte ha assegnato pene detentive reali a tutti i credenti: per Vladimir Atryakhin – 6 anni, per Georgiy Nikulin e sua moglie Yelena – 4 anni e 2 mesi ciascuno, per Aleksandr Shevchuk, Aleksandr Korolev e Denis Antonov – 2 anni ciascuno. I fedeli sono stati presi in custodia nell'aula del tribunale.

Il procedimento penale contro i credenti è iniziato il 6 febbraio 2019, quando una serie di perquisizioni e detenzioni hanno avuto luogo a Saransk. Lo stesso giorno, i tre detenuti sono stati mandati in custodia, dove hanno trascorso da 51 (Atryakhin) a 147 giorni (Nikulin e Shevchuk). Sono stati accusati di organizzare, continuare e finanziare le attività di un'organizzazione estremista (parti 1, 1.1 e 2 dell'articolo 282.2 del codice penale della Federazione Russa) per aver parlato della Bibbia. L'indagine sul caso è stata condotta dall'investigatore del Dipartimento investigativo dell'FSB della Russia nella Repubblica di Mordovia, E. V. Makeev. Molto prima che i testimoni di Geova mettessero al bando le persone giuridiche in Russia, nel 2003-2004, lui stesso si interessava della Bibbia e, insieme a sua moglie, assisteva alle funzioni dei testimoni di Geova.

Al momento dell'arresto di Vladimir Atryakhin, i suoi figli avevano 9 mesi e 2 anni. Secondo lui, durante la sua permanenza nel centro di detenzione preventiva, preoccuparsi per la sua famiglia è stata una prova difficile per lui. Anche nei luoghi di detenzione ha subito pressioni: "Le condizioni di vita in carcere erano difficili, soprattutto all'inizio. Il personale del centro di detenzione preventiva ha cercato di umiliare, di fare pressione su . . . Ricerche costanti. Durante il giorno era impossibile sdraiarsi sul letto, solo sedersi sulla panca. Freddo. Al posto di un materasso, infatti, un pezzo di stoffa sopra una lastra di ferro.

Denis Antonov ha perso la sua attività a causa di un procedimento penale. Lui e sua moglie, Olga, sono stati costretti a fare lavori saltuari per prendersi cura di se stessi e della loro anziana madre, Olga, affidata alle loro cure.

Yelena Nikulina, mentre suo marito era in carcere, è rimasta senza lavoro e senza mezzi di sostentamento. Inoltre, non le fu permesso di incontrare suo marito. E un anno dopo la ricerca, la famiglia ha perso la casa a causa di un incendio. Secondo Yelena, i compagni di fede sono venuti in soccorso: "In quel periodo [dopo l'incendio] ci siamo sentiti membri di una famiglia globale. Il sostegno è arrivato da tutto il mondo e dopo 4 mesi avevamo un piccolo appartamento".

Anche altri imputati hanno sentito il sostegno di coloro che non sono indifferenti. "Al momento, io e mia moglie abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno e anche di più", ha detto Denis Antonov. Aleksandr Shevchuk, discendente dei testimoni di Geova che furono repressi nel 1951, ricorda: "Le lettere recavano particolare gioia. Ognuno di loro aveva qualcosa solo per me".

Il governo russo ha ripetutamente affermato che le decisioni dei tribunali russi di liquidare e mettere al bando le organizzazioni dei Testimoni di Geova "non valutano il dogma dei Testimoni di Geova, non contengono restrizioni o divieti di praticare individualmente la suddetta dottrina". La Corte europea dei diritti dell'uomo ha dichiarato illegittimo il procedimento penale contro i testimoni di Geova.

Il caso di Shevchuk e altri a Saransk

Casi di successo
Nel febbraio 2019, a Saransk, l’FSB ha aperto un procedimento penale contro tre credenti per sospetto di estremismo. Dopo le perquisizioni di massa, Vladimir Atryakhin, padre di due bambini piccoli, così come Aleksandr Shevchuk e Georgiy Nikulin sono finiti in un centro di detenzione preventiva, dove hanno trascorso dai due ai cinque mesi. Successivamente, altri tre imputati sono comparsi nel caso: Aleksandr Korolev, Yelena Nikulina e Denis Antonov. Il caso è andato in tribunale nel maggio 2021. La difesa è riuscita a dimostrare più volte alla corte che il testimone declassificato Vlasov stava dando una falsa testimonianza. Nell’agosto 2022, i credenti sono stati condannati: Vladimir Atryakhin è stato condannato a sei anni, Georgiy e Yelena Nikulin a quattro anni e due mesi ciascuno, e Aleksandr Shevchuk, Aleksandr Korolev e Denis Antonov a due anni di carcere. L’appello ha confermato il verdetto. Nel novembre 2023, Shevchuk è stato rilasciato dalla colonia e nel giugno 2024 anche Korolev e Antonov sono stati rilasciati.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Mordovia
Insediamento:
Saransk
Sospettato di:
secondo l'indagine, essi "hanno diffuso l'ideologia e la fede tra i cittadini della Repubblica di Mordovia... conducendo conversazioni con i cittadini di Saransk e di altri centri abitati", che viene interpretato come "organizzazione dell'attività di un'organizzazione estremista" (con riferimento alla decisione della Corte Suprema russa sulla liquidazione di tutte le 396 organizzazioni registrate dei Testimoni di Geova)
Caso giudiziario nr.:
11907890001000003
Inizio caso:
4 febbraio 2019
Stato attuale del caso:
Il verdetto è entrato in vigore
Inquirente:
Dipartimento investigativo della direzione dell'FSB della Russia per la Repubblica di Mordovia
Articolo del Codice Penale Russo:
282.2 (2), 282.2 (1), 282.2 (1.1)
Numero del procedimento giudiziario:
1-13/2022 (1-216/2021)
Tribunale:
Ленинский районный суд г. Саранска
Giudice del Tribunale di primo grado:
Елена Симонова
Casi di successo