Aggiornato: 12 luglio 2024
Nome: Moysh Mikhail Florovich
Data di nascita: 26 agosto 1987
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1), 282.3 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 1012 Giorni nel centro di detenzione preventiva
Limitazioni attuali: centro di detenzione
Frase: pena sotto forma di 7 anni di reclusione con scontamento di una pena in una colonia a regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività organizzative in associazioni pubbliche o religiose, organizzazioni pubbliche o religiose per un periodo di 5 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno e 2 mesi
Attualmente trattenuto a: Detention Centre No. 1 in Irkutsk Region
Indirizzo per la corrispondenza: Moysh Mikhail Florovich, born 1987, Detention Centre No. 1 in Irkutsk Region, ul. Barrikad, 63, Irkutsk, Russia, 664019

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

La perquisizione della casa di Mikhail Moish è iniziata la mattina presto. Tutta la famiglia dormiva ancora. L'improvvisa invasione delle forze di sicurezza ha scioccato sua moglie e i suoi figli. Il figlio maggiore a quel tempo aveva 11 anni e il più piccolo aveva solo sei mesi. Dopo la perquisizione e l'arresto del padre, hanno avuto problemi di salute, il più giovane è finito addirittura in ospedale.

Michael è un Testimone di Geova di terza generazione. Suo nonno praticò questa religione fin dalla giovane età, anche se era vietata in Unione Sovietica. I genitori di Mikhail sono diventati testimoni di Geova negli anni '70 e lui ricorda le volte in cui la sua famiglia era costretta a riunirsi con i compagni di fede a tarda notte per evitare l'arresto.

Mikhail e suo fratello gemello Vasil sono nati nell'agosto del 1987 in Transcarpazia (Ucraina), nel villaggio di Glubokiy Potok. A quel tempo, la famiglia aveva già 7 figli: 4 maschi e 3 femmine. I genitori gestivano una fattoria e Mikhail li aiutava con i suoi fratelli e sorelle.

Mikhail si è diplomato al 9° grado e dall'età di 16 anni ha iniziato a lavorare. Ha lavorato in molte città della Russia e dell'Ucraina: Kiev, Kherson, Vinnitsa, Mosca, Kaluga. Ha imparato in modo indipendente diverse professioni, come piastrellista, rifinitore, elettricista e stuccatore-imbianchino. Negli ultimi anni, Mikhail è stato un imprenditore individuale nel campo del commercio.

Mikhail incontrò la sua futura moglie, Yelena, a casa, in Transcarpazia. Si sono sposati nel marzo 2009. Pochi anni dopo è nato il loro primo figlio e nel marzo 2021 è nato il loro secondo figlio. La famiglia ama trascorrere del tempo nella natura. Mikhail ama la pesca e introduce il figlio maggiore al suo hobby.

Da bambino Mikhail, come sua moglie, assisteva alle adunanze cristiane con i genitori. Credeva che gli insegnamenti della Bibbia fossero veri, ma esitava a diventare cristiano. Già padre di famiglia adulto, assistette a un servizio dei testimoni di Geova e in seguito iniziò a studiare seriamente la Bibbia. Di conseguenza, nel 2016, Mikhail ha intrapreso il cammino cristiano. Sua moglie era diventata testimone di Geova sei anni prima.

Ora la coppia vive a Irkutsk, dove si sono trasferiti dalla Transcarpazia per aiutare i genitori di Yelena. Dopo l'arresto di Mikhail, Yelena, che era in congedo parentale, è dovuta andare a lavorare al posto del marito. Si prendeva cura di tutta la famiglia sulle sue spalle. Inoltre, è costretta a dedicare molto tempo e sforzi ai casi relativi al procedimento penale contro Mikhail. All'inizio, Yelena ha chiesto aiuto ai suoi amici, e ora la sta aiutando suo padre, che è venuto appositamente per questo dall'Ucraina.

Nonostante le difficoltà, Yelena non perde la sua presenza di spirito. Dice: "È difficile rendersi conto che ora la mia metà è in custodia, ma sono contenta che non sia per qualche delitto, ma per la fede nel Padre nostro". I fratelli e le sorelle di Mikhail, la maggior parte dei quali condivide le sue convinzioni, sono fiduciosi che presto sarà ristabilita la giustizia.

Casi di successo

Nell’ottobre 2021 si è svolta una serie di perquisizioni a Irkutsk e nella regione di Irkutsk, accompagnate da pogrom e brutali pestaggi di fedeli pacifici. Si è scoperto che Yaroslav Kalin, Sergey Kosteev, Nikolay Martynov, Mikhail Moysh, Aleksey Solnechny, Andrey Tolmachev e Sergey Vasilyev sono sospettati di estremismo per aver praticato la religione dei Testimoni di Geova (articolo 282.2 del Codice penale della Federazione Russa). Dopo perquisizioni e interrogatori, le forze di sicurezza hanno arrestato sette uomini, e presto sei di loro sono stati mandati in un centro di detenzione preventiva e uno è stato posto agli arresti domiciliari. Dopo 2 mesi, le forze dell’ordine hanno condotto altre due perquisizioni: nel villaggio di Askiz (Repubblica di Khakassia) nella casa di Denis Sarazhakov e nella città di Mezhdurechensk (regione di Kemerovo) con Igor Popov. Entrambi sono stati arrestati, portati a più di 1500 km da Irkutsk e posti in custodia. Nel dicembre 2022, il caso dei credenti è andato in tribunale. Nel gennaio 2024, il tribunale li ha condannati a varie pene detentive in una colonia penale, da 3 a 7 anni, soddisfacendo la richiesta del pubblico ministero.