Aggiornato: 27 maggio 2024
Nome: Abdulgalimov Marat Nazimovich
Data di nascita: 8 novembre 1991
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 361 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 882 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Sospensione condizionale della pena
Frase: pena sotto forma di 6 anni 6 mesi di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche religiose, per un periodo di 5 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena detentiva si considera sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Dopo un'irruzione nelle case dei credenti in Daghestan il 1° giugno 2019, le forze dell'ordine hanno arrestato quattro civili, una donna e tre uomini. Tre giorni dopo, il tribunale distrettuale Sovetsky di Makhachkala ha inviato tutti e quattro in un centro di detenzione preventiva. Tra loro c'è Marat Abdulgalimov. Cosa si sa di lui?

Marat è nato nel 1991 a Makhachkala (Daghestan). È cresciuto in una famiglia numerosa. Ha due fratelli più piccoli e una sorella. Suo padre è un pensionato disabile, sua madre lavora come sorella-hostess in un ospedale di maternità locale. Fin dall'infanzia, Marat amava guidare la palla in cortile con i ragazzi del vicinato. Dopo la scuola, ha ricevuto la specialità di saldatore elettrico, attualmente lavora in un negozio di scarpe come battitore di scarpe. Ci sono sempre stati rapporti cordiali e sereni con i colleghi di lavoro. Il datore di lavoro apprezza molto Marat per la sua onestà e il suo duro lavoro.

Nel tempo libero, come prima, gli piace giocare a calcio con gli amici, uscire nella natura, friggere spiedini, pescare.

Fin da piccolo il padre di Marat cercò di instillare nel figlio il rispetto per la Bibbia. A Marat piaceva leggere e studiare le Sacre Scritture. Riflettendo su ciò che leggeva, rafforzò la sua fede in Dio e la fiducia in questo libro. È sempre stato attratto dalle persone che vivono secondo i comandamenti di Cristo e amano il prossimo.

La notizia dell'arresto di suo figlio ha portato molto dolore e sofferenza a sua madre. Anche il padre di Marat è preoccupato per suo figlio, ma fa del suo meglio per mantenere un atteggiamento positivo e incoraggiare tutti i membri della famiglia che sentono molto la sua mancanza e non vedono l'ora che venga rilasciato. Non riescono a credere che Marat, che tutti conoscono come un uomo onesto e amante della pace, sia finito in prigione.

Casi di successo

Nell’estate del 2019 sono state perquisite le case dei testimoni di Geova locali in quattro città del Daghestan. Due opuscoli religiosi sulla lista dei materiali estremisti sono stati piantati in una delle case. In precedenza, l’FSB aveva avviato un procedimento penale contro Arsen Abdullaev, Anton Dergalev, Marat Abdulgalimov e Mariya Karpova, accusandoli di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista. Inoltre, i tre uomini sono stati accusati di aver finanziato un’organizzazione vietata, mentre la donna è stata accusata di aver coinvolto altri in essa. Tutti e quattro sono stati inseriti nella lista degli estremisti e dei terroristi di Rosfinmonitoring. I credenti hanno trascorso 362 giorni in detenzione preventiva, dopo di che sono stati posti agli arresti domiciliari. Nel 2020, la corte di cassazione ha dichiarato illegittima la loro detenzione in un centro di detenzione preventiva per 8 mesi su 12. Nel marzo 2021 è iniziato l’esame del caso nel merito. Nel novembre 2022, il tribunale ha condannato Abdullayev, Abdulgalimov e Dergalev a 6,5 anni di reclusione con sospensione condizionale della pena e a Karpova una pena sospesa di 6 anni.