Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Budenchuk Aleksey Vladimirovich
Data di nascita: 27 luglio 1982
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 455 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 564 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 3 anni e 6 mesi di reclusione da scontare in una colonia penale di regime generale; con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla gestione e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 5 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno

Biografia

Aleksey Budenchuk è nato nel 1982 nel villaggio di Shirokoe (regione di Saratov). Ha un fratello minore. La madre rimase presto senza marito e divenne disabile. Per sostenere finanziariamente la famiglia, Aleksey ha lasciato gli studi all'università di medicina e ha iniziato a lavorare, cambiando successivamente una serie di professioni.

Aleksey è una persona versatile. Si interessa di medicina, pesca, giardinaggio, paesaggistica, riparazioni di auto e appartamenti. Le ricerche spirituali durante gli studi all'università di medicina hanno portato Aleksey a capire che l'uomo e l'Universo hanno un Creatore, e che la Bibbia è la parola di Dio. Nel 2003, Aleksey ha sposato Tatyana, che condivide le credenze cristiane del marito e i suoi hobby per la medicina e il giardinaggio. I coniugi hanno un'economia domestica.

La coppia sta crescendo due figli in età scolare. Son Yegor ha partecipato con successo alle Olimpiadi panrusse, disegna e scrive poesie, e Sofia è appassionata di canto. La famiglia Budenchuk ha una risposta positiva da parte dell'amministrazione del comune in cui vive. I coniugi "hanno dato prova di sé sul lato positivo: come persone coscienziose, prive di conflitti, rispettose... La situazione psicologica in famiglia è stabile", si legge nella descrizione. Di Tatyana si dice separatamente che è "piena di tatto, paziente, sa come trovare soluzioni di compromesso e insegna questo ai suoi figli". Tutta la famiglia è caratterizzata positivamente dalla leadership della scuola in cui studiano i bambini.

Ciò che è accaduto al credente ha scioccato i parenti di Aleksey, persone non religiose. Considerando infondate le ragioni per cui il procedimento penale contro questa persona amante della pace è infondato, cercano di aiutare in ogni modo possibile.

Nel 2019, un giudice del tribunale distrettuale Leninsky di Saratov ha deciso di condannare Aleksey Budenchuk a 3 anni e 6 mesi di carcere a causa della sua fede in Dio. La Corte d'Appello ha confermato questa decisione. I due figli di Aleksey hanno perso il padre per molto tempo e sua moglie, con la quale erano sposati da 17 anni, ha perso il sostegno. Il 6 luglio 2021 il credente è stato rilasciato, dopo aver scontato completamente la sua pena.

Casi di successo

Nel settembre 2019, il giudice Dmitry Larin ha immediatamente mandato in prigione 6 residenti di Saratov per una pena da 2 a 3,5 anni solo per aver letto la Bibbia, cantato canzoni e pregato. Dal 2017, le forze di sicurezza hanno condotto una sorveglianza segreta dei credenti. Nell’estate del 2018 le loro case sono state perquisite e sono state piantate pubblicazioni proibite. Mentre le indagini erano in corso, sono dovuti andare in un centro di detenzione preventiva, agli arresti domiciliari e sotto riconoscimento per non uscire. Un anno dopo, nonostante l’assenza di vittime nel caso, i credenti furono dichiarati colpevoli. All’arrivo nella colonia di Orenburg, 5 dei 6 credenti condannati sono stati picchiati dal personale dell’istituto. Mahammadiev è stato ricoverato in ospedale e gli altri sono stati messi in una cella di punizione per un po’. I prigionieri di coscienza di Saratov hanno imparato varie professioni in carcere. Nel maggio 2020, Mahammadiev e Bazhenov sono stati privati della cittadinanza russa e, dopo il loro rilascio, espulsi dalla Russia. Tutti e 6 i credenti hanno già scontato la loro pena. Nel settembre 2022, la Corte di Cassazione ha respinto il reclamo e il verdetto e la sentenza d’appello sono rimasti invariati.