Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Klimov Sergey Gennadyevich
Data di nascita: 26 marzo 1970
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 625 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 1253 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 6 anni di reclusione con servizio in una colonia penale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività educative in tutti i tipi di istituzioni educative e attività relative alla collocazione di ricorsi e altri materiali nelle reti pubbliche di informazione e telecomunicazione, compreso Internet, per un periodo di 5 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno

Biografia

Sergey Klimov è un uomo pacifico che è stato accusato di estremismo solo a causa delle sue convinzioni. È finito dietro le sbarre nel giugno 2018 dopo una perquisizione. Sergey è stato rilasciato solo 5 anni dopo, dopo aver scontato completamente la sua pena per la sua fede.

Sergey è nato nel 1970 nel villaggio di Matyshevo (regione di Volgograd). Ha una sorella maggiore, Svetlana. Il padre morì quando Sergey aveva 11 anni. Da bambino, il ragazzo era appassionato di fotografia, in seguito ha ricevuto la professione di gruista e meccanico d'auto. Era un imprenditore individuale. Studia inglese, ama cantare, stare nella natura.

A metà degli anni '90 Sergej si interessò agli insegnamenti biblici. Il suo interesse per la spiritualità ha influenzato sua madre, sua sorella e sua moglie, Julia, che ha sposato nel 1989. Nello stesso anno, la coppia ebbe una figlia, che allevarono usando i comandamenti cristiani.

La famiglia di Sergey è rimasta scioccata nell'apprendere del procedimento penale avviato contro di lui. I parenti sono molto contenti che il credente sia stato rilasciato.

Casi di successo

Sergey Klimov, originario della regione di Volgograd, è finito in un centro di detenzione preventiva dopo una serie di incursioni contro i fedeli nella città di Tomsk. Prima di arrestare Sergey, i servizi speciali hanno seguito lui e i suoi conoscenti per circa un anno e gli hanno inviato informatori con apparecchiature di registrazione. Tale diligenza è stata giustificata dalle forze dell’ordine al fine di combattere un “grave crimine”, che si è rivelato essere lo stile di vita cristiano di Sergej e le sue conversazioni sulla Bibbia con altre persone. Nel novembre 2019, il tribunale ha condannato Sergey a sei anni di carcere. Il verdetto è stato confermato dal tribunale regionale nel febbraio 2020 e dalla corte di cassazione nel gennaio 2022. Il credente ha scontato la sua pena nella colonia penale n. 8 di Astrakhan. Nel luglio 2023, Sergey è stato rilasciato dalla colonia. Gli è vietato svolgere attività didattiche e fare pubblicazioni su Internet per cinque anni; Altre restrizioni alla sua libertà saranno in vigore per un anno.