Aggiornato: 12 luglio 2024
Nome: Martynov Nikolay Aleksandrovich
Data di nascita: 26 agosto 1958
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 1011 Giorni nel centro di detenzione preventiva
Limitazioni attuali: centro di detenzione
Frase: pena sotto forma di 7 anni di reclusione con scontamento di una pena in una colonia a regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività organizzative in associazioni pubbliche o religiose, organizzazioni pubbliche o religiose per un periodo di 5 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno e 2 mesi
Attualmente trattenuto a: Detention Centre No. 1 in Irkutsk Region
Indirizzo per la corrispondenza: Martynov Nikolay Alekseyevich, born 1958, Detention Centre No. 1 in Irkutsk Region, ul. Barrikad, 63, Irkutsk, Russia, 664019

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Dopo una serie di perquisizioni a Irkutsk nell'ottobre 2021, Nikolay Martynov, 63 anni, è stato arrestato per la sua fede. Per 20 anni ha praticato una religione che le autorità hanno riconosciuto come pacifica e legale, ma che in seguito ha dichiarato "estremista".

Nikolay è nato nel 1958 in una famiglia numerosa: ha sei fratelli e sorelle. La famiglia viveva nel villaggio di Bandarka (regione di Irkutsk). Da bambino, Nikolay andava spesso a pescare con suo padre. Dopo la scuola, ha studiato in una scuola professionale come operatore di mietitrebbia e autista, per la quale ha lavorato per tutta la vita.

Nel 1982, Nikolay sposò Irina. È cuoca di professione e ha lavorato in una scuola materna. Ora Irina è in pensione e ama fare il pane fatto in casa. Nel 1997 ha incontrato dei credenti e ha iniziato a leggere la Bibbia. Le nuove conoscenze hanno spinto Irina a lasciare la posizione in cui era stata costretta ad agire in modo disonesto. Ben presto anche il marito mostrò interesse per la Bibbia: le profezie bibliche che si adempivano convinsero Nikolaj che ci si poteva fidare di questo libro. In seguito la coppia divenne cristiana insieme.

Nikolaj e Irina hanno due figli adulti, che hanno allevato secondo i princìpi delle Sacre Scritture. Il figlio è un imprenditore individuale. Nel tempo libero ama lo snowboard. La figlia lavora come assistente di laboratorio all'università. La famiglia ama trascorrere del tempo nella natura. Nikolay ama ancora pescare e delizia anche i propri cari suonando la fisarmonica.

La vita di una famiglia amica, i cui membri sono abituati a fare tutto insieme, è cambiata molto dopo la detenzione di Nikolay. La sua salute peggiorò, una malattia cronica peggiorò, il che gli rese difficile parlare. I parenti che non condividono le convinzioni di Nikolaj sono preoccupati per la sua ingiusta persecuzione.

Casi di successo

Nell’ottobre 2021 si è svolta una serie di perquisizioni a Irkutsk e nella regione di Irkutsk, accompagnate da pogrom e brutali pestaggi di fedeli pacifici. Si è scoperto che Yaroslav Kalin, Sergey Kosteev, Nikolay Martynov, Mikhail Moysh, Aleksey Solnechny, Andrey Tolmachev e Sergey Vasilyev sono sospettati di estremismo per aver praticato la religione dei Testimoni di Geova (articolo 282.2 del Codice penale della Federazione Russa). Dopo perquisizioni e interrogatori, le forze di sicurezza hanno arrestato sette uomini, e presto sei di loro sono stati mandati in un centro di detenzione preventiva e uno è stato posto agli arresti domiciliari. Dopo 2 mesi, le forze dell’ordine hanno condotto altre due perquisizioni: nel villaggio di Askiz (Repubblica di Khakassia) nella casa di Denis Sarazhakov e nella città di Mezhdurechensk (regione di Kemerovo) con Igor Popov. Entrambi sono stati arrestati, portati a più di 1500 km da Irkutsk e posti in custodia. Nel dicembre 2022, il caso dei credenti è andato in tribunale. Nel gennaio 2024, il tribunale li ha condannati a varie pene detentive in una colonia penale, da 3 a 7 anni, soddisfacendo la richiesta del pubblico ministero.