Aggiornato: 15 luglio 2024
Nome: Yulmetyev Aydar Maratovich
Data di nascita: 10 agosto 1993
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 166 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 104 Giorni Agli arresti domiciliari
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 2 anni e 9 mesi; La pena detentiva si considera sospesa con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Aidar Yulmetyev è nato nel 1993 a Nizhnekamsk (Tatarstan). È cresciuto in una famiglia di costruttori e ha imparato da loro le tecniche di costruzione. Ha anche studiato per diventare meccanico d'auto, ha lavorato in entrambe le specialità. Appassionato di musica, ha studiato in una scuola di musica.

Aidar ha fratelli più piccoli e una sorella. Il capofamiglia Marat Khalimovich fu il primo a pensare seriamente alla Bibbia quando conobbe i testimoni di Geova. Vedendo grandi cambiamenti positivi nei suoi genitori, Aidar si interessò anche agli insegnamenti della Bibbia.

Aidar non ha nulla a che fare con le attività estremiste che gli vengono imputate. Inoltre, la coscienza educata secondo la Bibbia non permette ad Aidar di prendere le armi. Dimostrò alla commissione di leva che il servizio militare era contrario alle sue convinzioni, così fu in grado di svolgere il suo dovere civico svolgendo un servizio civile alternativo.

Nel 2013, Aidar si è sposato. Fino al suo ingiusto arresto, Aidar e Albina, come ogni giovane famiglia, lavoravano fianco a fianco per il bene di se stessi e degli altri, erano amici, sognavano, facevano progetti. Parenti e amici di questo giovane amante della pace sono scioccati dall'accusa di estremismo mossa contro di lui.

Casi di successo

Nel maggio 2018, a Naberezhnye Chelny, le forze di sicurezza hanno invaso 10 appartamenti di residenti locali con perquisizioni. Ilham Karimov, Vladimir Myakushin, Konstantin Matrashov e Aidar Yulmetyev sono stati arrestati e mandati in un centro di detenzione preventiva per sei mesi, dopodiché hanno trascorso 2 o 3 mesi agli arresti domiciliari. Il motivo del procedimento penale è la fede in Geova Dio e la comunicazione con i compagni di fede. Nel novembre 2019, il tribunale della città di Naberezhnye Chelny ha rinviato il caso al pubblico ministero per la revisione a causa di falsificazioni da parte dell’indagine. Il caso non è stato chiuso, i credenti sono rimasti sotto riconoscimento per non andarsene. Nel dicembre 2021, il giudice Rustam Khakimov ha dichiarato gli uomini colpevoli e li ha condannati a pene sospese: Myakushin a 3 anni e 1 mese, Yulmetyev a 2 anni e 9 mesi e Matrashov e Karimov a 2,5 anni. A tutti è stato inoltre assegnato un periodo di prova di 2 anni. La Corte d’Appello ha confermato questa sentenza di primo grado il 2 settembre 2022.