Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Ivshin Aleksandr Yevgeniyevich
Data di nascita: 21 agosto 1957
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 64 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 1167 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 7 anni 6 mesi con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate all'organizzazione e alla partecipazione ad associazioni pubbliche, gruppi per un periodo di 5 anni e con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno con scontare una pena detentiva in una colonia correzionale di regime generale
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 10 in Rostov Region
Indirizzo per la corrispondenza: Ivshin Aleksandr Yevgeniyevich, born 1957, IK No. 10 in Rostov Region, per. Kazachiy, 22, Rostov-on-Don, Russia, 344033

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Nell'aprile 2020 un pensionato del villaggio di Kholmskaya, Alexandr Ivshin, è stato sottoposto a procedimento penale: è stato aperto un procedimento penale contro di lui per aver creduto in Geova Dio. Dopo la perquisizione e l'interrogatorio delle forze dell'ordine, Alexandr e sua moglie hanno avuto una crisi ipertensiva.

Alexandr è nato nell'agosto del 1957 a Katav-Ivanovsk (regione di Chelyabinsk). In seguito si trasferì nel Kuban, nel villaggio di Kholmskaya, dove vive tuttora.

Alexandr ha due fratelli maggiori e una sorella minore. Da bambino amava organizzare escursioni ed eventi sportivi. Dopo la scuola si è laureato presso l'Istituto Politecnico di Chelyabinsk. In seguito si è diplomato presso l'Istituto forestale di Voronezh.

Alexandr ha lavorato come tornitore, assemblatore di apparecchiature radio, caposquadra di un'officina di forgiatura e produzione. Dopo essersi trasferito nel territorio di Krasnodar, trovò lavoro come boscaiolo. Prima di andare in pensione ha lavorato come ingegnere capo, ingegnere della sicurezza industriale. Ora si sta godendo un meritato riposo. Ama viaggiare con la sua famiglia attraverso il territorio dell'ex URSS, si occupa di floricoltura.

Alexandr incontrò la sua futura moglie Galina nel 1974 e quattro anni dopo la coppia si sposò. Galina ha lavorato come maestra d'asilo e ora è in pensione. I coniugi aiutano a crescere 8 nipoti.

Negli anni '90, una grave malattia ha fatto riflettere Alexandr sul senso della vita. Insieme a suo fratello, leggono tre dei quattro Vangeli in una sola notte. Nel 1995 Alexandr incontrò le persone che, con l'aiuto della Bibbia, lo aiutarono a trovare risposte a domande profonde sulla vita. È così che Alexandr è diventato cristiano. Le opinioni pacifiche lo spinsero a rifiutarsi di partecipare all'addestramento militare e a prendere le armi.

Dopo perquisizioni e interrogatori in quarantena a causa del COVID-19, la famiglia ha avuto difficoltà a risolvere problemi medici e domestici. "Mi sento umiliato", ha detto il credente. - Tutto il tempo in attesa di qualcosa di brutto. Il tribunale ha sequestrato l'auto di Alexandr, ritenendo che fosse necessaria per garantire l'esecuzione di un'eventuale sentenza.

Parenti e amici sono preoccupati per la coppia sposata. Sono rimasti scioccati dal fatto che Alexandr sia stato condannato a 7,5 anni di carcere, nonostante la sua età e il suo stato di salute. In attesa di un appello contro il verdetto, il credente ha visitato cinque centri di detenzione preventiva in un mese e mezzo e si è ammalato gravemente. Il 15 aprile 2021, un appello a Krasnodar ha confermato il verdetto.

Casi di successo

Nell’aprile 2020, l’FSB ha aperto un caso contro Alexander Ivshin, un ingegnere con due studi superiori e un nonno premuroso di 8 nipoti. Secondo gli inquirenti, il credente ha organizzato un collegamento video di culto nella vicina città di Abinsk con il canto congiunto di canti biblici. Per questo è stato accusato ai sensi della Parte 1 dell’articolo 282.2 del Codice Penale della Federazione Russa. Al culmine della pandemia, sono state effettuate una serie di perquisizioni nelle case dei fedeli nei villaggi di Kholmskaya e Pavlovskaya. Dopo l’interrogatorio, l’investigatore Komissarov ha preso Ivshin per sua stessa ammissione. Sullo sfondo dello stress vissuto, il credente di 62 anni e sua moglie hanno avuto una crisi ipertensiva. Nell’agosto 2020, l’auto di Ivshin è stata sequestrata “per garantire l’esecuzione di un’eventuale sentenza”. Alla fine del 2020, il caso è stato deferito al tribunale distrettuale di Abinsk, nel territorio di Krasnodar, per l’esame da parte del giudice Aleksandr Kholoshin, che ha condannato il credente a 7,5 anni di carcere. Nel centro di detenzione preventiva, il credente si è ammalato di covid. Il 15 aprile 2021, il tribunale regionale di Krasnodar ha confermato il verdetto. Nel giugno 2021, il credente è stato trasferito in una colonia nella città di Rostov sul Don.