Aggiornato: 19 giugno 2024
Nome: Severinchik Arthur Vasilyevich
Data di nascita: 27 ottobre 1968
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1)
Tempo trascorso in prigione: 2 Giorni nel centro di permanenza temporanea, 26 Giorni nel centro di detenzione preventiva
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: Pena sotto forma di 6 anni e 3 mesi di reclusione, con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate alla leadership e alla partecipazione al lavoro di organizzazioni pubbliche per un periodo di 3 anni, con limitazione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 3 anni e 6 mesi

Biografia

Il 15 febbraio 2019 a Surgut si è verificata una delle più massicce azioni di intimidazione dei credenti in quel momento. Le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nelle case dei residenti locali in tutta la città, alcuni sono stati torturati e sono stati avviati procedimenti penali contro 19 persone. Uno di loro è Artur Severinchik. Cosa si sa di lui?

Artur è nato nel 1968 a Vladivostok. Di professione gruista, appassionato di pesca e radioamatore. Da bambino, pescava spesso con suo padre su una barca. Recentemente si è occupato del giardino e dell'orto, riparando apparecchiature televisive e altre attrezzature.

Dal 1990, Artur è sposato con Irina, un'insegnante di scuola materna, pittrice di cavalletti e grafica. Pochi anni dopo il matrimonio, la coppia prese la decisione consapevole di vivere secondo i precetti di Cristo. Secondo Arthur, ha sempre avuto fede in Dio, ma non ne aveva conoscenza. Lo studio della Bibbia ha aiutato entrambi i coniugi a rafforzare la loro fede e a vedere il sostegno di Dio nella loro vita. La famiglia ha quattro figli adulti e a volte si riuniscono per uscire nella natura o andare a pescare insieme.

Per tutta la famiglia, l'imprigionamento di Arthur fu un grande shock. Sono stati feriti dalla crudeltà e dall'umiliazione che i credenti affrontano oggi. Molti dei parenti e dei colleghi di Arthur, che non condividono le sue opinioni religiose, non riescono a capire ciò che le autorità consideravano estremista nella sua religione.

Casi di successo

Nel febbraio 2019, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro 18 uomini e 1 donna di Surgut (tra loro c’era un uomo scambiato per un testimone di Geova). Le loro case sono state perquisite. Durante gli interrogatori, 7 fedeli sono stati sottoposti a violenze. Artur Severinchik è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per 29 giorni, e Yevgeny Fedin e Sergey Loginov per 56. Timofey Zhukov è stato internato illegalmente in un ospedale psichiatrico per 14 giorni. I credenti hanno denunciato l’uso della tortura al Comitato investigativo, alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Commissario per i diritti umani, si è tenuta una conferenza stampa con la partecipazione dei difensori dei diritti umani, ma nessuna delle forze di sicurezza è mai stata assicurata alla giustizia. Nell’ottobre 2021, i materiali del caso sono stati presentati al tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto la reclusione per gli imputati da un periodo di 3 anni e 3 mesi a 8,5 anni di carcere, e per Loginov - 9,5 anni, che era la richiesta di punizione più severa per aver creduto in Geova Dio nella Russia moderna.