Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Seidkuliev Rustam Ataevich
Data di nascita: 17 luglio 1977
Stato attuale: chi ha scontato la pena principale
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Tempo trascorso in prigione: 1 Giorno nel centro di permanenza temporanea, 77 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 216 Giorni Agli arresti domiciliari, 611 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 2 anni e 4 mesi, con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, con l'esecuzione di una pena detentiva in una colonia correzionale di regime generale

Biografia

Nel maggio 2021, il tribunale ha dichiarato Rustam Seidkuliev colpevole di aver partecipato ad attività estremiste e lo ha condannato a 2,5 anni di carcere per la sua fede. Successivamente, la corte d'appello ha ridotto questo periodo di 2 mesi.

Rustam è nato nel 1977 ad Ashgabat (ex RSS Turkmena). Da bambino, era impegnato nella lotta libera, nelle arti marziali. Si è laureato al college e ha acquisito la professione di maestro telefonico. Lavorava come rifinitore. Nel tempo libero era appassionato di musica: suonava la chitarra.

Nel 1993 Rustam si interessò agli insegnamenti biblici e dopo 2 anni sua madre lo raggiunse. Rimase colpito dalla coerenza interiore della Bibbia, dai suoi consigli salvifici e dalle profezie che adempiono.

Le convinzioni religiose di Rustam non gli permettevano di prendere le armi, così si rifiutò di fare il servizio militare. Per essersi rifiutato di arruolarsi nell'esercito, è stato condannato due volte (nel 1995 e nel 1996) e ha trascorso 1 anno e 8 mesi in una colonia a regime generale.

Nel 2000, la famiglia si è trasferita dal Turkmenistan a Saratov, poiché il patrigno di Rustam è stato espulso dal paese a causa della sua religione.

Un anno dopo il trasferimento, Rustam incontrò la sua futura moglie Yuliya, che all'epoca era già cristiana da 8 anni. Di professione fa la sarta, ama la musica e suona il pianoforte. Yuliya è una casalinga. Alla coppia piacciono i film, i picnic, il ping pong, il bowling.

Il forte stress dopo l'arresto del marito ha minato la salute di Yuliya. Parenti, amici e clienti di Rustam sono indignati per il fatto che una persona amante della pace sia stata gettata dietro le sbarre solo a causa della sua fede in Dio.

Casi di successo

Nel gennaio 2020, il comitato investigativo ha avviato un procedimento penale contro Rustam Seidkuliev. Fu accusato di estremismo per aver letto e discusso la Bibbia. Due settimane dopo, la polizia ha arrestato un credente in un centro commerciale di Adler. Fu trasportato nella città di Saratov e posto agli arresti domiciliari per sette mesi. Nel marzo 2021, il caso di Seidkuliev è arrivato in tribunale. Due mesi dopo fu giudicato colpevole e condannato a due anni e mezzo in una colonia a regime generale. Il tribunale regionale ha ridotto tale termine di due mesi. La Corte di Cassazione ha approvato questa decisione. Seidkuliev ha scontato la sua pena nella colonia penale 33 di Saratov. Durante questo periodo, l’FSB ha portato a termine la revoca della sua cittadinanza russa. Nell’aprile 2023 il credente è stato rilasciato dalla colonia e a settembre è stato deportato in Turkmenistan.