Aggiornato: 19 luglio 2024
Nome: Makhnev Roman Sergeyevich
Data di nascita: 4 febbraio 1976
Stato attuale: accusato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 180 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 57 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Divieto di determinate azioni

Biografia

Il 26 giugno 2019 a Kaluga si sono svolte perquisizioni e arresti di credenti che praticavano la religione dei Testimoni di Geova. Uno di loro, Roman Makhnev, è stato ammanettato a un tubo dagli agenti dell'FSB per tre ore di notte, dopodiché è stato lasciato senza cibo per un giorno e mezzo. Mentre era già in prigione, Roman perse suo padre. Cosa sappiamo di Roman?

Roman è nato nel 1976 nella città mineraria degli Urali di Gubakha (Territorio di Perm). Ha una sorella minore. Madre Natalia ha lavorato duramente per tutta la vita nel campo dell'istruzione, ha il titolo di Insegnante Onorata ed Eccellenza nella Pubblica Istruzione.

In gioventù, Roman era un radioamatore ed era anche appassionato di modellismo di aerei e navi. Nel 1988 la famiglia si trasferì nella regione di Kaluga, nel villaggio di Luzhnoye. Dopo essersi diplomato, Roman è entrato all'Università Tecnica Statale Bauman di Mosca a Kaluga e nel 1999 si è laureato con successo, dopo aver ricevuto la qualifica di ingegnere progettista-tecnologo.

Nel 2002, Roman ha sposato Anna. Qualche anno dopo nacque la loro figlia Daria. Insieme amano andare a pescare e viaggiare. Il capofamiglia nel tempo libero aiuta anche gli altri nella riparazione di apparecchiature elettriche, dispositivi elettronici, riparazione e manutenzione di automobili. Prima del suo arresto, ha lavorato presso PJSC Rostelecom come ingegnere delle telecomunicazioni.

Anche prima del matrimonio, Roman si interessò alla religione, in particolare alla Bibbia. Si meravigliò dell'accuratezza delle sue profezie e si rese conto che voleva agire in armonia con la conoscenza cristiana che aveva ricevuto.

Il procedimento penale ha avuto un impatto negativo sulla vita di Roman. Suo padre, Sergey, che era molto malato di cancro, è rimasto scioccato dalla notizia che suo figlio, a causa della sua fede in Dio, era dietro le sbarre ed era in attesa di processo. Non aveva più vitalità ed è morto l'11 agosto 2019. Mentre era in prigione, suo figlio non ha potuto partecipare al funerale di suo padre.

La dura vita in campagna con il riscaldamento della stufa ricadeva interamente sulle spalle della nonna di 93 anni e della madre in pensione Natalia. Una famiglia è rimasta senza un capofamiglia, una figlia adolescente è rimasta senza un padre e i parenti sono perplessi a causa dell'ingiustizia che regna nella Russia moderna.

Casi di successo

Nel giugno 2019 a Kaluga sono state perquisite diverse case di testimoni di Geova, tra cui le famiglie di Roman Makhnev e Dmitry Kuzin. Gli uomini sono stati arrestati e presto inviati in un centro di detenzione preventiva. Entrambi hanno trascorso sei mesi dietro le sbarre, e poi altri due mesi agli arresti domiciliari. L’FSB ha aperto un procedimento penale contro di loro, così come contro un altro credente, per estremismo. Nel novembre 2020 l’indagine è stata sospesa a causa della pandemia di coronavirus.