Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Danielyan Andrey Emikovich
Data di nascita: 13 marzo 1969
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 80 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 515 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 6 anni di reclusione con servizio in una colonia penale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività organizzative in associazioni religiose e organizzazioni religiose per un periodo di 5 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 8 in Omsk region
Indirizzo per la corrispondenza: Danielyan Andrey Emikovich, born 1969, IK No 8 in Omsk Region, ul. Dokovskaya, 3, g. Omsk-89, Omsk region, Russia, 644089

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Un residente della piccola città di Rubtsovsk, Andrey Danielyan, con sorpresa dei suoi parenti e del suo datore di lavoro, è stato sospettato di estremismo. Nel maggio 2021 è stato avviato un procedimento penale nei suoi confronti e nel novembre 2022 il tribunale lo ha condannato a 6 anni in una colonia penale.

Andrey è nato nel marzo del 1969 nella città di Aleysk, nel territorio dell'Altaj, nella famiglia di un costruttore e di una sarta. È il figlio maggiore della famiglia; Ha un fratello e una sorella.

Da bambino, Andrey era appassionato di musica e sport: studiava fisarmonica in una scuola di musica, giocava a calcio, pallavolo, andava a nuotare e pescare. Dopo la scuola, ha ricevuto la professione di elettricista per la riparazione di elettrodomestici complessi. Nel 1995, Andrey si è trasferito nella città di Rubtsovsk, dove vive tuttora. Ha lavorato come muratore, idraulico, bidello in un istituto comprensivo.

Nel 1997, Andrey ha sposato Nina, un'insegnante di musica di professione. Ora lavora come parrucchiera. Nel tempo libero, Andrey ama giocare a pallavolo, dama e ascoltare musica. I Danielyan trascorrono spesso del tempo con gli amici e lavorano con entusiasmo nell'orto e nell'orto: Nina coltiva ortaggi e pianta fiori, e Andrey raffina la casetta estiva.

Andrey era preoccupato per le questioni ambientali. Ha seguito la situazione nel mondo, ha studiato materiali sull'influenza distruttiva dell'uomo sul pianeta ed è giunto alla conclusione che le persone non possono risolvere questi problemi da sole. Andrej imparò che, secondo la Bibbia, solo Dio può fare questo. Di conseguenza nel 1992 decise di diventare testimone di Geova. La moglie e il fratello minore di Andrey condividono le sue convinzioni religiose.

Lo stress causato dal procedimento penale ha avuto un effetto negativo sulla salute di Andrey. Per molto tempo, lui e sua moglie hanno sperimentato tensioni emotive. Parenti e colleghi considerano ingiusta l'azione penale e la condanna.

Casi di successo

Nel maggio 2021, nel territorio dell’Altai, le forze di sicurezza hanno condotto un’operazione speciale dal nome in codice “Armageddon”. Tra i credenti che rischiavano di essere perseguiti penalmente c’era Andrey Danielyan di Rubtsovsk. L’appartamento dei coniugi Danielyan è stato perquisito e loro stessi sono stati interrogati. L’uomo è stato accusato di aver partecipato ad attività estremiste e inserito nella lista di Rosfinmonitoring, bloccando tutti i suoi conti bancari e sequestrando i contanti raccolti per le riparazioni. Presero l’impegno scritto di non lasciare il luogo al credente. Successivamente, l’investigatore ha riclassificato l’accusa da partecipazione a organizzazione delle attività di un’organizzazione estremista. Il caso è andato in tribunale nell’agosto 2022. Dopo 5 sessioni, la corte ha raggiunto la fase del dibattito delle parti. Il pubblico ministero ha chiesto 7 anni di carcere per Danielyan. Nel novembre 2022 il tribunale lo ha condannato a 6 anni in una colonia penale. La corte d’appello ha confermato il verdetto.