Aggiornato: 19 luglio 2024
Nome: Dyldina Anastasiya Dmitriyevna
Data di nascita: 18 febbraio 1999
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento

Biografia

Nel marzo 2023, Anastasiya Dyldina, testimone di Geova di quarta generazione, è stata perseguita per le sue convinzioni religiose.

Anastasiya è nata nel 1999 a Mosca nella famiglia di un militare e di un medico. A quel tempo, suo padre studiava nella capitale. Un anno dopo, la famiglia tornò nella loro città natale, Vladivostok. Nel 2018, i suoi genitori hanno divorziato.

Da bambina, Anastasiya era versatile: faceva ginnastica, le piaceva disegnare e giocare a scacchi, e si diplomò in una scuola di musica. Dopo essersi diplomata alla scuola secondaria, ha ricevuto una medaglia d'oro e poi si è iscritta all'università di medicina per studiare biochimica medica. Quando è stato avviato il procedimento penale contro di lei, aveva 6 anni e si stava preparando a difendere il suo diploma e il lavoro di insegnante di inglese in un centro per bambini.

Nel tempo libero, Anastasiya ama cantare e suonare l'ukulele, una piccola chitarra hawaiana. Le piace anche la fotografia e ama viaggiare con i suoi amici.

Anastasiya credeva in Dio fin dall'infanzia e sviluppò un amore per lui. Sua nonna le parlò delle meravigliose qualità di Dio e le lesse anche storie bibliche, dando vita alla sua immaginazione storie affascinanti e istruttive. Le ha insegnato a sviluppare buone qualità che le sarebbero state utili in età adulta, soprattutto in circostanze difficili. Anastasiya è cresciuta e la sua fiducia nell'esistenza del Creatore è stata rafforzata da ciò che ha imparato su quanto siano complessi gli organismi viventi. Nel 2018 è diventata testimone di Geova. Sua madre, come sua nonna, condivide le sue opinioni sulla vita.

Anastasiya ha sempre vissuto a Vladivostok, ma aveva in programma di trasferirsi dopo la laurea. L'azione penale ha sconvolto questi piani. I parenti, in particolare suo padre, sono preoccupati per lei e considerano questa accusa irragionevole.

Casi di successo

Dopo una serie di perquisizioni a Vladivostok nel marzo 2023, tre testimoni di Geova sono stati arrestati e messi in un centro di detenzione temporanea. Due giorni dopo, Yegor Pogrebnyak è stato rilasciato agli arresti domiciliari e Yuriy Byche e Sergey Novoselov sono stati mandati in un centro di detenzione preventiva. È stato aperto un procedimento penale contro i credenti in base a un articolo estremista. Più tardi, nello stesso mese, Tatiana Kazakova, Marina Roslova, Alina Tkachenko, Anastasia Dyldina ed Elena Romanova sono diventate imputate nel caso. E a dicembre, dopo nuove perquisizioni, Kirill Chekolayev è stato arrestato e messo in un centro di detenzione preventiva. Trascorse circa 5 mesi in prigione e Novoselov e Byche trascorsero quasi un anno. Tutti e tre sono stati rilasciati con il divieto di alcune azioni.