Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Safronova Anna Arnoldovna
Data di nascita: 22 luglio 1965
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2), 282.3 (1)
Trattenuto in custodia cautelare: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 79 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 236 Giorni Agli arresti domiciliari, 803 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di 6 anni di reclusione con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 3 anni; con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno; con l'esecuzione di una pena privativa della libertà in una colonia penale di regime generale
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 7 in Stavropol Territory
Indirizzo per la corrispondenza: Safronova Anna Arnoldovna, born 1965, IK No. 7 in Stavropol Territory, ul. Pochtovaya, 78, g. Zelenokumsk, Stavropol Territory, Russia, 357910

Le lettere di sostegno possono essere inviate per posta ordinaria o tramite il sistema di lettere FSIN . Per pagare le lettere con una carta di una banca estera, utilizzare il servizio Prisonmail .

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Nel giugno 2021, i rappresentanti dell'FSB hanno interrotto la vita tranquilla di Anna Safronova, una 55enne residente ad Astrakhan, quando hanno fatto irruzione nella sua casa, dove vive con la madre di 81 anni.

Anna è nata nel luglio del 1965 a Volgograd. Da bambina ha studiato musica: ha cantato in un coro, si è esibita in un ensemble, si è diplomata in una scuola di musica nella classe di violino.

Dopo la scuola, Anna è entrata al Politecnico di Volgograd e si è laureata nel 1987 in ingegneria meccanica di fonderia. Ha lavorato come ingegnere progettista presso l'impianto di mietitrebbia di Kherson intitolato a G. I. Petrovsky (Ucraina), dove lei e suo marito sono stati inviati per la distribuzione come giovani specialisti. In seguito, Anna ha dovuto padroneggiare diverse professioni: è stata operaia, magazziniera e contabile senior presso la fabbrica di dolciumi Slavyanka, operatrice in un'agenzia di stampa e addetta alle pulizie.

Nel 1998 Anna è rimasta vedova. Suo figlio aveva 11 anni all'epoca. Un ragazzo dell'adolescenza cercava di guadagnare soldi extra ogni vacanza per aiutare sua madre. Dopo la scuola, si è laureato al Volgograd Construction College.

Anna scrive poesie, le piace soprattutto fare vignette amichevoli in poesia per i suoi amici.

Nel 1994 Anna cominciò a studiare la Bibbia. In questo libro, le è piaciuto particolarmente il fatto che Dio vuole unire persone di diverse nazionalità, culture e status sociale in un'unica grande famiglia spirituale. Questo le toccò profondamente il cuore e nel 1996 divenne testimone di Geova.

Nel 2014, Anna si è trasferita ad Astrakhan. È senza lavoro da novembre 2020, poiché si prende cura di una madre anziana.

L'accusa penale ha lasciato un'impronta sullo stato emotivo di entrambe le donne. Anna e sua madre hanno sperimentato uno stress particolarmente forte durante la prima perquisizione, quando all'improvviso hanno sentito dei forti colpi con i pugni e i piedi sulla porta.

I parenti di Anna sono preoccupati per lei, anche se tutti sono fermamente convinti della sua innocenza nel crimine che le viene imputato. Capiscono che Anna, come molti altri testimoni di Geova in Russia, è perseguitata solo per la sua fede in Geova Dio.

Casi di successo

Nel giugno 2020, Anna Safronova è diventata testimone in un caso contro quattro fedeli di Astrakhan e il suo appartamento è stato perquisito. Un anno dopo, l’inchiesta ha aperto un procedimento penale contro la stessa credente, accusandola di aver partecipato alle attività di un’organizzazione estremista e di averla finanziata. La donna è stata inserita nella lista degli estremisti di Rosfinmonitoring e i suoi conti bancari sono stati bloccati. Ben presto, l’appartamento, dove viveva anche la madre di Anna, che ha più di 80 anni, è stato perquisito di nuovo. Safronova è stata posta agli arresti domiciliari. Nel novembre 2021 il suo caso è finito in tribunale e alla fine di gennaio 2022 Anna è stata condannata a 6 anni di carcere, una pena senza precedenti per le donne Testimoni di Geova in Russia. Questo è il periodo richiesto dal pubblico ministero. Nell’aprile 2022, il tribunale regionale di Astrakhan, e successivamente la corte di cassazione, hanno confermato questo verdetto.