Aggiornato: 15 luglio 2024
Nome: Kuzo Darya Nikolayevna
Data di nascita: 13 marzo 1982
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.3 (1)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento

Biografia

Nella primavera del 2021, le forze dell'ordine sono arrivate con una perquisizione a Darya Kuzo, madre di due bambini piccoli. Suo marito, Taras, fu messo agli arresti domiciliari, e nell'estate di quell'anno la stessa Darya divenne imputata in un procedimento penale per la sua fede.

Darya è nata nel marzo del 1982 nella città di Voronezh in una famiglia numerosa. Ha due fratelli maggiori, uno dei quali è disabile fin dall'infanzia, e una sorella gemella. All'età di quattro anni, Darya si trasferì con i suoi genitori in Transcarpazia e dieci anni dopo in Crimea. Da bambina amava disegnare e andare in montagna per la raccolta di funghi e bacche o per la ricerca di funghi.

Durante il 4° e 5° anno di studi universitari e la specializzazione in filologia della lingua e letteratura ucraina, Darya ha lavorato come insegnante in una delle scuole della città di Simferopol. Dopo essersi laureata, si è trasferita nella città di Yalta, dove in seguito ha lavorato come amministratrice in un hotel. Dopo un po' di tempo, Darya si è diplomata ai corsi di parrucchiere e ha lavorato in questo lavoro per diversi anni. Dal 2016 vende cosmetici professionali come imprenditrice individuale.

A Yalta, Darya incontrò il suo futuro marito, Taras. Nel 2008 si sono sposati. La famiglia alleva un figlio e una figlia (al momento della perquisizione avevano 9 e 6 anni). Gli sposi amano andare in montagna, nuotare in mare, giocare a calcio.

Darya è stata introdotta alla Bibbia in giovane età. Rimase sorpresa dai consigli pratici contenuti in questo libro e dall'esatto adempimento delle profezie. Questo spinse Darya, così come sua sorella, a diventare cristiana. A quel tempo Darya aveva diciotto anni.

La persecuzione cambiò la vita della famiglia Kuzo. Lo stress che hanno sperimentato ha influito negativamente sui bambini. Non vedono l'ora che il loro papà possa uscire di nuovo con loro e non capiscono perché sia stato messo dietro le sbarre.

Sebbene i parenti non condividano le convinzioni di Darya, non è chiaro per loro perché questa coppia unita e ordinata sia perseguitata. Anche i vicini sono perplessi sul fatto che questo sia accaduto a una famiglia nota per la sua decenza.

Casi di successo

Nel marzo 2021, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro Taras Kuzio di Yalta, padre di due figli minorenni, sospettandolo di finanziare le attività di un’organizzazione estremista. Dopo una serie di perquisizioni nelle case dei credenti, Kuzo è finito in un centro di detenzione temporanea. Nel luglio dello stesso anno, è stato aperto un procedimento penale contro sua moglie, Daria, così come Pyotr Zhiltsov, Sergey Lyulin e Tadevos Manukyan. In seguito, il caso di Manukyan è stato separato in procedimenti separati. Lyulin ha trascorso più di sei mesi in un centro di detenzione preventiva e poi più di 4 mesi agli arresti domiciliari. Petro Zhiltsov e Taras Kuzio sono stati agli arresti domiciliari rispettivamente per 11 e 16 mesi. Nel marzo 2022, il caso dei credenti è andato in tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto una punizione severa per loro: da 3,5 a 7,5 anni di reclusione in una colonia a regime generale. Nel febbraio 2023, il tribunale ha condannato Taras Kuzio a 6,5 anni di carcere, Petr Zhiltsov a 6 anni e 1 mese in una colonia penale, Sergey Lyulin a 6 anni di carcere e Darya Kuzo a 3 anni di sospensione condizionale della pena.