Aggiornato: 17 luglio 2024
Nome: Danielyan Aram Rudikovich
Data di nascita: 21 ottobre 1990
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 457 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 58 Giorni nella colonia
Limitazioni attuali: centro di detenzione
Frase: punizione sotto forma di 7 anni di reclusione con scontare una pena in una colonia penale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di un'organizzazione religiosa pubblica per un periodo di 4 anni, con restrizione della libertà per 1 anno 6 mesi
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 12 in the Republic of Mordovia
Indirizzo per la corrispondenza: Danielyan Aram Rudikovich, born 1990, IK No. 12 in the Republic of Mordovia, ul. Novaya, 2, p. Molochnitsa, Zubovo-Polyanskiy r-n, Republic of Mordovia, Russia, 431101

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Nella tarda serata del gennaio 2022, Aram Danielyan, padre di un bambino di sei mesi, è stato arrestato all'aeroporto di Samara mentre stava per visitare la sua terra natale, l'Armenia. Di conseguenza, il tribunale ha privato il bambino delle cure paterne, mandando il credente in una colonia per 7 anni solo a causa delle sue convinzioni.

Aram è nato nell'ottobre del 1990 nella città di Sevan (Armenia). Quando aveva sei mesi, la famiglia si trasferì in Russia, a Pyatigorsk (territorio di Stavropol), dove nacque il fratello minore di Aram. Nel 2001, la famiglia si è trasferita a Samara.

Dopo la scuola, Aram si è laureato presso l'Università di Architettura e Ingegneria Civile. Ha lavorato come ingegnere nel reparto tecnico e di produzione, responsabile delle vendite e durante gli anni da studente ha lavorato come merchandiser. Prima del suo arresto, lavorava nel reparto forniture di una società di costruzioni stradali.

Fin da bambino, Aram è appassionato di calcio, pallavolo, ama la pesca e ha studiato astronomia per qualche tempo. Gli piace trascorrere il suo tempo libero con gli amici e rilassarsi nella natura.

Aram è stato introdotto agli insegnamenti biblici da bambino. Sua zia gli diede un libro sulla Bibbia, che gli piacque così tanto che Aram lo lesse diverse volte. Da allora il ragazzo chiese a sua madre di portarlo alle adunanze per l'adorazione. Lei accettò, e poi cominciò a visitarli regolarmente lei stessa. Presto, nel 2000, la madre di Aram ha intrapreso il cammino cristiano. Suo figlio ha seguito l'esempio nel 2011. Ben presto, spinto dalle sue convinzioni pacifiche, completò un servizio civile alternativo.

Nel 2017, Aram ha sposato Elina, che condivide le sue opinioni religiose. Nel giugno 2021 è nato il loro figlio.

I dipendenti sono sorpresi che questa persona onesta e rispettabile sia stata messa dietro le sbarre. I suoi parenti, compresi quelli che non condividono le sue convinzioni, stanno vivendo dolorosamente la separazione forzata.

Casi di successo

Nel dicembre 2021 a Samara sono state perquisite almeno 10 case di testimoni di Geova. In uno degli appartamenti, le forze di sicurezza hanno torturato e picchiato i fedeli. Tre uomini sono stati arrestati e presi in custodia. Un investigatore dell’FSB russo ha aperto un procedimento penale contro Sergey Polosenko, Denis Kuzyanin, Nikolay Vasiliyev e Aram Danielyan, che tre settimane dopo è stato arrestato e mandato in un centro di detenzione preventiva, con l’accusa di continuare le attività del “Centro amministrativo dei testimoni di Geova in Russia” nella regione di Samara. Dopo circa 300 giorni di prigionia, i credenti sono stati rilasciati in base al divieto di compiere determinate azioni. Nell’aprile 2023, il caso è andato in tribunale. Nel gennaio 2024, il pubblico ministero ha chiesto che i fedeli fossero condannati a 9 anni di carcere. Nella stessa udienza, il tribunale li ha mandati in prigione per 7 anni. A maggio, la corte d’appello ha lasciato in vigore la sentenza.