Aggiornato: 22 luglio 2024
Nome: Monis Svetlana Yakovlevna
Data di nascita: 15 luglio 1977
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 2 anni 6 mesi con restrizione della libertà per 1 anno, una pena detentiva è considerata condizionale con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Svetlana Monis, come suo marito, Alam Aliyev, è stata vittima di un procedimento penale per la sua fede. Per diversi anni, lei e suo marito sono stati costretti a difendere il loro diritto alla libertà di religione, eppure Svetlana ha ricevuto una condanna a 2,5 anni con sospensione della pena, e il tribunale ha mandato Alam in una colonia penale per 6,5 anni.

Svetlana è nata nel 1977 nella città di Lesozavodsk (Territorio di Primorye) in una famiglia semplice. Ha un fratello minore. A causa della sua miopia progressiva, lo sport e il ricamo non facevano per lei, ma ha comunque trovato qualcosa che le piaceva: imparare le lingue straniere (tedesco e inglese).

Dopo aver lasciato la scuola, Svetlana si trasferì a Birobidzhan e si iscrisse all'Istituto di insegnamento di Birobidzhan presso la Facoltà di Lingue Straniere, dove studiò cinese. Al terzo anno ha dato alla luce un figlio, quindi non è riuscita a finire l'università. Svetlana ha deciso di diventare un'imprenditrice, ha aperto un caffè cinese e in seguito si è impegnata in attività economiche all'estero. Si prendeva cura anche dell'anziana nonna.

Fin da adolescente Svetlana si interessava di argomenti spirituali. "In casa c'era una Bibbia incompleta che leggevo", dice. "Già allora pensavo a quale fosse lo scopo dell'esistenza umana, se tutto finisse con la morte, e perché ci fosse così tanta ingiustizia nel mondo". Svetlana ricevette le risposte alle sue domande facendo ricerche approfondite sulle Scritture. Mettere in pratica gli insegnamenti biblici l'ha aiutata a crescere suo figlio, cosa che ha fatto da sola da quando aveva quattro anni. Ha reso la sua vita più significativa e felice e si è fatta molti amici.

Nel 2015, Svetlana ha sposato Alam. Nonostante le difficoltà e l'accusa, la coppia cerca di trovare aspetti positivi in ogni cosa.

All'inizio i genitori di Svetlana non approvavano la scelta religiosa della figlia, ma col tempo il loro atteggiamento cambiò. Oggi entrano in empatia con la figlia e il genero e non riescono a capire perché sia successo a loro.

Casi di successo

Nel settembre 2019 è stato avviato un procedimento penale contro Svetlana Monis, un’insegnante di lingue straniere. Un anno prima, un investigatore aveva arrestato suo marito, Alam Aliyev, durante una massiccia operazione speciale dell’FSB a Birobidzhan. Monis, insieme ad altri credenti, è stato accusato di aver partecipato alle attività di un’organizzazione estremista. Per più di 16 mesi, il credente è stato obbligato a non partire. Nel febbraio 2021, il tribunale le ha inflitto una multa. Ma tre mesi dopo, l’appello ha inasprito la sentenza, imponendo al credente una pena sospesa di 2,5 anni. Nel dicembre 2021, la Corte di Cassazione ha rinviato il caso alla fase di appello, che, a sua volta, ha ribaltato il verdetto e ha rinviato il caso per un nuovo processo. Il risultato è stata una pena sospesa di 2,5 anni. Nel 2023 il terzo ricorso ha accolto questa decisione, successivamente la cassazione l’ha lasciata invariata.