Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Aliyev Alam Abdulaziz
Data di nascita: 14 gennaio 1963
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 171 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 389 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 6 anni 6 mesi di reclusione con scontare una pena in una colonia correzionale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 4 anni e 6 mesi, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 8 in Amur Region
Indirizzo per la corrispondenza: Aliyev Alam Abdulaziz, born 1963, IK No. 8 in Amur Region, ul. Albazinskaya, 45, g. Blagoveshchensk, Amur Region, Russia, 675020

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Nel maggio 2018, Alam Aliyev è stato arrestato durante un'operazione dal nome in codice "Il giorno del giudizio", a cui hanno preso parte 150 agenti delle forze dell'ordine. Ha trascorso 8 giorni in un centro di detenzione. Il credente è stato accusato di aver organizzato l'attività di un'organizzazione estremista. Dopo 4 anni e mezzo il tribunale lo dichiarò colpevole e lo mandò in una colonia penale per 6 anni e mezzo solo a motivo della sua fede in Geova Dio.

Alam è nato nel 1963 nel villaggio di Lyaki (Azerbaigian) in una numerosa famiglia di semplici lavoratori. Alam ha 2 fratelli e 3 sorelle. Da bambino, Alam amava la dama, ma non era particolarmente obbediente. Ha fatto il servizio militare in Germania e poi ha trovato lavoro come marinaio su un peschereccio.

Nel 1989 Alam si trasferì a Khabarovsk, dove cominciò a leggere la Bibbia e rimase colpito da ciò che imparò. Nel 1991 ha scelto di diventare cristiano. I suoi genitori, che professavano l'Islam, inizialmente non approvavano questo, ma hanno iniziato a rispettare la fede di Alam dopo aver visto cambiamenti positivi in lui. Sua madre fu così contenta di come la Bibbia cambiò suo figlio che disse ai vicini: "Alam divenne come un angelo".

Negli ultimi anni, Alam ha lavorato come macchinista in un locale caldaie. Ha due figli adulti dal suo primo matrimonio. Alam si è risposato nel 2015 dopo la morte della sua prima moglie. Gli piace trascorrere del tempo nella natura con la sua famiglia e nel tempo libero si diverte a giocare a scacchi.

Anche la moglie di Alam, Svetlana, è stata vittima di un procedimento penale per la sua fede: è stata condannata a 2,5 anni con sospensione condizionale. Davanti alla corte, Alam dichiarò con fermezza: "Non mi vergogno di presentarmi davanti alla corte per il fatto di essere testimone di Geova. Sarebbe vergognoso se fossi processato per un vero crimine".

Casi di successo

Nel maggio 2018, la città di Birobidzhan ha ospitato un'operazione speciale dell'FSB con la partecipazione di 150 funzionari della sicurezza, nome in codice "Giorno del giudizio". Più di 20 famiglie di testimoni di Geova sono state perseguite penalmente, tra cui Alam Aliyev, Valerij Kriger, Sergej Sulyarenko e Dmitrij Zagulin. I fedeli sono stati accusati di aver tenuto servizi di culto congiunti, che l'inchiesta ha considerato essere l'organizzazione delle attività dell'organizzazione estremista e il suo finanziamento. Hanno trascorso più di 5 mesi nel centro di detenzione preventiva. Nel novembre 2020, il caso è andato in tribunale. Le udienze sono durate più di 2 anni e nel dicembre 2022 il tribunale ha condannato Dmitriy Zagulin a 3 anni e 6 mesi, Alam Aliyev a 6 anni e 6 mesi e Sergey Shulyarenko e Valeriy Kriger a 7 anni di carcere. L'appello ha confermato le pene di Zagulin e Aliyev e ha ridotto di 3 mesi quelle di Shulyarenko e Krieger. La corte di cassazione ha confermato il verdetto nel marzo 2024. Anche le mogli dei tre condannati sono state processate: Svetlana Monis, Tatyana Zagulina e Natalya Kriger. Nel settembre 2023, il matrimonio di Sergey Shulyarenko si è svolto nella colonia.