Aggiornato: 24 giugno 2024
Nome: Shchekoldina Lyudmila Ivanovna
Data di nascita: 25 giugno 1976
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (1.1), 282.2 (2)
Trattenuto in custodia cautelare: 136 Giorni nel centro di detenzione preventiva, 628 Giorni nella colonia
Frase: pena sotto forma di reclusione per un periodo di 4 anni 1 mese con privazione del diritto di impegnarsi in attività legate all'organizzazione e alla partecipazione ad associazioni pubbliche, gruppi per un periodo di 3 anni e con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno e 8 mesi, con scontare una pena detentiva in una colonia correzionale di regime generale
Attualmente trattenuto a: Penal Colony No. 28 in Volgograd Region
Indirizzo per la corrispondenza: Shchekoldina Lyudmila Ivanovna, born 1976, IK No. 28 in Volgograd Region, ul. Promyshlennaya, 12, g. Leninsk, Volgograd Region, Russia, 404621

Lettere di sostegno possono essere inviate in formato cartaceo a mezzo «zonatelecom».

Nota: nelle lettere non e' consentito parlare di argomenti relativi al procedimento penale ; il Russo e' l'unica lingua autorizzata

Biografia

Il 29 aprile 2020, al culmine della pandemia, gli ufficiali dell'FSB con rappresentanti dei cosacchi locali hanno fatto irruzione nelle case dei civili in due villaggi del territorio di Krasnodar, hanno condotto perquisizioni e interrogatori. Lyudmila Shchekoldina, del villaggio di Pavlovskaya, è stata sospettata dalle forze di sicurezza di essere una "aderente a un'organizzazione vietata". Contro di lei è stato aperto un procedimento penale e al credente è stato tolto il riconoscimento di non andarsene.

Lyudmila è nata nel giugno del 1976 nel villaggio di Aleksandrovka (Territorio di Krasnodar). Mio padre è già morto, mia madre è una pensionata. Ha una sorella e un fratello maggiori. Da bambina ha imparato a suonare il pianoforte e si è appassionata alla tessitura del macramè.

Dopo essersi laureata all'Università Statale di Orël, Lyudmila ha conseguito la laurea in insegnante di scuola primaria con il diritto di insegnare lingua e letteratura russa nella scuola media. Specialista nel servizio di protezione sociale della popolazione, nel suo villaggio natale ha lavorato con pensionati, disabili, orfani. Nel 2007 si è trasferita nel villaggio di Pavlovskaya. Lì ha lavorato come stuccatrice, governante e ora è bidella in una scuola sportiva. I dipendenti rispettano Lyudmila e il datore di lavoro apprezza il suo atteggiamento coscienzioso nei confronti del lavoro, confermato dalle lettere di ringraziamento a lei indirizzate.

Da bambina, Lyudmila pensava al senso della vita e alle cause del male e dell'ingiustizia nel mondo. Era particolarmente preoccupata per la questione di ciò che accade a una persona dopo la morte. A metà degli anni '90 Ljudmila conobbe gli insegnamenti biblici e ricevette risposte soddisfacenti alle sue domande. Di conseguenza, Lyudmila ha intrapreso il cammino cristiano e considera suo dovere condividere con gli altri le informazioni che hanno aiutato se stessa.

Dopo le violente incursioni del 29 aprile 2020, le condizioni emotive e fisiche di Lyudmila sono peggiorate in modo significativo, le malattie croniche sono peggiorate a causa del nervosismo e ha dovuto andare dai medici. I parenti aiutano Lyudmila e si preoccupano per lei. La più preoccupata è l'anziana madre, che non può più fare a meno dell'aiuto della figlia.

I dipendenti di Lyudmila sono scioccati dal fatto che una donna responsabile e rispettabile che non è mai stata condannata possa improvvisamente essere classificata come criminale. I colleghi incoraggiano Lyudmila rassicurandola: "Aspetta, andrà tutto bene, pregheremo per te!".

Casi di successo

Nell’aprile 2020, l’FSB ha aperto un procedimento penale contro Lyudmila Shchekoldina del villaggio di Pavlovskaya. L’accusa si basava sul rapporto dell’agente dei servizi speciali Ilchenko secondo cui il credente avrebbe cercato di coinvolgerlo nelle attività di un’organizzazione estremista. Questo è il modo in cui l’indagine ha considerato le sue conversazioni con Shchekoldina su argomenti biblici. Dopo una perquisizione di 9 ore nella casa della donna e un interrogatorio, hanno preso un impegno scritto a non lasciare il posto. Nel maggio 2021, il caso è andato in tribunale. Un anno dopo, il tribunale ha condannato il credente a 4 anni e 1 mese in una colonia penale. La corte d’appello ha confermato il verdetto nell’ottobre 2022. Nel marzo 2023, la corte di cassazione non ha modificato questa decisione. Nella colonia, la salute di Lyudmila è peggiorata ed è stata programmata per un intervento chirurgico. Per sei mesi la credente ha sopportato forti dolori, e solo nell’agosto 2023 l’amministrazione della colonia le ha permesso di ricevere le cure necessarie.