Aggiornato: 19 giugno 2024
Nome: Boronos Vyacheslav Pavlovich
Data di nascita: 1 giugno 1966
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.3 (1)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 6 anni 6 mesi di reclusione con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 3 anni 8 mesi

Biografia

Il 15 febbraio 2019 sono state effettuate perquisizioni di massa nelle case dei credenti di Surgut. A questo sono seguite percosse e torture di almeno 7 fedeli. Tra gli altri, le torture sono state denunciate da Vyacheslav Boronos. Cosa si sa di lui?

Vyacheslav è nato nel 1966 a Omsk. Ha un fratello minore. Da bambino era appassionato di turismo. Dopo essersi laureato presso l'istituto di costruzione, ha lavorato con successo nel campo dell'edilizia per 25 anni, è un ingegnere leader del dipartimento di riparazione degli edifici.

In gioventù, durante il ricovero in ospedale, Vyacheslav incontrò un'infermiera di nome Victoria. Nel corso del tempo, i giovani si sono innamorati l'uno dell'altro e si sono sposati, questo è successo nel 1991. Nel 2000 la famiglia si è trasferita da Omsk a Surgut in cerca di lavoro.

Tornata a Omsk, Vittoria si interessò alla Bibbia e Vjačeslav, vedendo cambiamenti positivi nel suo carattere e nella sua personalità, si unì a lei nello studio dell'antico libro. Scoprì il senso della vita, che non avrebbe scambiato per nulla. Ora è una famiglia cristiana molto unita: la coppia e il figlio amano viaggiare con una tenda, collezionare puzzle, andare in palestra. La moglie e il figlio di Vyacheslav cercano di non perdersi d'animo e di sostenerlo in questo momento difficile.

Casi di successo

Nel febbraio 2019, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro 18 uomini e 1 donna di Surgut (tra loro c’era un uomo scambiato per un testimone di Geova). Le loro case sono state perquisite. Durante gli interrogatori, 7 fedeli sono stati sottoposti a violenze. Artur Severinchik è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per 29 giorni, e Yevgeny Fedin e Sergey Loginov per 56. Timofey Zhukov è stato internato illegalmente in un ospedale psichiatrico per 14 giorni. I credenti hanno denunciato l’uso della tortura al Comitato investigativo, alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Commissario per i diritti umani, si è tenuta una conferenza stampa con la partecipazione dei difensori dei diritti umani, ma nessuna delle forze di sicurezza è mai stata assicurata alla giustizia. Nell’ottobre 2021, i materiali del caso sono stati presentati al tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto la reclusione per gli imputati da un periodo di 3 anni e 3 mesi a 8,5 anni di carcere, e per Loginov - 9,5 anni, che era la richiesta di punizione più severa per aver creduto in Geova Dio nella Russia moderna.