Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Britvin Sergey Alekseyevich
Data di nascita: 18 agosto 1965
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 656 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 254 Giorni Agli arresti domiciliari, 345 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 4 anni di reclusione con scontamento di una pena in una colonia correzionale di regime generale con privazione del diritto di ricoprire incarichi relativi all'esercizio delle funzioni di rappresentante delle autorità e dei poteri organizzativi e amministrativi per un periodo di 3 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno

Biografia

Dopo l'assalto alle case dei credenti nel luglio 2018, Sergey Britvin è finito in un centro di detenzione preventiva, dove ha finito per trascorrere quasi 2 anni. È stato processato e giudicato colpevole di aver organizzato attività estremiste, nominando 4 anni in una colonia a regime generale. Nel marzo 2021 è stato portato in una colonia di Novosibirsk.

Sergey è nato nel 1965 nella città di Belovo (regione di Kemerovo). Fin dall'infanzia era appassionato di ginnastica e altri sport. Sergey è un gruista e autista di professione, ha lavorato come autista BelAZ. Attualmente è un disabile del gruppo II.

Nel 1992 Sergej si sposò e nel 1995 iniziò a studiare la Bibbia, poiché era interessato alla dottrina della risurrezione dei morti. Anni dopo anche sua moglie Natalia si interessò alle Sacre Scritture. Era particolarmente commossa dagli effetti positivi della fede su suo marito.

La figlia, il genero, il nipote, i fratelli e la sorella di Sergey non condividono le sue convinzioni religiose, ma sono indignati per quello che gli è successo. Secondo i parenti del credente, è inaccettabile imprigionare le persone solo perché studiano pacificamente la Bibbia a casa.

Casi di successo

Nel gennaio 2021 è entrata in vigore la sentenza per due minatori della città di Berezovsky, condannati a 4 anni ciascuno in una colonia a regime generale per il fatto che professano la religione dei Testimoni di Geova. Entrambi hanno una famiglia. Al momento dell’arresto di Vadim Levchuk, suo figlio era minorenne. Sergey Britvin ha una disabilità di gruppo II. La persecuzione è iniziata nel luglio 2018, quando in città ha avuto luogo un’ondata di perquisizioni, dopo le quali il tribunale distrettuale centrale di Kemerovo ha collocato entrambi in un centro di detenzione preventiva. Mentre le indagini e il processo erano in corso, i credenti trascorsero quasi 2 anni in prigione. Il caso di Britvin e Levchuk è stato indagato dall’FSB. Non sono state identificate vittime o danni. I credenti sono stati giudicati colpevoli di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista solo perché comunicavano con gli amici su argomenti spirituali. Il pubblico ministero ha raccomandato al tribunale di condannare il tribunale a 6,5 anni di carcere per ciascuno. I credenti si sono dichiarati non colpevoli, insistendo sul fatto che praticare la loro religione non è proibito dalla legge. Il 30 dicembre 2021 sono stati rilasciati dalla colonia, dopo aver scontato per intero la pena.