Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Popov Vladimir Nikolayevich
Data di nascita: 17 gennaio 1967
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 888 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 522 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 7 anni di reclusione con servizio in una colonia correzionale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività organizzative in associazioni e organizzazioni pubbliche e religiose, per un periodo di 5 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 3 in Ulyanovsk Region
Indirizzo per la corrispondenza: Popov, Vladimir Nikolayevich, born 1967, born 1952, IK No 3 in Ulyanovsk Region, ul. Osypenko, 22, g. Dimitrovgrad, Ulyanovsk Region, Russia, 433502

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Nell'agosto 2020, nella città di Zverevo, le forze di sicurezza hanno arrestato e inviato in un centro di detenzione preventiva il padre di tre figli, Vladimir Popov. Nel settembre 2022 il tribunale lo ha condannato a 7 anni di carcere solo a causa della sua fede.

Vladimir è nato nel 1967 nella città di Shakhty, nella regione di Rostov. Suo padre lavorava come minatore e sua madre lavorava come commessa, cameriera e lavandaia. Vladimir ha una sorella minore. Ha vissuto in diversi insediamenti della regione di Rostov: Gukovo, Zverevo, distretto di Dubovsky.

Da bambino si appassionava a progettare, a costruire le sue bobinatrici giocattolo e da scolaro collezionava una bicicletta e un motorino. Al liceo, ha frequentato un circolo radiofonico.

Dopo essersi diplomato al corso di saldatore elettrico e a gas, Vladimir ha lavorato nell'ufficio alloggi. A metà degli anni '90 ha intrapreso un'attività imprenditoriale: ha aperto un'officina di riparazione auto e ha lavorato in questa zona prima di essere arrestato. Prima del procedimento penale, Vladimir era impegnato nell'apicoltura, possedeva un apiario. Ama divertirsi con gli amici e la famiglia.

Vladimir incontrò la sua futura moglie a scuola e nel 1985 si sposarono. Per istruzione, Irina è una sarta, ma dopo la nascita dei suoi figli si è occupata della loro educazione e della gestione della casa. Nel tempo libero lavora a maglia e impara l'inglese.

Vladimir e Irina hanno iniziato a studiare la Bibbia a metà degli anni '80 e hanno intrapreso insieme il cammino cristiano nell'estate del 1985. Vladimir era preoccupato per l'ingiustizia nel mondo, ed era particolarmente toccato dalla promessa di Dio di risolvere questo problema. Irina, che in precedenza era stata un'atea convinta, rimase colpita dalle spiegazioni bibliche logiche sull'origine della vita e sull'esistenza del Creatore. La coppia ha instillato i valori biblici nei loro figli: i figli Mikhail e Dmitriy e la figlia Mariya. Michele, a sua volta, alleva i suoi due figli secondo le norme cristiane.

Una volta dietro le sbarre, Vladimir ha perso la sua attività e i suoi clienti, l'apiario è stato lasciato incustodito e sua moglie, che dal 2003 si prende cura della madre paralizzata (disabile di gruppo I), è rimasta senza garanzie. A causa dello stress, Irina ha perso parzialmente la vista, il che ha richiesto cure costose.

I vicini e i parenti di Vladimir, che non condividono le sue convinzioni, non possono credere che una tale oppressione per la fede sia possibile nel nostro tempo.

Casi di successo

Nell’agosto 2020, le forze di sicurezza hanno perquisito le case dei residenti di Gukovo. Il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro Aleksey Dyadkin, Vladimir Popov, Yevgeniy Razumov, Aleksey Gorelov, Nikita Moiseyev e Oleg Shidlovsky. Credenti pacifici sono stati accusati di aver organizzato le attività di un’organizzazione estremista. Il crimine degli uomini, secondo gli inquirenti, è quello di aver “pregato e cantato cantici a Geova Dio”. Dall’agosto 2020, tutti e sei sono in custodia cautelare. Come si seppe in seguito, i credenti furono osservati a lungo da un agente dell’FSB. Nel novembre 2021, il caso è andato in tribunale. Le testimonianze degli studiosi religiosi interrogati hanno confermato che gli uomini sono processati solo per attività religiose pacifiche. Nel settembre 2022, il tribunale ha condannato Gorely e Shidlovsky a 6,5 anni e il resto dei credenti a 7 anni in una colonia a regime generale. Nel gennaio 2023 il ricorso ha confermato il verdetto e sei mesi dopo la Corte di Cassazione lo ha confermato.