Aggiornato: 17 luglio 2024
Nome: Gruzdeva Kristina Aleksandrovna
Data di nascita: 10 settembre 1983
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.2 (1.1)

Biografia

In epoca sovietica, la nonna di Kristina Gruzdeva è stata repressa per motivi etnici e ha trascorso 19 anni in prigione. Ora, nella Russia moderna, anche Kristina dovette affrontare un'ingiusta persecuzione, ma nel suo caso per la sua fede in Geova Dio.

Kristina è nata nel settembre 1983 a Kurgan. Suo padre lavorava come elettricista, sua madre era un ingegnere-fisico di formazione. Per molti anni, la donna ha lavorato presso il Kurgan Center for Standardization and Metrology. Il padre non prendeva parte attiva alla vita dei figli, quindi la madre, fondamentalmente, li cresceva da sola. Kristina ha un fratello minore.

Da bambina Kristina ha studiato danza classica, al liceo si è innamorata della lettura, in particolare della letteratura classica russa. Si è laureata in psicologia. Dopo l'università, ha lavorato per qualche tempo di professione in una scuola materna. Kristina ora lavora come governante.

La nonna di Kristina era una persona religiosa, ha insegnato a sua figlia tradizioni e costumi, che ha portato alla sua famiglia, anche se era atea. Crescendo, i bambini hanno iniziato a porre domande alla madre sull'esistenza di Dio, sul significato dei simboli e delle tradizioni religiose. Per rispondere, la madre di Kristina ha iniziato a leggere la Bibbia nel 1994. Due anni dopo divenne testimone di Geova. Fin dall'infanzia, Kristina si interessò alla Bibbia, fu affascinata dalla coerenza di questo libro e dalla sua coerenza con la scienza, nonché dalla praticità dei consigli biblici per una persona moderna. Nel 2000, anche Kristina e suo fratello hanno intrapreso il cammino cristiano.

Nel 2005, Kristina ha sposato Maksim, che condivide la sua visione della vita. Un anno dopo il matrimonio, la coppia si trasferì a Berezovsky (regione di Sverdlovsk). Nel 2016 è nata la loro figlia. I Gruzdev conducono uno stile di vita attivo, amano fare escursioni insieme, anche se la figlia non condivide ancora questo amore. La ragazza ama dipingere. Kristina è appassionata di ricamo e cucito, impara il tedesco, ama il teatro e il balletto.

Dopo la ricerca, Kristina ha paura di separarsi da suo figlio, teme che lei e la sua famiglia siano seguiti. Il credente ricorda: "Il giorno dopo la perquisizione, per la prima volta nella mia vita, ho imparato cos'è un attacco di panico".

La madre e la suocera di Kristina, che non sono testimoni di Geova, sono indignate per il fatto che persone pacifiche siano ingiustamente perseguitate. Il fratello di Kristina ha raccontato: "Quando stavo raccogliendo documenti che confermavano che mia nonna era stata repressa in Unione Sovietica a causa della sua nazionalità, non potevo nemmeno immaginare che mia sorella che viveva in un paese democratico sarebbe stata perseguitata per motivi religiosi".

Casi di successo

Nell’ottobre 2020, la Direzione investigativa del Comitato investigativo della Federazione russa per la regione di Sverdlovsk ha aperto un procedimento penale nei confronti di Konstantin Zotov e Natalia Kochneva della città di Berezovsky. Poco dopo, una serie di perquisizioni ha avuto luogo nelle case di 10 credenti. Nel settembre 2021, l’indagine ha portato altri 5 credenti come imputati: Kristina Gruzdeva, Valentina Kugukov, Alexandra Zakharova e i coniugi Fokin, Stanislav e Marina. A ottobre, è stato aperto un altro procedimento penale contro Zotov. Nel marzo 2022, una nuova versione dell’accusa è stata presentata contro Konstantin: il credente è perseguitato contemporaneamente ai sensi di diversi articoli del codice penale della Federazione Russa.