Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Klikunov Sergey Aleksandrovich
Data di nascita: 20 aprile 1975
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 630 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 845 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 8 anni di reclusione, con l'imposizione di pene aggiuntive sotto forma di privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla gestione e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche, per un periodo di 5 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, con scontare una pena in una colonia correzionale di regime generale
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 8 in Republic of Tatarstan
Indirizzo per la corrispondenza: Klikunov Sergey Aleksandrovich, born 1975, IK No. 8 in the Republic of Tatarstan, ul. Bazovaya, 26, g. Almetyevsk, Republic of Tatarstan, Russia, 423455

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

La mattina di giugno 2020 sono state effettuate una serie di perquisizioni ad Astrakhan con la partecipazione di oltre un centinaio di agenti di sicurezza che hanno invaso gli appartamenti dei testimoni di Geova locali. Diversi procedimenti penali sono stati avviati per la loro fede, Sergey Klikunov è stato mandato in prigione. Nell'ottobre 2021, il tribunale ha emesso una severa condanna al credente: 8 anni in una colonia a regime generale.

Sergey è nato nel 1975 ad Astrakhan. Ha un fratello minore, Dmitriy. Da bambino, Sergey era appassionato di pesca. Dopo la scuola, prestò servizio nell'esercito e iniziò a lavorare: lavorò come ferroviere, saldatore, assemblatore di strutture metalliche, operatore di sala caldaie.

Sergey è sposato con Irina, hanno due figlie adulte. Nel tempo libero, Sergey ama ancora pescare e suonare la chitarra.

"Per natura, ero una persona calma, gentile, ma potevo infiammarmi per le sciocchezze quando facevano male, anche per litigare. E quando bevevo, a un certo punto diventavo aggressivo e incontrollabile. Tutto questo ha causato un sacco di problemi a me, al mio ambiente e alla mia famiglia", dice Sergey a proposito del periodo in cui non era ancora testimone di Geova.

Col passare del tempo la coppia cominciò a interessarsi agli insegnamenti biblici. Sergey osserva: "Ho superato le cattive abitudini e ho iniziato a trattare l'alcol con moderazione. Non ho più avuto esaurimenti e scandali da ubriaco. Inoltre, nel carattere, sono diventato più morbido, più accondiscendente, ho cominciato a mostrare autocontrollo, a controllare il mio temperamento e la mia irritabilità. La conoscenza delle Sacre Scritture ha toccato il suo cuore così profondamente che nel 2007 ha intrapreso il cammino del cristiano.

L'accusa penale ha privato la famiglia dell'unico capofamiglia.

Casi di successo

Nel giugno 2020, l’inchiesta ad Astrakhan ha aperto un procedimento penale contro Sergey Klikunov, Rustam Diarov, Yevgeniy Ivanov e sua moglie Olga in base a un articolo contro l’estremismo. Il giorno successivo è stata effettuata una serie di perquisizioni. Dopodiché, i quattro credenti sono stati posti in custodia. Dopo 3 giorni, Olga Ivanova è stata trasferita agli arresti domiciliari. Da giugno 2021, il caso contro i credenti è stato discusso in tribunale. Il tribunale ha condannato Evgenij, Sergey e Rustam a 8 anni in una colonia penale, e Olga a 3,5 anni in una colonia penale. La corte d’appello ha confermato questa decisione nel febbraio 2022 e, 10 mesi dopo, la corte di cassazione ha persino inasprito la pena, aggiungendo il divieto per i credenti di lasciare Astrakhan dopo aver scontato la pena. Nel giugno 2024, Olga Ivanova è stata rilasciata.