Aggiornato: 17 luglio 2024
Nome: Polosenko Sergey Ivanovich
Data di nascita: 6 luglio 1968
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 477 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 58 Giorni nella colonia
Frase: punizione sotto forma di 7 anni di reclusione con scontare una pena in una colonia penale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di un'organizzazione religiosa pubblica per un periodo di 4 anni, con restrizione della libertà per 1 anno 6 mesi
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 12 in the Republic of Mordovia
Indirizzo per la corrispondenza: Polosenko Sergey Ivanovich, born 1968, IK No. 12 in the Republic of Mordovia, ul. Novaya, 2, p. Molochnitsa, Zubovo-Polyanskiy r-n, Republic of Mordovia, Russia, 431101

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Sergej Polosenko è un residente civile di Samara, che, a motivo della sua fede in Geova Dio, era considerato un estremista dalle forze dell'ordine. Dopo la perquisizione, l'uomo è stato arrestato e collocato in un centro di detenzione preventiva, dove è rimasto per più di un anno. Il tribunale lo ha condannato a 7 anni di reclusione. L'appello approvò questa decisione e il credente fu mandato in una colonia penale in Mordovia per scontare la sua pena.

Sergey è nato nel 1968 nella città di Angren (Uzbekistan) in una famiglia numerosa: i suoi genitori hanno cresciuto 10 figli. Tre anni dopo la nascita di Sergej, la famiglia si trasferì a Petrozavodsk (Carelia) e successivamente, nel 1976, a Chapaevsk (regione di Samara). I genitori e le due sorelle di Sergey non sono più vivi.

Da bambino, Sergey era un bambino versatile: giocava a hockey, andava in bicicletta, amava suonare la chitarra, amava la fotografia. Dopo la scuola, ha studiato come muratore, e poi è entrato in una scuola a Kuibyshev, dove ha ricevuto la professione di elettricista ferroviario di quinta categoria. Nel 1998, dopo essersi laureato presso l'Istituto di Ingegneri del Trasporto Ferroviario di Samara, ha acquisito un'altra specialità: un ingegnere-economista.

Sergey ha lavorato come muratore, elettricista ferroviario, poi come capo di un treno sulla tratta Samara-Mosca, e dal 2009 fino al suo arresto è stato direttore di un salone di bellezza.

L'interesse di Sergej per lo spirituale gli è stato instillato da sua madre fin dall'infanzia. L'amore per Dio e per la Bibbia lo spinse a diventare cristiano in giovane età.

Sergej incontrò la sua futura moglie Lidiya durante l'infanzia: era amico di suo fratello. La guida spirituale ricevuta da sua madre, così come un profondo studio personale della Bibbia, hanno motivato Lydia a intraprendere il cammino cristiano. Ha sposato Sergey nel 1993. È una parrucchiera indipendente. I suoi hobby sono creare acconciature, migliorare le sue capacità professionali, leggere libri e imparare cose nuove. Inoltre, Lidiya ama viaggiare per il mondo, camminare all'aria aperta, giocare a giochi da tavolo educativi con gli amici e cantare canzoni con una chitarra.

L'accusa penale di Sergej causò sconcerto e indignazione tra i suoi parenti e colleghi. I dipendenti e i clienti del salone di bellezza sono indignati da ciò che sta accadendo, poiché rispettano Sergey e lo conoscono bene come un leader equo e un rispettabile padre di famiglia.

Casi di successo

Nel dicembre 2021 a Samara sono state perquisite almeno 10 case di testimoni di Geova. In uno degli appartamenti, le forze di sicurezza hanno torturato e picchiato i fedeli. Tre uomini sono stati arrestati e presi in custodia. Un investigatore dell’FSB russo ha aperto un procedimento penale contro Sergey Polosenko, Denis Kuzyanin, Nikolay Vasiliyev e Aram Danielyan, che tre settimane dopo è stato arrestato e mandato in un centro di detenzione preventiva, con l’accusa di continuare le attività del “Centro amministrativo dei testimoni di Geova in Russia” nella regione di Samara. Dopo circa 300 giorni di prigionia, i credenti sono stati rilasciati in base al divieto di compiere determinate azioni. Nell’aprile 2023, il caso è andato in tribunale. Nel gennaio 2024, il pubblico ministero ha chiesto che i fedeli fossero condannati a 9 anni di carcere. Nella stessa udienza, il tribunale li ha mandati in prigione per 7 anni. A maggio, la corte d’appello ha lasciato in vigore la sentenza.