Aggiornato: 23 luglio 2024
Nome: Akopyan Arkadya Akopovich
Data di nascita: 28 maggio 1948
Stato attuale: Addebiti ritirati
Articolo del Codice Penale Russo: 282 (1)
[i18n] Wrongfully prosecuted: for 2 years, 8 months, 20 days

Biografia

Arkadya Hakobyan è nato nel 1948 in un piccolo villaggio armeno dell'Azerbaigian. I genitori lavoravano in una fattoria collettiva vitivinicola, allevavano quattro figli. Arkadya entrò senza successo all'Istituto Pedagogico, ma alla fine iniziò a lavorare in uno studio di cucito, si innamorò della sartoria e completò anche gli studi per corrispondenza presso la Facoltà di Modellistica della Scuola Tecnica di Baku.

Nel 1978, Arkadya sposò Sonya. Dieci anni dopo, un'esplosione di violenza etnica in Azerbaigian costrinse lui e i suoi tre figli a trasferirsi in Kabardino-Balkaria. Avendo conosciuto i testimoni di Geova all'inizio degli anni '90, Arkadja Akopovich apprezzò la profondità della sapienza biblica. Separatamente, è rimasto colpito da quanto sia estranea l'ostilità etnica ai seguaci di questa religione.

Sua moglie Sonia non è una testimone di Geova battezzata. Ciononostante, sono felicemente sposati da circa 40 anni. Da quando è diventata testimone di Geova 25 anni fa, suo marito non ha mai costretto né lei né i suoi figli a cambiare religione. Tutto ciò non corrisponde all'accusa di "estremismo" mossa contro Hakobyan. Sia la famiglia che i vicini, comprese persone di diverse nazionalità, culture e religioni, rispettano Arkada, lo conoscono come una persona gentile e comprensiva.

Stato civile: coniugato. Ha 3 figli, 6 nipoti, 3 fratelli.

Nella foto (da sinistra a destra): la nipote Alina, Arkadya Hakobyan, la moglie Sonya, la nipote Oksana, la figlia Liana, il genero Alexander, la nipote Diana.
Nella foto (da sinistra a destra): la nipote Alina, Arkadya Hakobyan, la moglie Sonya, la nipote Oksana, la figlia Liana, il genero Alexander, la nipote Diana.

Casi di successo

Alla fine degli anni ‘80, Arkadya Hakobyan, sua moglie e i suoi tre figli fuggirono dalla pulizia etnica in Azerbaigian. Più di 25 anni dopo, da pacifico uomo anziano, Arkadia divenne vittima della repressione religiosa. Nel giugno 2016 è stato aperto un procedimento penale contro di lui per un discorso pubblico in cui avrebbe umiliato la dignità dei seguaci di altre religioni. Nel maggio 2017 sono iniziate le udienze presso il tribunale distrettuale di Prokhladnensky, durante le quali si è scoperto che la testimonianza dei testimoni alla base del caso era falsa e che l’opinione dell’esperto era piena di errori. Il pubblico ministero ha chiesto 3 anni di libertà vigilata per il credente. Nel dicembre 2018, il giudice Oleg Golovashko ha condannato il credente a 120 ore di lavoro forzato. Nel marzo 2019, la Corte Suprema della Repubblica di Kabardino-Balcaria ha annullato la condanna. Hakobyan è stato scagionato da tutte le accuse.