Aggiornato: 23 luglio 2024
Nome: Serdtseva Larisa Nikolayevna
Data di nascita: 11 luglio 1975
Stato attuale: Sospettare
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)

Biografia

Larisa Serdtseva, madre di molti bambini, è diventata imputata in un procedimento penale a causa delle sue convinzioni nel febbraio 2024.

Larisa è nata nel luglio del 1975 nella città di Neftekamsk (Baškiria). È cresciuta con suo fratello maggiore. Il padre lavorava nell'industria petrolifera e del gas e la madre lavorava come venditrice.

Dopo la scuola, Larisa ha ricevuto la professione di sarta. In seguito ha lavorato in vari campi, e al momento dell'avvio del procedimento penale lavorava in un'impresa di pulizie.

Durante la sua vita, Larisa ha dovuto vivere in diverse città degli Urali: Agidel, Urengoy e Muravlenko. Nel 1998 ha sposato Vladimir e dopo un po' si sono trasferiti a Shakhunya, nella regione di Nizhny Novgorod, la patria del marito. La coppia ebbe tre figlie. Il più grande è già adulto, lavora come venditore, i più piccoli vanno ancora a scuola.

Larisa ama coltivare fiori. La famiglia è felice di viaggiare. Al capofamiglia piacciono la falegnameria e la falegnameria, la figlia maggiore è appassionata di fotografia, quella di mezzo ama disegnare, lavorare a maglia e intrecciare perline e la più giovane ama gli animali.

Per molti anni, Larisa si è preoccupata del perché ci sia così tanta ingiustizia nel mondo. Ha trovato la risposta a questa domanda nella Bibbia. Ha deciso di intraprendere la via cristiana nel 2001. Vedendo che l'applicazione dei consigli biblici ha un effetto positivo su sua moglie e sui suoi figli, 10 anni dopo Vladimir decise di diventare testimone di Geova.

Larisa ha detto: "Il procedimento penale ha rafforzato la mia fede. Io e mio marito siamo diventati molto amici: è un tale supporto per me! E in generale, tutta la famiglia si è mobilitata. Tutti intorno a lei, amici e parenti, non riescono a capire perché la credente sia perseguitata.

Casi di successo

Nel febbraio 2024, il Ministero degli Affari Interni ha aperto un procedimento penale contro persone non identificate per aver partecipato alle attività di un’organizzazione estremista. Allo stesso tempo, sono state effettuate perquisizioni in 7 indirizzi nelle città di Shakhunya, Gorodets e nel villaggio di Vakhtan. Le sospettate erano Nina Smirnova e Larisa Serdtseva.