Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Kazadaev Pavel Alekseyevich
Data di nascita: 30 settembre 1996
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 311 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 3 anni con scontare la pena in una colonia correzionale di regime generale con restrizione della libertà per 6 mesi
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 5 in Altai Territory
Indirizzo per la corrispondenza: Kazadaev Pavel Alekseyevich, born 1996, IK No. 5 in Altai Territory, ul. Traktornaya, 23, g. Rubcovsk, Altai Territory, Russia, 658209

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Pavel Kazadaev si è rifiutato di imparare a combattere per amore delle persone e ha usato il diritto al servizio civile alternativo (ACS), ma nel 2021 è stato accusato di "minare l'ordine costituzionale" a causa del fatto che professa la religione pacifica dei Testimoni di Geova e discute la Bibbia con altri. Nell'aprile 2023 il tribunale lo ha condannato a 3 anni di libertà vigilata, quattro mesi dopo l'appello ha sostituito questo termine con uno reale.

Pavel è nato nel settembre 1996 nella città di Ust-Ilimsk (regione di Irkutsk). Due anni dopo, la famiglia si trasferì nel villaggio di Lugovoye (Territorio dell'Altai). Suo padre lavora come operatore di macchine in fabbrica, mia madre lavora nel campo della pulizia. Pavel è il maggiore di tre figli. Da bambino era appassionato di pallavolo, calcio, ciclismo e pattinaggio su ghiaccio. Si è diplomato con il massimo dei voti.

Fin dalla prima infanzia i genitori hanno instillato nei figli elevate norme morali. Pavel ha detto di essere affascinato dalla saggezza dell'universo e dai benefìci che derivano dall'applicare i consigli biblici. Nella famiglia di Pavel, 15 persone, lui compreso, cercano di vivere secondo i princìpi cristiani esposti nella Bibbia.

Dopo aver studiato a scuola, Pavel ha deciso di passare attraverso l'ACS, poiché le sue convinzioni non gli consentono di prendere le armi. Lavorava come postino nel suo villaggio. Al termine del servizio, ha lavorato come riparatore di telefoni e tablet, poi ha lavorato per qualche tempo nel campo del mantenimento della pulizia e dell'ordine nelle strade della città. Prima del procedimento penale, ha lavorato come installatore e tecnico per la videosorveglianza, l'antincendio e gli allarmi antifurto.

Da maggio 2021, a causa del suo riconoscimento di non partire, Pavel non può lasciare il villaggio di Lugovoye. Ora non è in grado di provvedere alla sua famiglia, poiché è quasi impossibile trovare lavoro nel villaggio.

Nel 2020, Pavel ha sposato Darya, che, come lui, apprezza la saggezza biblica fin dall'infanzia. Ha sempre sognato di trovare veri amici e li ha trovati tra i compagni di fede, assicurandosi che vivessero secondo i principi biblici. A Darya piacciono le lingue straniere, padroneggia la lingua dei segni. La coppia ama cucinare, passare il tempo con gli amici, viaggiare e andare in montagna. Nel febbraio 2021, i Kazadaev si sono trasferiti a Novokuznetsk (regione di Kemerovo).

La persecuzione religiosa ha influito sulla salute della famiglia di Pavel, che è stata emotivamente turbata dall'ingiusta persecuzione penale del credente.

Casi di successo

Nel maggio 2021, il Comitato investigativo ha accusato Pavel Kazadaev di partecipare all’attività di un’organizzazione estremista, “anche attraverso discussioni”. Una massiccia incursione, chiamata “Armaghedon”, fu condotta nelle case dei credenti nel territorio dell’Altai. Le forze dell’ordine hanno perquisito la casa dei parenti di Pavel nel villaggio di Lugovoe, così come il suo appartamento a Novokuznetsk (regione di Kemerovo), dopodiché è stato portato a Barnaul per essere interrogato. Dopo 24 ore in un centro di detenzione, ha firmato un accordo di riconoscimento. Alla fine di giugno 2022, il procedimento penale è andato in tribunale. Nell’aprile 2023, Pavel Kazadaev è stato condannato a 3 anni con sospensione condizionale della libertà per 6 mesi e a un periodo di libertà vigilata di 2 anni. Ad agosto, la Corte d’Appello ha inasprito la pena, sostituendo la sospensione condizionale della pena con la reclusione in una colonia penale per 3 anni.