Aggiornato: 24 luglio 2024
Nome: Roslova Marina Valeriyevna
Data di nascita: 9 dicembre 1967
Stato attuale: Imputato
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento

Biografia

Nel marzo 2023, Marina Roslova, della città portuale di Vladivostok, nell'Estremo Oriente, ha affrontato persecuzioni per le sue opinioni religiose pacifiche.

Marina è nata nel dicembre del 1967 a Khabarovsk, situata sulle rive del fiume Amur al confine con la Cina. In seguito, la famiglia si è trasferita a Partizansk, che dista 800 km dalla sua città natale. La madre di Marina lavorava nel commercio, suo padre era impiegato nell'industria automobilistica e in seguito in una miniera. I genitori non sono più in vita.

Marina era figlia unica. Fin da bambina amava i libri, suonava il pianoforte e la chitarra. Dopo la scuola, si è trasferita a Vladivostok, dove si è diplomata in una scuola di musica con un diploma di primo violino. Negli ultimi anni ha lavorato in un'impresa di pulizie. Ama ancora leggere libri, soprattutto classici del genere poliziesco.

Marina incontrò suo marito a Vladivostok. Nel 1988 si sono sposati e un anno dopo hanno avuto un figlio. Nel 1992, suo marito morì tragicamente e lei dovette crescere suo figlio da sola. È uno chef professionista.

Negli anni '90 Marina ha iniziato a esaminare la Bibbia. È rimasta colpita dal fatto che questo libro sia accurato, armonioso e coerente, come un brano musicale, oltre che logico e autoesplicativo. Nel 1998 è diventata testimone di Geova.

Di fronte a un procedimento penale, Marina cerca di rimanere positiva. Parenti e amici non sanno cosa stia succedendo.

Casi di successo

Dopo una serie di perquisizioni a Vladivostok nel marzo 2023, tre testimoni di Geova sono stati arrestati e messi in un centro di detenzione temporanea. Due giorni dopo, Yegor Pogrebnyak è stato rilasciato agli arresti domiciliari e Yuriy Byche e Sergey Novoselov sono stati mandati in un centro di detenzione preventiva. È stato aperto un procedimento penale contro i credenti in base a un articolo estremista. Più tardi, nello stesso mese, Tatiana Kazakova, Marina Roslova, Alina Tkachenko, Anastasia Dyldina ed Elena Romanova sono diventate imputate nel caso. E a dicembre, dopo nuove perquisizioni, Kirill Chekolayev è stato arrestato e messo in un centro di detenzione preventiva. Trascorse circa 5 mesi in prigione e Novoselov e Byche trascorsero quasi un anno. Tutti e tre sono stati rilasciati con il divieto di alcune azioni.