Aggiornato: 19 giugno 2024
Nome: Shepel Viola Alexandrovna
Data di nascita: 19 luglio 1976
Stato attuale: persona condannata
Articolo del Codice Penale Russo: 282.2 (2)
Limitazioni attuali: Accordo di riconoscimento
Frase: pena sotto forma di 3 anni 3 mesi di reclusione con restrizione della libertà per un periodo di 1 anno, la pena sotto forma di reclusione è considerata condizionale con un periodo di prova di 2 anni

Biografia

Nel febbraio 2019, una delle operazioni più massicce e disumane contro i credenti ha avuto luogo a Surgut e in diverse altre città del circondario autonomo di Khanty-Mansi. 7 persone hanno denunciato di essere state torturate, 3 persone sono rimaste in custodia per lungo tempo e il numero totale di imputati in procedimenti penali ha superato i 20. Una di loro è Viola Shepel.

Viola è nata nel 1976 nella città di Stepnogorsk (Kazakistan). Ha un fratello. Il padre è un ingegnere, la madre è un'operatrice informatica di una fabbrica di strumenti. La stessa Viola ha scelto la strada medica e si è laureata al Tomsk Basic Medical College. Ha lavorato per 8 anni nel reparto di oncologia della clinica e recentemente ha lavorato come infermiera distrettuale nel reparto pediatrico.

Quando Viola aveva 3 anni, la sua famiglia si trasferì a Tomsk, in Russia. Nel 2003 si è sposata e si è trasferita con il marito a Surgut. Più o meno nello stesso periodo, trovò nella Bibbia risposte ragionevoli alle sue domande sull'esistenza di Dio, sul significato della vita e sulle relazioni tra le persone.

Viola e suo marito Pavel hanno una figlia. Tutta la famiglia ama stare nella natura e viaggiare, spesso organizza vacanze per gli amici.

Casi di successo

Nel febbraio 2019, il Comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro 18 uomini e 1 donna di Surgut (tra loro c’era un uomo scambiato per un testimone di Geova). Le loro case sono state perquisite. Durante gli interrogatori, 7 fedeli sono stati sottoposti a violenze. Artur Severinchik è stato mandato in un centro di detenzione preventiva per 29 giorni, e Yevgeny Fedin e Sergey Loginov per 56. Timofey Zhukov è stato internato illegalmente in un ospedale psichiatrico per 14 giorni. I credenti hanno denunciato l’uso della tortura al Comitato investigativo, alla Corte europea dei diritti dell’uomo e al Commissario per i diritti umani, si è tenuta una conferenza stampa con la partecipazione dei difensori dei diritti umani, ma nessuna delle forze di sicurezza è mai stata assicurata alla giustizia. Nell’ottobre 2021, i materiali del caso sono stati presentati al tribunale. Il pubblico ministero ha chiesto la reclusione per gli imputati da un periodo di 3 anni e 3 mesi a 8,5 anni di carcere, e per Loginov - 9,5 anni, che era la richiesta di punizione più severa per aver creduto in Geova Dio nella Russia moderna.