Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Baranovskaya Valentina Ivanovna
Data di nascita: 8 aprile 1951
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Trattenuto in custodia cautelare: 89 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 345 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 2 anni in una colonia correzionale di regime generale, con restrizione della libertà per un periodo di 6 mesi; Sostituito con parole

Biografia

Il 10 aprile 2019 sono state effettuate perquisizioni nelle famiglie dei credenti di Abakan. Valentina Baranovskaya e suo figlio Roman sono stati arrestati. Contro di loro è stato aperto un procedimento penale in base a un articolo "estremista". L'indagine è durata più di un anno, e poi il caso è stato esaminato in tribunale per 8 mesi. Nel febbraio 2021 è stata presa una decisione senza precedenti: una donna di 70 anni è stata condannata a 2 anni di carcere per aver creduto in Geova Dio. 3 mesi dopo, la Corte Suprema di Khakassia ha confermato il verdetto.

Valentina è nata nel 1951 nel villaggio kazako di Vannovka. Insieme al fratello e alla sorella maggiori, è cresciuta in una famiglia dominata dalle credenze comuniste. Nel 1973 si è laureata in contumacia presso l'Ufa Financial College. L'anno successivo nacque un figlio, Roman. All'età di 7 anni, la famiglia si stabilì ad Ashgabat (Turkmenistan). Nel 1991 si sono trasferiti ad Abakan, dove vivono tuttora.

Valentina ha lavorato come contabile ed economista ed è andata in pensione nel 2006. È una persona creativa, fin da piccola scrive poesie, ama fare gli auguri di matrimonio e le canzoni ai suoi amici. Ama cucinare e ricevere ospiti, e nel tempo libero ama risolvere i cruciverba.

Nel 1995 Valentina e suo figlio hanno iniziato a leggere la Bibbia. È rimasta colpita dalle belle verità che vi sono contenute. Era particolarmente colpita dall'idea che Dio non potesse mentire. Decise di fidarsi sempre e in tutto della Bibbia e di vivere secondo i suoi comandamenti.

Il procedimento penale ha minato la salute di Valentina: nell'estate del 2020, poco prima dell'inizio delle udienze, le è stato diagnosticato un infarto cerebrale, o ictus ischemico. Secondo i medici, il credente era in ospedale in condizioni moderate. Tutto questo, però, non ha impedito al tribunale di condannare l'anziana donna a una vera e propria pena detentiva.

I parenti sono rimasti scioccati nell'apprendere che Valentina e suo figlio sono stati condannati solo a causa della loro fede. "Sanno che siamo persone pacifiche, gentili, perbene... Non riescono ancora a rinsavire", dice Valentina.

Casi di successo

Nell’aprile 2019, l’investigatore del Comitato investigativo della Federazione Russa A. Pachuev ha aperto un procedimento penale contro Roman Baranovsky e sua madre, Valentina. Allo stesso tempo, le forze dell’ordine armate hanno perquisito la loro casa. I credenti di Abakan sono stati accusati di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista e di avervi partecipato. Nell’estate del 2020, il caso è stato presentato al tribunale della città di Abakan. Sullo sfondo di un forte stress, Valentina ha avuto un ictus. Nel febbraio 2021, il giudice Yelena Shcherbakova ha dichiarato i credenti colpevoli e ha condannato Roman a 6 anni di carcere e Valentina a 2 anni. La credente di 70 anni è diventata la prima donna testimone di Geova in Russia ad essere condannata alla reclusione. La Corte Suprema di Khakassia ha confermato questa decisione. Nell’autunno del 2021, nonostante le gravi malattie di Valentina, il tribunale le ha negato il rilascio anticipato. La sua ripetuta petizione è stata accolta e il 4 maggio 2022 Valentina è stata rilasciata. Roman continua a scontare la sua pena in una colonia penale.