Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Piskarev Vladimir Vladimirovich
Data di nascita: 29 giugno 1956
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 1215 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 77 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 6 anni di reclusione con servizio in una colonia correzionale di regime generale con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni e associazioni pubbliche e religiose, per un periodo di 3 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno e 6 mesi
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 5 in Kaluga Region
Indirizzo per la corrispondenza: Piskarev Vladimir Vladimirovich, born 1956, IK No. 5 in Kaluga Region, g. Sukhinichi, Kaluga Region, Russia, 249275

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Vladimir Piskarev è uno dei tre civili di Orël che sono finiti dietro le sbarre a causa della loro fede in Geova Dio nel dicembre 2020. Il centro di detenzione preventiva in cui venivano rinchiusi i credenti, un tempo noto come Orël Central, è una delle istituzioni più antiche del sistema penale russo. Un tempo vi venivano rinchiusi i prigionieri politici del regime stalinista, per cui vi fu eretto un monumento alle vittime della repressione politica. Circa 3 anni dopo, Vladimir è stato condannato a 6 anni di carcere per le sue convinzioni.

Vladimir è nato nel 1956 nella città di Karpinsk (regione di Sverdlovsk). Ha un fratello minore. La madre e il padre non sono più in vita. Da bambino, il ragazzo era appassionato di musica, suonava la fisarmonica a bottoni. Era anche un radioamatore, collezionava francobolli, sciava e pattinava, si dedicava all'intaglio del legno e alla pittura.

Dopo la scuola, Vladimir si diplomò in una scuola tecnica, dove ricevette la professione di elettromeccanico. Ha lavorato come elettricista, segnalatore, ingegnere energetico, ingegnere. Ora è in pensione.

Nel 1976, Vladimir sposò Tatjana, che fu anche lei processata per fede circa un anno dopo che Vladimir era stato preso in custodia. La coppia ha cresciuto due figli, un maschio e una femmina. Quando i bambini vivevano con loro, amavano andare nel bosco con tutta la famiglia a raccogliere funghi, oltre a visitare il teatro. Nel 1990, la famiglia si trasferì da Stary Oskol (regione di Belgorod) nel Caucaso, più vicino ai genitori. Vissero lì per 10 anni e in seguito si stabilirono a Orël.

Vladimir ama la giustizia e l'onestà. Voleva trovare persone oneste che vivessero secondo i comandamenti di Gesù Cristo. Dopo aver conosciuto i testimoni di Geova all'inizio degli anni '90, alla fine prese la decisione di diventare anche lui cristiano, cosa che fece nel 1995.

Il procedimento penale è stato un grande shock. In prigione, i problemi di salute di Vladimir peggiorarono.

Casi di successo

Dal 2009, Vladimir Melnik, padre di molti bambini di Orël, registra i fatti di pressioni, minacce e provocazioni da parte dell’FSB. Nel dicembre 2020 è stato invaso dalle forze di sicurezza armate. Anche Vladimir Piskarev e Artur Putintsev sono stati arrestati. I credenti sono stati collocati in un centro di detenzione preventiva e i loro nomi sono stati aggiunti alla lista di monitoraggio di Rosfin. Nel gennaio 2022, il caso è andato in tribunale. Durante le udienze, è emerso chiaramente che nell’appartamento di Piskarev era stata installata un’intercettazione telefonica nascosta, le cui registrazioni audio costituivano la base delle accuse. Nel centro di detenzione preventiva, la sua salute ha iniziato a peggiorare: ha avuto un ictus e più di una crisi ipertensiva. Ciononostante, la misura di moderazione non è stata mitigata né per lui, né per Melnik, né per Putintsev. Nell’ottobre 2023, il tribunale ha condannato tre credenti a 6 anni in una colonia penale. Un appello nel marzo 2024 ha confermato il verdetto.