Sergey Kosyanenko, Rinat Kiramov e Sergey Korolev in aula, 13 aprile 2023

Verdetti ingiusti

La Corte di Cassazione ha lasciato in vigore la dura condanna per fede di tre testimoni di Geova di Akhtubinsk. Continueranno a scontare la loro pena nella colonia

Regione di Astrakhan

Il 19 marzo 2024, la Quarta Corte di Cassazione di Giurisdizione Generale di Krasnodar ha respinto il ricorso di Sergey Korolev, Sergey Kosyanenko e Rinat Kiramov contro il verdetto di primo grado. I credenti rimarranno nella colonia.

Korolev, Kosyanenko e Kiramov sono in carcere da più di due anni per pratiche religiose ordinarie non legate ad attività estremiste. Il loro avvocato lo ha sottolineato nel ricorso per cassazione: "La corte non ha dimostrato nelle sue decisioni perché il modo pacifico di esprimere la fede in Dio fosse considerato da essa come un modo di commettere un crimine".

La difesa ha anche sottolineato nell'appello per cassazione che il verdetto e la sentenza d'appello "sono stati emessi con significative violazioni della legge", vale a dire: la corte non ha tenuto conto del fatto che la religione dei testimoni di Geova non è proibita; non ha indicato le specifiche azioni estremiste degli imputati; non ha fornito prove di attività illecite; non ha stabilito i motivi per commettere reati. Inoltre, il tribunale non ha valutato le violazioni durante gli esami, in particolare, il fatto che la linguista N. V. Gromova abbia invaso la competenza di uno studioso religioso e abbia cercato di "condurre la propria ricerca religiosa".

Irina e Galina, madre e moglie di Rinat Kiramov, davanti alla corte di cassazione, marzo 2024
Irina e Galina, madre e moglie di Rinat Kiramov, davanti alla corte di cassazione, marzo 2024

L'avvocato onorario della Russia, il professor Anatoly Pchelintsev, ha dichiarato: "I Testimoni di Geova, come parte del cristianesimo globale, sono riconosciuti e operano senza ostacoli nella maggior parte dei paesi del mondo e sono banditi solo in alcuni paesi con un regime totalitario... Senza la garanzia della libertà di coscienza, nessuno Stato può essere stabile e prospero".

Il caso di Korolev e altri ad Akhtubinsk

Casi di successo
La mattina di novembre 2021 i testimoni di Geova sono stati perquisiti e interrogati ad Akhtubinsk e Znamensk (regione di Astrakhan). Alcuni di loro erano stati precedentemente sotto sorveglianza. Le forze di sicurezza hanno sfondato porte, danneggiato proprietà e steso a terra uomini e donne. Il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro Sergey Korolev, Rinat Kiramov e Sergey Kosyanenko, considerando il culto pacifico come attività estremiste. I credenti sono stati collocati in un centro di detenzione temporanea, e poi in un centro di detenzione preventiva, dove hanno trascorso più di un anno e mezzo. Nell’ottobre 2022, il caso è andato in tribunale. Alcuni testimoni dell’accusa, tra cui quello classificato, hanno parzialmente o completamente ritrattato le loro deposizioni preliminari. Nell’aprile 2023, il tribunale ha condannato Korolev, Kiramov e Kosyanenko a 7 anni di carcere ciascuno. Quattro mesi dopo, un appello confermò il verdetto contro i credenti. La Corte di Cassazione ha confermato tale decisione. Nell’aprile 2024, Rinat Kiramov è stato trasferito illegalmente alla LIU n. 3 nella regione di Tula, dove è stato sottoposto a bullismo e tortura.
Cronologia

Persone coinvolte

Caso penale

Regione:
Regione di Astrakhan
Insediamento:
Akhtubinsk
Sospettato di:
Secondo l'indagine, "incontri organizzati ... compreso l'uso della videoconferenza ... vale a dire, sotto forma di culto religioso collettivo consistente nella riproduzione pubblica di registrazioni audio e video... cantando in sequenza cantici da una speciale raccolta di insegnamenti religiosi dei testimoni di Geova e preghiere a Geova Dio".
Caso giudiziario nr.:
12102120006000100
Inizio caso:
9 novembre 2021
Stato attuale del caso:
Il verdetto è entrato in vigore
Inquirente:
Dipartimento investigativo interdistrettuale di Akhtubinsk della direzione investigativa del comitato investigativo della Federazione russa per la regione di Astrakhan
Articolo del Codice Penale Russo:
282.2 (1), 282.3 (1)
Numero del procedimento giudiziario:
1-9/2023 (1–342/2022)
Tribunale di primo grado:
Ахтубинский районный суд Астраханской области
Giudice del Tribunale di primo grado:
Анатолий Проскурин
Casi di successo