Aggiornato: 25 aprile 2024
Nome: Fefilov Victor Aleksandrovich
Data di nascita: 3 marzo 1962
Stato attuale: Condannato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Limitazioni attuali: Riconoscimento di non partire
Frase: pena sotto forma di 6 anni 4 mesi di reclusione con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 3 anni 6 mesi

Biografia

Il 15 febbraio 2019, una delle più massicce e disumane operazioni contro i credenti ha avuto luogo a Surgut e in diverse altre città del circondario autonomo di Khanty-Mansi. 7 persone hanno denunciato di essere state torturate, 3 persone sono rimaste in custodia per lungo tempo e il numero totale di imputati in procedimenti penali ha superato i 20. Uno di loro è Viktor Fefilov. Cosa sappiamo di lui?

Viktor è nato nel 1962 nel villaggio di Uinskoye (Territorio di Perm'). I suoi genitori non sono più in vita, ma ci sono tre fratelli. Da bambino, Victor amava stare nella natura e osservare il mondo animale. Dopo essersi diplomato al liceo, è entrato nella scuola, dove ha ricevuto la professione di tornitore universale. In seguito lavorò come autista. A causa di difficoltà economiche, fu costretto a trasferirsi a Surgut per lavorare. Per molto tempo è stato impegnato nelle sue attività preferite: la caccia e la pesca.

Victor ha incontrato sua moglie Natalia nel 1996, un anno dopo si sono sposati. Natalia è una moglie premurosa e amorevole. Fu la prima della famiglia a interessarsi delle verità bibliche. In seguito, Victor si unì a lei, trovando nella Bibbia le risposte alle domande che lo avevano preoccupato per molti anni: perché c'è così tanto male e ingiustizia nel mondo? Perché le guerre sono benedette?

Parenti e amici di Viktor e Natalia sono indignati per quanto sta accadendo. E' difficile per loro capire perché le persone amanti della pace vengono perseguite.

Casi di successo

Nel febbraio 2019, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro 18 uomini e 1 donna di Surgut (tra loro c’era un uomo scambiato per un testimone di Geova). Le loro case sono state perquisite. Durante gli interrogatori, 7 fedeli sono stati sottoposti a violenze. Artur Severinchik è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per 29 giorni, e Yevgeny Fedin e Sergey Loginov per 56. Timofey Zhukov è stato internato illegalmente in un ospedale psichiatrico per 14 giorni. I credenti hanno denunciato l’uso della tortura al Comitato investigativo, alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Commissario per i diritti umani, si è tenuta una conferenza stampa con la partecipazione dei difensori dei diritti umani, ma nessuna delle forze di sicurezza è mai stata assicurata alla giustizia. Nell’ottobre 2021, i materiali del caso sono stati presentati al tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto la reclusione per gli imputati da un periodo di 3 anni e 3 mesi a 8,5 anni di carcere, e per Loginov - 9,5 anni, che era la richiesta di punizione più severa per aver creduto in Geova Dio nella Russia moderna.