Aggiornato: 19 giugno 2024
Nome: Romashov Paul Yuryevich
Data di nascita: 3 luglio 1974
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.3 (1)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 6 anni 7 mesi di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 3 anni, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 3 anni 8 mesi

Biografia

Il 15 febbraio 2019, una delle più massicce e disumane operazioni contro i credenti ha avuto luogo a Surgut e in diverse altre città del circondario autonomo di Khanty-Mansi. Sette persone sono state torturate, tre sono state inviate in un centro di detenzione preventiva (due di loro hanno trascorso 56 giorni dietro le sbarre) e il numero totale di imputati in procedimenti penali ha superato i 20. Tra loro ci sono i coniugi Pavel Romashov e Viola Shepel. Cosa sappiamo di Paolo?

Pavel è nato nel 1974 a Tomsk. È stato allevato senza padre. La mamma è una maestra della sezione di editing radiofonico, attualmente in pensione. Ci sono altri due fratelli. Da bambino era appassionato di sport, in particolare di hockey e combattimento corpo a corpo. Si è laureato, dopo aver ricevuto le professioni di muratore, installatore e saldatore elettrico. Dopo aver prestato servizio nell'esercito, ha lavorato presso il Ministero degli Affari Interni della Russia. In seguito si trasferì a Surgut per vivere con dei parenti, dove lavorò per qualche tempo in una guardia armata finché non conobbe le verità della Bibbia. Attualmente lavora come addetto alla riparazione e alla manutenzione degli edifici presso Surgutneftegaz.

Ha incontrato la sua futura moglie Viola a Tomsk e il matrimonio è stato registrato a Surgut nel 2003. Viola lavora come infermiera distrettuale nel reparto di pediatria. Circa un anno dopo il matrimonio, la coppia, osservando come le verità bibliche hanno un effetto benefico sulla loro famiglia, prese la decisione consapevole di vivere secondo i comandamenti di Cristo. Sono stati profondamente toccati dall'amore e dall'amicizia che prevalgono tra coloro che amano veramente Dio.

Pavel e Viola hanno una figlia adolescente. Tutta la famiglia ama stare nella natura e viaggiare insieme in auto. Organizza spesso vacanze per amici e parenti.

La madre di Pavel, sua sorella e gli amici sono molto preoccupati per i coniugi, guardando con paura l'ingiustizia che sta accadendo loro.

Casi di successo

Nel febbraio 2019, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro 18 uomini e 1 donna di Surgut (tra loro c’era un uomo scambiato per un testimone di Geova). Le loro case sono state perquisite. Durante gli interrogatori, 7 fedeli sono stati sottoposti a violenze. Artur Severinchik è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per 29 giorni, e Yevgeny Fedin e Sergey Loginov per 56. Timofey Zhukov è stato internato illegalmente in un ospedale psichiatrico per 14 giorni. I credenti hanno denunciato l’uso della tortura al Comitato investigativo, alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Commissario per i diritti umani, si è tenuta una conferenza stampa con la partecipazione dei difensori dei diritti umani, ma nessuna delle forze di sicurezza è mai stata assicurata alla giustizia. Nell’ottobre 2021, i materiali del caso sono stati presentati al tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto la reclusione per gli imputati da un periodo di 3 anni e 3 mesi a 8,5 anni di carcere, e per Loginov - 9,5 anni, che era la richiesta di punizione più severa per aver creduto in Geova Dio nella Russia moderna.