Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Bazhenov Konstantin Viktorovich
Data di nascita: 10 maggio 1975
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 432 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 502 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 3 anni e 6 mesi di reclusione da scontare in una colonia penale di regime generale; con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 5 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony #3 of UFSIN for Ulyanovsk Region
Indirizzo per la corrispondenza: Konstantin Viktorovich Bazhenov, born 1975, Penal Colony #3 of UFSIN for Ulyanovsk Region, ul. Osipenko, 22, Ulyanovsk, 433510, Russian Federation

Biografia

Konstantin Bazhenov è nato nel 1975 a Velikij Novgorod in una famiglia lontana dalla religione. Da bambino si è trasferito in Ucraina con i genitori e il fratello. Da bambino, Konstantin era impegnato nella ginnastica, era appassionato di musica, si diplomò in una scuola di musica e divenne il capo di una banda di ottoni. Allo stesso tempo, fin dalla giovane età, Konstantin era una persona di sani principi e pensante. Spinto da personali convinzioni pacifiste, non prestò servizio nelle forze armate. Durante i suoi anni di studio, ha fatto ricerche sulla letteratura spirituale di diverse religioni. Trovò le risposte alle sue domande quando iniziò uno studio biblico.

Per guadagnarsi da vivere, Konstantin padroneggiava l'arte di muratore-fabbricante di stufe. Nel corso del tempo, mentre viveva in Ucraina, ha incontrato Irina e nel 2001 hanno deciso di mettere su famiglia. Nel 2009, Konstantin e Irina si sono trasferiti in Russia. La coppia ama viaggiare in tutto il paese. Hanno hobby creativi: Irina è appassionata di disegno e Konstantin ama suonare strumenti a percussione.

I parenti di Konstantin sopportano molto dolorosamente il suo ingiusto arresto. Non capiscono come una persona gentile, sensibile e amante della pace possa essere accusata di estremismo e di incitamento all'odio. Sono molto preoccupati per lui e sperano che le autorità si rendano conto di aver commesso un errore.

Nel 2019, il tribunale distrettuale Leninsky di Saratov ha condannato Konstantin Bazhenov a 3,5 anni in una colonia perché crede in Dio. La Corte d'Appello ha confermato questa decisione. Il 5 maggio 2021, il 45enne Konstantin Bazhenov è stato rilasciato in libertà vigilata dalla colonia di Dimitrovgrad e inviato in un centro di detenzione temporanea per cittadini stranieri per la deportazione nel territorio dell'Ucraina, poiché la sua cittadinanza russa è stata revocata a causa di un procedimento penale.

Casi di successo

Nel settembre 2019, il giudice Dmitry Larin ha immediatamente mandato in prigione 6 residenti di Saratov per una pena da 2 a 3,5 anni solo per aver letto la Bibbia, cantato canzoni e pregato. Dal 2017, le forze di sicurezza hanno condotto una sorveglianza segreta dei credenti. Nell’estate del 2018 le loro case sono state perquisite e sono state piantate pubblicazioni proibite. Mentre le indagini erano in corso, sono dovuti andare in un centro di detenzione preventiva, agli arresti domiciliari e sotto riconoscimento per non uscire. Un anno dopo, nonostante l’assenza di vittime nel caso, i credenti furono dichiarati colpevoli. All’arrivo nella colonia di Orenburg, 5 dei 6 credenti condannati sono stati picchiati dal personale dell’istituto. Mahammadiev è stato ricoverato in ospedale e gli altri sono stati messi in una cella di punizione per un po’. I prigionieri di coscienza di Saratov hanno imparato varie professioni in carcere. Nel maggio 2020, Mahammadiev e Bazhenov sono stati privati della cittadinanza russa e, dopo il loro rilascio, espulsi dalla Russia. Tutti e 6 i credenti hanno già scontato la loro pena. Nel settembre 2022, la Corte di Cassazione ha respinto il reclamo e il verdetto e la sentenza d’appello sono rimasti invariati.