Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Nikulina Elena Anatoliyevna
Data di nascita: 18 agosto 1968
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.2 (1.1)
Trattenuto in custodia cautelare: 144 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 525 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 4 anni e 2 mesi di reclusione in una colonia penale di regime generale, con limitazione della libertà per 1 anno e 2 mesi
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 2 in the Republic of Mordovia
Indirizzo per la corrispondenza: Nikulina, Elena Anatoliyevna, born 1968, IK No. 2 in the Republic of Mordovia, ul. Chernorechenskaya, 1, pos. Yavas, Zubovo-Polyanskiy r-n, Republic of Mordovia, Russia, 431160

Biografia

Nel 2019, diversi residenti di Saransk, tra cui Elena Nikulina e suo marito, Georgiy, sono stati perseguiti per la loro fede. Le forze dell'ordine consideravano le conversazioni sulla Bibbia come una partecipazione alle attività di un'organizzazione estremista.

Elena è nata nel 1968 nel villaggio di Monastyrskoe (Mordovia). Ha una sorella minore. I genitori sono morti da tempo. Da bambina, Elena era appassionata di sci di fondo e cucito.

Dopo la scuola, Elena studiò per diventare sarta e tagliatrice. In cerca di lavoro, si trasferì a Saransk e Tolyatti. Ha lavorato come sarta in varie imprese, si è occupata della pulizia dei locali. Nel tempo libero gli piace cucire, prendersi cura dei gatti e stare nella natura.

Nel 2016, Yelena ha sposato Georgiy, che definisce un "tuttofare": ha 9 specialità come tuttofare. Secondo Yelena, vissero per 13 anni senza registrare un matrimonio, finché non appresero dalla Bibbia quanto fosse importante. In questo libro, hanno anche apprezzato il fatto che Dio non è indifferente alla sofferenza delle persone.

A causa del procedimento penale, i Nikulin persero il lavoro e persero i mezzi di sostentamento. I parenti non riescono a capire perché queste persone pacifiche e rispettose della legge siano state condannate a pene detentive reali. In tribunale Elena ha sottolineato: "Noi . . . non rappresentano un pericolo né per lo Stato e le autorità, né per gli altri. Rispettiamo le leggi e le regole stabilite dalle autorità, cerchiamo di lavorare onestamente e coscienziosamente".

Casi di successo

Nel febbraio 2019, a Saransk, l’FSB ha aperto un procedimento penale contro tre credenti per sospetto di estremismo. Dopo le perquisizioni di massa, Vladimir Atryakhin, padre di due bambini piccoli, così come Aleksandr Shevchuk e Georgiy Nikulin sono finiti in un centro di detenzione preventiva, dove hanno trascorso dai due ai cinque mesi. Successivamente, altri tre imputati sono comparsi nel caso: Aleksandr Korolev, Yelena Nikulina e Denis Antonov. Il caso è andato in tribunale nel maggio 2021. La difesa è riuscita a dimostrare più volte alla corte che il testimone declassificato Vlasov stava dando una falsa testimonianza. Nell’agosto 2022, i credenti sono stati condannati: Vladimir Atryakhin è stato condannato a sei anni, Georgiy e Yelena Nikulin a quattro anni e due mesi ciascuno, e Aleksandr Shevchuk, Aleksandr Korolev e Denis Antonov a due anni di carcere. L’appello ha confermato il verdetto. Nel novembre 2023, Shevchuk è stato rilasciato dalla colonia e nel giugno 2024 anche Korolev e Antonov sono stati rilasciati.