Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Ivanov Yevgeniy Borisovich
Data di nascita: 15 dicembre 1976
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 630 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 845 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 8 anni di reclusione con scontare una pena in una colonia correzionale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 5 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 8 in Republic of Tatarstan
Indirizzo per la corrispondenza: Ivanov Yevgeniy Borisovich, born 1976, IK No. 8 in the Republic of Tatarstan, ul. Bazovaya, 26, g. Almetyevsk, Republic of Tatarstan, Russia, 423455

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Nel giugno 2020 sono state effettuate una serie di perquisizioni in decine di case di fedeli ad Astrakhan. Anche gli Ivanov – Evgenij e Olga – sono stati vittime delle azioni illegali delle forze di sicurezza: contro di loro è stato aperto un procedimento penale per la loro fede. Nell'ottobre 2021, il tribunale ha emesso una dura condanna ai coniugi: 8 anni di carcere per Yevgeniy e 3,5 anni di reclusione reale per Olga.

Yevgeniy è nato nel 1976 ad Astrakhan. Da bambino era appassionato di karate e modellismo di aerei. Si è laureato con lode alla scuola professionale con una laurea in assemblaggio di scafi di navi metalliche, saldatore manuale e taglierina a gas. Per nove anni ha lavorato nella sua specialità presso i cantieri navali di Astrakhan e nel 2006 ha iniziato a lavorare come riparatore e finitore. In questo settore, Evgenij ha lavorato fino all'avvio di un procedimento penale, svolgendo, inoltre, le funzioni di elettricista, idraulico, fabbro e meccanico d'auto.

Il giovane cominciò a interessarsi seriamente alla Bibbia nel 1997, quando un collega gli diede da leggere diverse pubblicazioni su argomenti religiosi. Mentre studiava le Scritture, rimase colpito dall'esempio della vita di Gesù Cristo. Evgenij ricorda: "Quando divenni testimone di Geova avevo smesso di bere, avevo smesso di fumare dagli 8 ai 22 anni e avevo smesso di condurre uno stile di vita immorale".

Nel 2005, Evgenij ha incontrato Olga e due anni dopo si sono sposati. Amano trascorrere del tempo nella natura, per aiutare gli animali randagi.

La reclusione divenne un pesante fardello per gli Ivanov, che erano abituati a passare molto tempo insieme. La coppia ha affittato un appartamento e la perdita del lavoro ha posto loro i problemi finanziari più difficili. Evgenij ha osservato: "Il nostro cognome e mia moglie sono stati inclusi nella lista delle persone estremiste. Alla luce di ciò, Rosfinmonitoring ci ha isolato da tutte le possibilità finanziarie. Mia moglie è stata messa agli arresti domiciliari. Di conseguenza, ha perso l'opportunità di guadagnarsi da vivere, pagare l'affitto di un alloggio e le carte bancarie sono bloccate. E questo in un momento in cui c'è una pandemia in tutto il paese, prezzi in aumento, disoccupazione. "

La madre di Olga, che ha perso il marito e ha subito due interventi chirurgici, sta vivendo un ulteriore stress a causa dell'atteggiamento ingiusto delle autorità nei confronti della figlia e del genero. La dura sentenza l'ha privata del sostegno di cui aveva tanto bisogno da parte dei suoi cari.

Casi di successo

Nel giugno 2020, l’inchiesta ad Astrakhan ha aperto un procedimento penale contro Sergey Klikunov, Rustam Diarov, Yevgeniy Ivanov e sua moglie Olga in base a un articolo contro l’estremismo. Il giorno successivo è stata effettuata una serie di perquisizioni. Dopodiché, i quattro credenti sono stati posti in custodia. Dopo 3 giorni, Olga Ivanova è stata trasferita agli arresti domiciliari. Da giugno 2021, il caso contro i credenti è stato discusso in tribunale. Il tribunale ha condannato Evgenij, Sergey e Rustam a 8 anni in una colonia penale, e Olga a 3,5 anni in una colonia penale. La corte d’appello ha confermato questa decisione nel febbraio 2022 e, 10 mesi dopo, la corte di cassazione ha persino inasprito la pena, aggiungendo il divieto per i credenti di lasciare Astrakhan dopo aver scontato la pena. Nel giugno 2024, Olga Ivanova è stata rilasciata.