Aggiornato: 17 luglio 2024
Nome: Fokina Marina Yevgeniyevna
Data di nascita: 7 settembre 1994
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.2 (1.1)

Biografia

Il 24 settembre 2021, Marina Fokina e suo marito, Stanislav, sono stati processati nel processo contro i credenti della città di Berezovskiy.

Marina è nata nel settembre 1994 a Ekaterinburg. Era una bambina attiva: praticava ginnastica, sambo, amava ballare, fare jogging, pallavolo, ping pong, amava andare in bicicletta e in monopattino. Era anche appassionata di perline, ricami, lavori a maglia e cucito.

Marina ha ricevuto un'istruzione secondaria speciale, dopo aver studiato per diventare designer. Ha lavorato come segretaria, commessa, merchandiser. Recentemente ha lavorato nel campo della pulizia.

Nel tempo libero, Marina ama giocare a pallavolo e badminton, camminare e correre. Lavora a maglia vestiti per bambini, sciarpe, giocattoli, gioielli e ripara vestiti. Ama ascoltare musica, disegnare.

Marina non ha mai dubitato dell'esistenza di Dio e ha deciso di saperne di più su di lui. Cominciò a leggere la Bibbia e si rese conto che Dio non è crudele e la ama. Ha toccato il cuore della ragazza. C'era un senso nella sua vita. Vedendo come Dio rispondeva alle sue preghiere, anche lei volle fare qualcosa per lui e all'età di 19 anni intraprese il cammino cristiano. Dopo aver sposato Stanislav, Marina si trasferì a Berezovsky.

Nonostante sia passato un anno dalla ricerca, il credente ricorda ancora quel giorno nei dettagli. Marina dice: "Anche se prima soffrivo di ansia, ora si è intensificata in modo significativo, dato che sono una persona piuttosto gentile e impressionabile. È stato molto difficile durante il primo interrogatorio, che è durato 2,5 ore. Cominciò ad avere paura di bussare alla porta. È difficile vivere in uno stress costante. Sono molto preoccupato per il mio coniuge. "

Casi di successo

Nell’ottobre 2020, la Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione russa per la regione di Sverdlovsk ha aperto un procedimento penale nei confronti di Konstantin Zotov e Natalia Kochneva della città di Berezovsky. Poco dopo, una serie di perquisizioni ha avuto luogo nelle case di 10 credenti. Nel settembre 2021, l’indagine ha portato altri 5 credenti come imputati: Kristina Gruzdeva, Valentina Kugukov, Alexandra Zakharova e i coniugi Fokin, Stanislav e Marina. A ottobre, è stato aperto un altro procedimento penale contro Zotov. Nel marzo 2022, una nuova versione dell’accusa è stata presentata contro Konstantin: il credente è perseguitato contemporaneamente ai sensi di diversi articoli del codice penale della Federazione Russa.