Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Gerasimov Artem Vyacheslavovich
Data di nascita: 13 gennaio 1985
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1482 Giorni nella colonia
Frase: Pena sotto forma di reclusione per un periodo di 6 anni in una colonia penale di regime generale
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 10 in Rostov Region
Indirizzo per la corrispondenza: Gerasimov Artem Vyacheslavovich, born 1985, IK No 10 in Rostov Region, per. Kazachiy, 22, g. Rostov-on-Don, Russia, 344033

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Nella primavera del 2019, gli agenti dell'FSB hanno arrestato il testimone di Geova Artem Gerasimov a Yalta. Il credente è stato accusato di estremismo e condannato a una multa di 400.000 rubli. Tuttavia, nel 2020, la Corte Suprema della Crimea ha inasprito la pena, sostituendo la multa con 6 anni di carcere. Artem fu mandato nella colonia.

Artem è nato nel 1985 a Yalta. Da bambino era appassionato di ping pong e wrestling.

Artem ricorda: "Ho sperimentato come la Bibbia può influire positivamente sulla vita, come può essere di aiuto anche nei momenti difficili. Il periodo più difficile della mia vita è stata l'adolescenza, quando in cinque anni ho perso sei persone care, tra cui mio padre. Ricordo che fin dall'inizio della mia vita cosciente mi interessavo di questioni spirituali, di domande su Dio. Ma poi, quando perdi i parenti uno dopo l'altro, è facile diventare atei, non capendo perché, da bambino, "Dio mi porta via" i miei cari. Ma fortunatamente fu in quel periodo che cominciai a studiare la Bibbia. E fu per me di grande conforto apprendere che Geova, come disse Gesù, non è 'l'Iddio dei morti, ma dei viventi, poiché con Lui tutti vivono'.

Artem ha acquisito la professione di pasticcere, ma in seguito ha lavorato in varie specialità lavorative. Insieme agli amici amava giocare a pallavolo e andare in campeggio con pernottamenti nei luoghi pittoreschi della Crimea.

Quando la polizia antisommossa ha fatto irruzione nella casa di Artem, suo fratello, che non condivideva le sue convinzioni religiose, ha detto: "Perché sei venuto ad Artem? Dopo tutto, va in giro per la città con la Bibbia, non con una mitragliatrice". I vicini e i colleghi di lavoro parlano del credente come di una persona eccezionalmente pacifica.

Casi di successo

Nel marzo 2019, Artyom Gerasimov, cuoco di professione, è stato accusato di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista. Così l’inchiesta ha definito le conversazioni pacifiche del credente su argomenti religiosi e la lettura della Bibbia in una cerchia stretta, vedendo in questo un “pericolo pubblico”. Gli appartamenti di Gerasimov e di altri fedeli sono stati perquisiti. Un anno dopo, il tribunale della città di Yalta lo ha condannato a una multa di 400mila rubli, ma il 4 giugno 2020 la Corte suprema della Crimea ha inasprito la pena, sostituendo la multa con 6 anni di carcere. Dopo che Artyom fu inviato nella colonia, gli ufficiali dell’FSB iniziarono a “sviluppare” i suoi amici e conoscenti.