Aggiornato: 18 luglio 2024
Nome: Bondarchuk Aleksandr Iosifovich
Data di nascita: 13 luglio 1974
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 699 Giorni Agli arresti domiciliari
Frase: pena sotto forma di 4 anni di reclusione con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno; La pena principale sotto forma di reclusione è considerata sospesa con un periodo di prova di 4 anni

Biografia

Il 18 luglio 2019, nella regione di Kemerovo, è stato avviato un nuovo procedimento penale contro credenti pacifici. Uno di loro, Aleksandr Bondarchuk, era agli arresti domiciliari. Per questo motivo, ha perso il lavoro e non ha visto i suoi figli per quasi 2 anni. Il tribunale ha esaminato il procedimento penale per oltre un anno e nel giugno 2021 Aleksandr è stato condannato a 4 anni di libertà vigilata per la sua fede in Geova Dio.

Aleksandr è nato nel 1974 nella città di Topki (regione di Kemerovo), poi si è trasferito a Kemerovo. Ha un fratello minore. Il padre morì nel 1993. Da bambino, come tutti i ragazzi, Aleksandr amava andare in bicicletta, pescare, sciare. Era impegnato nell'atletica leggera e nello sprint.

Dopo aver terminato 8 classi di scuola, Aleksandr è entrato nella scuola tecnica e un anno dopo - nella scuola, dove ha ricevuto la professione di conducente di trattori e autista di categoria C. Più tardi, in un cantiere edile, ha imparato le tecniche di falegnameria. Prima degli arresti domiciliari, il credente lavorava come operaio refrattario in una cokeria chimica e riparava cokerie. Era considerato un dipendente indispensabile. Quando le forze di sicurezza hanno iniziato il procedimento penale, la direzione dell'impianto si è rivolta personalmente all'investigatore con la richiesta di rilasciare Aleksandr e dargli la possibilità di tornare al lavoro.

Nel 1992, Aleksandr ha sposato Yelena. La coppia ha cresciuto due figli. Helen interessò Aleksandr alla Bibbia, e per molti anni egli ha messo in pratica con successo i consigli biblici nella vita familiare e nell'educazione dei figli. La fede in Dio aiutò Aleksandr e Yelena a preservare il loro matrimonio, che era sull'orlo del collasso.

I coniugi preferiscono la ricreazione attiva. In estate, amano trascorrere del tempo con tutta la famiglia e gli amici nella natura, seduti accanto al fuoco e guardando il cielo stellato, e in inverno amano sciare.

La madre di Aleksandr era molto preoccupata per il procedimento penale contro suo figlio. Non ha abbandonato la paura che da un momento all'altro potesse essere dietro le sbarre. Mentre Aleksandr era agli arresti domiciliari, sua moglie doveva provvedere ai bisogni materiali della famiglia.

Parlando in tribunale con l'ultima parola, Aleksandr Bondarchuk ha osservato: "La mia coscienza è pulita, non ho causato alcun danno o danno a nessuno, non ci sono vittime nel mio caso, quindi non merito una punizione così dura come la reclusione. Forse ad alcuni sembrerà strano, ma sono contento di essere giudicato non per alcune vere azioni malvagie, ma per la mia fede in Dio. "

Casi di successo

Nel gennaio 2018 sono state effettuate perquisizioni di massa nelle case dei civili a Kemerovo. Un anno e mezzo dopo, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro Sergei Yavushkin e Alexander Bondarchuk. Furono accusati di partecipare alle attività di un’organizzazione estremista e di finanziarla, il cui motivo erano le conversazioni di uomini con le persone su Dio e le adunanze con i compagni di fede. I fedeli sono stati mandati in una struttura di detenzione temporanea per 2 giorni, e poi agli arresti domiciliari, dove hanno trascorso 700 giorni ciascuno. Di conseguenza, Sergey e Alexander persero il lavoro. I loro beni sono stati sequestrati. Mentre si trovava nella struttura di detenzione temporanea, Sergey è stato sottoposto a pressioni psicologiche ed è finito in ospedale per un ictus. Nell’aprile 2020, il caso è andato in tribunale. L’accusa si basava principalmente sulla testimonianza di un testimone che teneva un registro segreto del culto. Nel giugno 2021, il tribunale ha condannato i credenti a 4 anni di libertà vigilata. L’appello e la cassazione hanno confermato il verdetto. Nel settembre 2023, Sergey Yavushkin ha ottenuto la libertà condizionale.