Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Putintsev Aleksandr Nikolayevich
Data di nascita: 20 gennaio 1974
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 106 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 644 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 6 anni e 6 mesi con scontare una pena in una colonia correzionale di regime generale, con privazione del diritto di impegnarsi in attività di leadership in organizzazioni pubbliche per un periodo di 6 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno e 6 mesi
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 5 in Altai Territory
Indirizzo per la corrispondenza: Putintsev Aleksandr Nikolayevich, born 1974, IK No 5 in Altai Territory, ul. Traktornaya, 23, g. Rubtsovsk, Russia, 658209

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Pacchi e pacchi non devono essere spediti a causa del limite del loro numero all'anno.

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Aleksandr Putintsev, un credente pacifico di Chita, era tra gli imputati in un procedimento penale dopo un raid su larga scala contro i Testimoni di Geova nel 2020, che ha coinvolto più di 30 squadre investigative.

Aleksandr è nato nel 1974 nel villaggio di Verkhnyaya Khila in Transbaikalia ed era l'unico figlio della famiglia. Fin da bambino amava leggere ed era appassionato di fotografia. Aleksandr ha ricevuto un'istruzione tecnica secondaria ed è entrato nel mondo degli affari, lavorando in seguito con sua moglie.

La conoscenza della Bibbia alla fine degli anni '90 ha sconvolto la vita di Alexander. I principi contenuti in questo libro hanno contribuito a salvare una famiglia che all'epoca stava cadendo a pezzi. A quel tempo, Aleksandr abusava di alcol, era presuntuoso e duro. Ma tutto cambiò quando cominciò a mettere in pratica i consigli riportati nella Bibbia. Sua moglie, Galina, con la quale si è sposato nel 1994, ha deciso di seguire la via cristiana, come il marito.

I Putintsev hanno un figlio. La famiglia ama rilassarsi nella natura. Galina cucina bene.

Il procedimento penale non è stato indolore per la famiglia: sia Aleksandr che Galina hanno sofferto emotivamente. "Per molto tempo, non siamo riusciti a mettere in ordine la casa e a rimettere a posto le cose sparse dalle forze dell'ordine durante il raid", hanno detto dopo la perquisizione. "C'è un'ansia interna: ti aspetti che sfondano di nuovo la porta, irrompano nell'appartamento, li mettano a faccia in giù sul pavimento e li ammanettino dietro".

Parenti e amici considerano la sentenza illogica e ingiusta.

Casi di successo

Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev, Sergey Kirilyuk e Igor Mamalimov sono stati processati per la loro fede nel 2020, quando le forze di sicurezza hanno effettuato 50 perquisizioni a Chita e in altre città della Transbaikalia. Durante il raid, diversi fedeli sono stati arrestati e due sono stati torturati. Mamalimov, Kirilyuk ed Ermolaev sono stati rinchiusi in un centro di detenzione temporanea, dove hanno trascorso diversi giorni. A un certo punto, altri quattro credenti sono stati sospettati nel caso, ma il loro procedimento penale è stato interrotto. Per aver tenuto funzioni religiose pacifiche, il Comitato investigativo della Federazione Russa ha accusato Ermolaev, Putintsev, Mamalimov e Kirilyuk di aver organizzato l’attività di un’organizzazione estremista. Nonostante il fatto che non ci fossero vittime nel caso e non ci fossero prove di crimini contro lo Stato e l’individuo, nel 2022 il tribunale ha condannato Vladimir Ermolaev, Aleksandr Putintsev e Igor Mamalimov alla reclusione in una colonia penale per 6-6,5 anni e Sergey Kirilyuk a 6 anni sospesi. La corte d’appello ha confermato il verdetto. Le corti d’appello e di cassazione non hanno modificato questo verdetto.