Aggiornato: 19 luglio 2024
Nome: Pogrebnyak Yegor Aleksandrovich
Data di nascita: 6 maggio 1995
Stato attuale: accusato
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 141 Giorni Agli arresti domiciliari
Limitazioni attuali: Divieto di determinate azioni

Biografia

All'età di 27 anni Yegor Pogrebnyak divenne prigioniero di coscienza. Per il credente, le conversazioni bibliche con gli amici hanno portato al licenziamento dal lavoro, al blocco dei conti e agli arresti domiciliari.

Yegor è nato a Vladivostok nel maggio 1995. Da allora vive in questa città. Ha una sorella maggiore. Suo padre lavora come meccanico senior nella flotta mercantile e sua madre è una casalinga. A Yegor piace il calcio fin dall'infanzia.

Dopo essersi laureato presso l'Istituto di Tecnologia dell'Informazione Applicata, Yegor ha ottenuto un lavoro presso l'ufficio delle imposte, dove ha lavorato come specialista informatico. Nel tempo libero giocava regolarmente a calcio e pallavolo con gli amici.

Yegor si è spesso chiesto perché ci sia così tanta ingiustizia in giro e perché le persone non riescano a raggiungere la pace. Ha trovato le risposte a queste domande nella Bibbia. Yegor rimase colpito dal modo in cui la Bibbia spiegava gli avvenimenti del mondo e decise di diventare testimone di Geova.

Il padre di Yegor non capisce perché suo figlio sia perseguito in base a un articolo per estremismo, anche se non condivide le sue convinzioni.

Casi di successo

Dopo una serie di perquisizioni a Vladivostok nel marzo 2023, tre testimoni di Geova sono stati arrestati e messi in un centro di detenzione temporanea. Due giorni dopo, Yegor Pogrebnyak è stato rilasciato agli arresti domiciliari e Yuriy Byche e Sergey Novoselov sono stati mandati in un centro di detenzione preventiva. È stato aperto un procedimento penale contro i credenti in base a un articolo estremista. Più tardi, nello stesso mese, Tatiana Kazakova, Marina Roslova, Alina Tkachenko, Anastasia Dyldina ed Elena Romanova sono diventate imputate nel caso. E a dicembre, dopo nuove perquisizioni, Kirill Chekolayev è stato arrestato e messo in un centro di detenzione preventiva. Trascorse circa 5 mesi in prigione e Novoselov e Byche trascorsero quasi un anno. Tutti e tre sono stati rilasciati con il divieto di alcune azioni.