Aggiornato: 19 luglio 2024
Nome: Matrashov Konstantin Viktorovich
Data di nascita: 22 agosto 1988
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 169 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 100 Giorni Agli arresti domiciliari
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 2 anni e 6 mesi; La pena detentiva si considera sospesa con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Konstantin Viktorovich Matrashov è nato nel 1988 a Prokopyevsk (regione di Kemerovo). Quando aveva circa 8 anni, sua madre scelse la religione dei testimoni di Geova. In futuro, ha cercato di instillare valori biblici nei suoi figli che erano rimasti senza padre: è morto a metà degli anni '90. Essendo già maturato, avendo attraversato le difficoltà della vita, Konstantin cominciò a interessarsi seriamente della Bibbia.

Prima del suo arresto improvviso, Konstantin ha studiato per corrispondenza presso l'Università di Management "TISBI" e ha lavorato come meccanico in una fabbrica per mantenere sua madre. Fin da bambino è appassionato di sport e pesca. Ha un fratello minore che non condivide il punto di vista dei testimoni di Geova, ma si preoccupa per Konstantin e capisce bene l'ingiustizia di essere perseguiti penalmente per aver creduto in Dio.

Casi di successo

Nel maggio 2018, a Naberezhnye Chelny, le forze di sicurezza hanno invaso 10 appartamenti di residenti locali con perquisizioni. Ilham Karimov, Vladimir Myakushin, Konstantin Matrashov e Aidar Yulmetyev sono stati arrestati e mandati in un centro di detenzione preventiva per sei mesi, dopodiché hanno trascorso 2 o 3 mesi agli arresti domiciliari. Il motivo del procedimento penale è la fede in Geova Dio e la comunicazione con i compagni di fede. Nel novembre 2019, il tribunale della città di Naberezhnye Chelny ha rinviato il caso al pubblico ministero per la revisione a causa di falsificazioni da parte dell’indagine. Il caso non è stato chiuso, i credenti sono rimasti sotto riconoscimento per non andarsene. Nel dicembre 2021, il giudice Rustam Khakimov ha dichiarato gli uomini colpevoli e li ha condannati a pene sospese: Myakushin a 3 anni e 1 mese, Yulmetyev a 2 anni e 9 mesi e Matrashov e Karimov a 2,5 anni. A tutti è stato inoltre assegnato un periodo di prova di 2 anni. La Corte d’Appello ha confermato questa sentenza di primo grado il 2 settembre 2022.